Seguici su:

Politica

Di Paola (M5S): “Col reddito di cittadinanza un milione di poveri in meno all’anno, lo ammette il governo nazionale”

Pubblicato

il

Palermo – “Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro.

Nei quattro anni in cui è stato in vita, questo strumento ha fatto uscire dalla povertà un milione di persone all’anno, ma alla Meloni questo non interessava, visto che lo ha cancellato per interessi elettorali”.
Lo afferma il coordinatore regionale per la Sicilia del M5S, Nuccio Di Paola.

“Pur di andare contro una misura del M5S – dice Di Paola – il governo Meloni non ha esitato a mandare sul lastrico centinaia di migliaia di famiglie dichiarando ufficialmente guerra ai poveri e non alla povertà come avrebbe dovuto fare. In Sicilia sono oltre 37 mila le famiglie che rischiano di rientrare nel tunnel della miseria.

E le risorse mancheranno non solo nelle tasche di tanti siciliani, ma anche nei negozi e nelle attività commerciali”.
“Come M5S regionale – continua Di Paola – già lo scorso anno abbiamo presentato un’interpellanza al governo Schifani per chiedere provvedimenti in grado di dare una mano ai siciliani in difficoltà, ma non mi pare che dalle parti di Palazzo d’Orleans si stiano sbracciando per trovare soluzioni.

Là sono specializzati nella lotta per la spartizione delle poltrone, che, come abbiamo visto, ha ingessato la sanità per mesi, impedendo fino ad ora la nomina dei manager, e che ora rischia di bloccare il rimpasto di governo e un’adeguata azione amministrativa”

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash news

Bonus fieno:Catania (FdI) chiede più punti di consegna

Pubblicato

il

Bonus fieno:interviene l’on.Giuseppe Catania. Nelle scorse ore sono stati approvati gli elenchi degli allevatori che hanno diritto al “bonus fieno” erogato dalla Regione Siciliana, un provvedimento voluto dal presidente Renato Schifani con uno stanziamento di 20 milioni di euro per fronteggiare i danni causati dalla siccità.
In tutto sono interessate dai voucher 5 mila aziende con un totale di 200 mila unità di bestiame, alle quali verranno assegnati 70 milioni di chili di fieno.
Per le zone ricadenti nelle province di Enna, Caltanissetta, Catania (Calatino) e Siracusa il Dipartimento ha previsto che la consegna del fieno avvenga nella struttura Esa – Centro meccanizzazione agricola di contrada Santa Barbara ad Agira (Enna).


“Certamente è stato fatto uno sforzo incredibile dal Dipartimento Agricoltura e dal Direttore Generale Dario Cartabellotta a cui va il mio ringraziamento.
“Tuttavia, ritengo – dice il deputato di FdI- che occorra fare un ulteriore sforzo prevedendo che la consegna del fieno possa avvenire anche in posti diversi dal solo punto di prelievo ad oggi previsto (Centro meccanizzazione agricola di contrada Santa Barbara ad Agira). Ciò al fine di non appesantire e rendere più snella ed economica la procedura a beneficio delle aziende zootecniche del nostro territorio.
In questa direzione ho presentato al Dipartimento Regionale Agricoltura apposita nota formale in cui chiedo di aprire nuovi punti di prelievo, a noi più vicini, così come previsto dall’all. B al DDG n. 4236/2024.Conoscendo la sensibilità del Direttore Generale si attiverà celermente per questo obiettivo”

Continua a leggere

Politica

Butera: salta il consiglio comunale sulle nuove tariffe Tari – video

Pubblicato

il

Butera – A Butera si rischia di vanificare il taglio della Tari. Oggi non è stato possibile celebrare il Consiglio comunale sull’approvazione delle tariffe Tari che, dopo la deliberazione del Pef del 2024 di fine giugno, avrebbe previsto una consistente riduzione sui costi. Ma in consiglio comunale erano in sei consiglieri di cui due dell’opposizione si sono allontanati facendo cadere il numero legale.

Ecco cosa racconta il sindaco Giovanni Zuccalà

Il piano economico finanziario deliberato tre settimane fa determina una riduzione complessiva della tassa sui rifiuti, senza nulla togliere all’alta qualità del servizio offerta dal gestore Impianti Srr 4 . Una somma di circa 250 mila euro che abbatte i costi che gravano sui cittadini

L’approvazione in Consiglio Comunale del Piano Economico finanziario relativo al costo Servizi Rifiuti anno 2024, prevede una riduzione del 21%. Ciò avrebbe permesso, nel Consesso Civico di oggi , l’approvazione delle nuove tariffe Tari una consistente riduzione della tassa sui rifiuti per la popolazione buterese.

Ma il sindaco assicura: “domani ci sarà tutta la maggioranza e le tariffe verranno approvate!”

Continua a leggere

Flash news

Irti capogruppo Dc

Pubblicato

il

“Anche a Gela importante città troppo spesso dimenticata dalla Politica ,la democrazia Cristiana ha il suo gruppo in consiglio comunale dimostrando la presenza in tutti i territori. La democrazia Cristiana farà anche in questo importante Consiglio comunale valere le ragioni al servizio della comunità” : lo ha dichiarato il segretario regionale della Dc Cirilllo.

Il commissario cittadino Giuseppe Licata è sicuro che la Dc saprà sempre agire nell’interesse del territorio con il suo gruppo consiliare composto da Armando Irti e Giuseppe Gustella.Al primo l’onere di guidare il gruppo in aula.

Prosegue il percorso di radicamento della DC in tutta la regione. Siamo sicuri che Irti e Guastella sono già pronti ad affrontare le sfide che li attendono, lavorando nell’interesse della gente e creando opportunità di rilancio per la comunità di Gela”, dichiara Licata

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852