Seguici su:

Giudiziaria

Attivita’ estrattiva senza autorizzazione a Licata: per la Cassazione è illegittima la sanzione di oltre 20.000 mila euro inflitta a un privato

Pubblicato

il

Nel 2012, il Distretto Minerario di Caltanissetta infliggeva al sig. B.C. una sanzione per oltre 20.000 mila, per aver svolto, in assenza di autorizzazione, attività estrattiva di materiale calcareo su terreni di sua proprietà siti nel territorio del Comune di Licata; oltre alla preclusione, per lo stesso, di poter ottenere, per dieci anni, qualsivoglia autorizzazione all’esercizio di cave sul territorio regionale.
Al fine di dimostrare la propria estraneità ai fatti e alle violazioni contestate, il sig. B.C. decideva allora di agire in giudizio, assistito dagli avv.ti Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza, impugnando il provvedimento sanzionatorio allo stesso inflitto.
Contestata l’assenza di prove da cui potesse emergere una qualsiasi forma di responsabilità del proprio assistito, gli avv.ti Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza evidenziavano, inoltre, come, sebbene proprietario dei terreni interessati dalla contestata escavazione, il sig. B.C. non ne avesse di fatto mai avuto la disponibilità materiale, avendo ceduto il fondo in comodato d’uso a terzi e stipulato successivamente un preliminare di vendita dei terreni coinvolti dall’attività estrattiva sanzionata.
La Corte di Cassazione, preso atto di tali circostanze, ha accolto il ricorso e, in adesione alle tesi difensive sostenute dagli Avv.ti Rubino e Valenza, ha cassato la sentenza della Corte di Appello di Palermo che aveva ritenuto il sig. B.C. responsabile, in quanto proprietario dei terreni, della contestata escavazione, rilevando che, invece, “per affermare la responsabilità del proprietario del terreno con la persona fisica che materialmente eseguì o diresse le operazioni di escavazione la Corte avrebbe dovuto accertarsi che al momento di tali operazioni il proprietario non risultasse sostituito dal altro soggetto titolare di un diritto personale di godimento trovante titolo nei contratti di comodato”.
Per effetto di tale pronuncia, nessuna sanzione dovrà, dunque, essere pagata dal sig. B.C. proprietario dei terreni per l’attività di estrazione di materiale calcareo non autorizzata sul fondo di sua proprietà.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Giudiziaria

Falso ideologico a vantaggio di alcune società che operano sulle navi

Pubblicato

il

La Procura della Repubblica di Gela, nell’ambito del Procedimento Penale n. 1029/2020 R.G.N.R. Mod. 21, ha concluso le indagini preliminari, nei confronti del legale rappresentante, nonché di alcuni dipendenti e capi turno di una società operante presso il Porto Isola di Gela, espletanti un servizio a tutela della incolumità dei lavoratori portuali, nonché di salvaguardia della vita umana in mare,
per i reati di cui agli artt. 81,110,479 Codice Penale, nonché 1127 Codice della Navigazione, in ordine all’organizzazione del servizio di turnazione sulle proprie unità navali impegnate nel servizio di sfuggita e primo intervento presso il Porto Isola di Gela.
In particolare, all’esito delle indagini preliminari, sono stati ipotizzati i reati di falsità ideologica nella predisposizione della documentazione relativa alla turnazione aziendale al fine di procurare vantaggio alla società, contravvenendo alle norme che regolano l’impiego del personale marittimo imbarcato sulle unità navali.
L’attività investigativa è stata effettuata dai militari della Capitaneria di porto di Gela, nell’ambito dell’espletamento delle proprie attività di monitoraggio e controllo delle attività nel compartimento marittimo di Gela

Continua a leggere

Giudiziaria

Resistenza, lesioni e minacce: chiesto rinvio a giudizio di gelese manesco

Pubblicato

il

La Procura della Repubblica di Gela ha formulato la richiesta di rinvio a giudizio di un trentenne gelese per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni, minacce e violazione di domicilio.Il 13 luglio scorso, durante la notifica di un atto a soggetti terzi, i militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Gela furono aggrediti fisicamente dall’uomo riportando lesioni giudicate guaribili in 3 e 5 giorni.A distanza di qualche settimana, lo stesso soggetto innescava una discussione con altre persone coinvolte nello stesso procedimento. In quella circostanza, dopo aver proferito insulti, frasi minacciose e dopo essersi introdotto nell’abitazione delle vittime le aggredì causando lesioni personali.

Continua a leggere

Giudiziaria

Annullato dal Tribunale del riesame il sequestro di batterie per veicoli

Pubblicato

il

Ordinanza del Tribunale del Riesame di annullamento del provvedimento di sequestro di pezzi di ricambio per mezzi di lavoro. Qualche tempo fa nel corso di un controlli dei carabinieri erano state sequestrate tre batterie di cui  era risultata chiara la provenienza. Tre persone a cui erano state sequestrate le batteria sono stati segnalate per ricettazione e il sequestro fu convalidato dal Pubblico Ministero. Successivamente sono state presentate le istanze da parte dei legali a difesa dei tre soggetti denunciati: uno di questi è difeso dall’avv. Salvo Macrì. Oggi arriva l’ordinanza dell’annullamento del sequestro e della convalida con la restituzione agli aventi diritto delle batterie ( due batterie per  autoarticolati ed una di autovettura). L’istanza dell’avv. Macrì è stata avanzata per T.G. di 45 anni.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852
Informazioni Pubblicitarie