Seguici su:

Attualità

Al via l’organizzazione per ricordare il 10 luglio ’43

Pubblicato

il

Si mette in moto la macchina organizzativa per celebrare, come da tradizione, l’anniversario dello sbarco degli alleati, datato 10 luglio 1943. Questa mattina, al Comune, il Sindaco Lucio Greco e l’assessore Cristian Malluzzo hanno incontrato una delegazione del Comando di Telecomunicazioni e Computer NCTS della base USA di Sigonella formata, tra gli altri, dal Comandante dell’NCTS Capitano di Fregata Bryan A. Evans e dal Responsabile delle Relazioni Esterne della NAS americana Alberto Lunetta. Presenti, in rappresentanza del Kiwanis Club che da anni segue e co-organizza le celebrazioni, il presidente Diego Lana, il segretario Pippo Abbate e Franco Di Silvestre, componente del direttivo.

Si inizia a lavorare al programma, dunque, che quest’anno non dovrebbe prevedere il momento commemorativo di Ponte Olivo. Al suo posto la scopertura del monumento ai caduti che il Rotary Club sta facendo realizzare al lungomare, vicino all’ex dogana. Ulteriori dettagli saranno stabiliti e comunicati in seguito.

Nel luglio 1943 le forze alleate Anglo-Americane sbarcano in più punti della Sicilia. In particolare, alle ore 2,45 del 10 luglio iniziano gli sbarchi a Gela e il golfo venne invaso da una straordinaria forza navale mai vista prima. La resistenza italiana altrove fu travolta, ma non a Gela, dove, sul litorale, si scatenò una furiosa battaglia. “E’ un dovere celebrare la memoria dei tanti caduti di quei giorni cruciali per le sorti della nostra Nazione – ha esordito il Sindaco Greco – e siamo qui, come sempre, pronti a tributare i giusti onori. Un ringraziamento va al Kiwanis per la fattiva collaborazione. E’ con grande piacere che ci apprestiamo ad organizzare ancora una volta questa toccante cerimonia, che, negli anni, è entrata nel dna dei gelesi ed è diventata anche un momento di condivisione e gemellaggio tra la comunità locale e quella americana”.

Il Sindaco ha colto l’occasione dell’incontro con la delegazione di Sigonella per riaccendere i riflettori sulla questione del pontile sbarcatoio, che l’amministrazione comunale intende salvare ma sul quale pende la spada di Damocle della demolizione. Non è escluso che, prossimamente, il Primo Cittadino possa recarsi all’Ambasciata americana a Roma per chiedere una reale collaborazione al governo statunitense e cercare di recuperare e salvare insieme la struttura

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

I topi del Lungomare e il sindaco che invita i gelesi a lavare in casa i panni sporchi

Pubblicato

il

La presenza massiccia di colonie di grossi topi al Lungomare è dovuta anche al fatto che all’Orto Paqualello sono stati fatti i lavori di bonifica. Il sindaco Terenziano Di Stefano assicura da domani la derattizzazione della zona balneare.

L’iniziativa giunge dopo un video sui social che è diventato virale con sei topi che gironzolavano indisturbati mentre girando l’angolo c’erano tante persone- anche famiglie con bambini- che passeggiavano al Lungomare.

Il sindaco si è rivolto ai cittadini chiedendo di non fare danni all’immagine della città postando video di quel genere che non si cancellano mai.

Di Stefano chiede che vengano girati a lui e agli assessori assicurando un pronto intervento. Insomma niente social ma più comunicazione diretta con chi governa per segnalare problemi che si verificano ovunque ma che sbattuti sui social fanno danno alla città. I panni si lavano in casa: è il principio del primo cittadino. Ma per farlo deve esserci …l’acqua.

Continua a leggere

Attualità

Appello dell’avv.Capici ai giovani:”divertitevi al mare ma usando sempre intelligenza e saggezza”

Pubblicato

il

Si sfidano con i tuffi dalla testata del pontile una struttura pericolosa ed interdetta al transito di persone.

Ma per i giovanissimi ( uomini e donne) è come se quei cartelli di divieto non esistessero. Pericolante e quindi pericolosa la struttura del pontile, pericolosi pure i fondali marini. Però questo non serve da freno.

Un appello ai giovani lo ha lanciato l’avv.Paolo Capici tetraplegico dopo un tuffo a mare: “Ci vogliamo divertire ma il mare può essere pericoloso e lo dice uno che trascorre da 44 anni la sua vita su una sedia per un tuffo in acque basse quindi raccomando ai giovani di essere molto prudenti e non tuffarsi mai in acque basse perché ne vale la vita o la loro condizione di vita che sarà compromessa e rovinata per sempre. Buon divertimento ma con intelligenza e saggezza”

Continua a leggere

Attualità

Interact club, nuovo direttivo: Elias d’Aleo il neo presidente

Pubblicato

il

Nuovo direttivo per l’Interact club. Al presidente uscente Stefano Romano subentra il neo presidente Elias d’Aleo, che guiderà il giovane club della famiglia rotariana a partire da questo anno sociale. L’avvicendamento al vertice è avvenuto durante la tradizionale cerimonia del passaggio della campana.

Fanno parte dell’Interact i membri del direttivo Giuseppe Sasunna (vicepresidente), Silvia Blanco (segretario), Martina Romano (prefetto), Eleonora Crapanzano (tesoriere), Claudia Mezzasalma e Celeste Impellizzeri (consiglieri).

Alla cerimonia erano inoltre presenti il presidente del Rotary Gaetano Fasciana, la presidente dell’Inner Wheel Tiziana De Maria, la presidente dell’Interact club di Niscemi Isabella Caruso e il presidente del Rotaract di Piazza Armerina Stefano Vitale. Dopo anni di servizio, concludono la loro esperienza nell’Interact gelese Gioele Gerbino, Claudio Di Bartolo e Stefano Romano. 

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852