Seguici su:

Attualità

A grandi passi verso la darsena del porto

Pubblicato

il

Il Sindaco Lucio Greco e l’Ing. Pietro Inferrera, esperto del Comune per la pianificazione strategica, intervengono dopo le dichiarazioni dei componenti del comitato Pro – Porto, che si sono sentiti esclusi dall’intesa raggiunta tra l’Ente e Sicindustria Caltanissetta per la riqualificazione, l’ammodernamento e la rifunzionalizzazione del Porto Rifugio.L’intenzione dell’Amministrazione Comunale è quella di coinvolgere tutti gli attori che operano all’interno del bacino portuale esistente e di renderli partecipi nei prossimi passaggi tecnico – amministrativi. Per meglio far comprendere l’azione che si è avviata, di concerto con Sicindustria CL, Greco e Inferrera precisano che la donazione dello studio tecnico di fattibilità è regolamentata da un apposito atto di convenzione. “Quest’ultima – dichiarano – sarà sottoscritta nei prossimi giorni, e prevede il massimo coinvolgimento di tutti gli operatori. Lo studio tecnico dovrà essere conforme al piano regolatore portuale, ed in sintonia sia con il travagliato progetto di dragaggio che con il progetto definitivo della Grande Darsena Commerciale. Gli operatori di settore verranno interpellati nel momento in cui Sicindustria consegnerà la bozza di layout portuale, così da poter approfondire, migliorare o modificare insieme la prima ipotesi progettuale. La successiva fase – proseguono – vedrà coinvolto il consiglio comunale per una presa d’atto, preventivamente condivisa con gli operatori di settore, così da poter avviare la fase delle autorizzazioni utili e necessarie per l’approvazione finale”.

L’azione dell’amministrazione comunale e di Sicindustria Caltanissetta, pertanto, è totalmente in linea con tutte le attività messe in campo sino ad oggi con gli operatori portuali e la Regione Siciliana, ed ha come obiettivo quello di dotarsi di un progetto che sia complementare a quelli già esistenti e che faccia da cerniera con la visione generale dell’infrastruttura. Il fine ultimo è quello di completare, migliorare e riqualificare il Porto Rifugio nella parte pescatori, del diporto nautico e commerciale, e poter intercettare un finanziamento pubblico per il suo completamento e per rendere funzionale e sicura la parte esistente.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. In  cerca di soluzioni

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Antiracket con il punto interrogativo

Pubblicato

il

Si svolgerà oggi alle 18 l’assemblea dei soci dell’associazione antiracket Gaetano Giordano per eleggere il direttivo da cui poi si sceglierà il presidente.

Tredici i candidati. Tre giorni fa il Prefetto di Caltanissetta ha cancellato l’associazione dall’albo prefettizio ma gran parte degli iscritti rimasti ritiene di dover andare avanti lo stesso procedendo con le elezioni per poi presentare ricorso contro il decreto. Pare inoltre che l’ex presidente Renzo Caponetti stia lavorando per fondare una nuova associazione.Una situazione in divenire con risvolti non prevedibili.

L’unico dato certo è che l’immagine di Gela ha subito un grave danno per gli errori e gli scivoloni di un’associazione considerata un modello italiano.

Continua a leggere

Attualità

Il ministro Salvini: ecco i fondi per la tangenziale di Gela

Pubblicato

il

395milioni di euro per il completamento della tangenziale di Gela.

“I fondi ci sono: la Corte dei conti ha registrato la delibera Cipess del 27 dicembre scorso, con la quale è stato approvato l’aggiornamento 2022 del Contratto di programma Anas del valore di 4,5 mld, rendendo così disponibili le risorse per emanare i bandi. Lo schema di progetto anche. I lavori interesseranno le statali n. 626 e n. 115, relativi ai lotti 7 e 8 di completamento della tangenziale gelese. Un’arteria strategica, che collegherà strade fondamentali per la viabilità locale, aprendo due varchi essenziali verso Catania e Caltanissetta ed il resto della Sicilia. Vogliamo far ripartire i cantieri e sbloccare opere. Non ci fermeremo”. Lo dice il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852