Seguici su:

Attualità

Domani 6 pullman dalla provincia nissena verso Roma

Pubblicato

il

Partiranno sei pullman dalla provincia di Caltanissetta organizzati dalle Confederazioni
della CGIL e della UIL pieni di lavoratori dipendenti pubblici e privati , pensionati,
giovani, lavoratori precari tutti chiamati alla mobilitazione generale e che si ritroveranno giorno 16 a piazza Verdi a Palermo insieme alle altre Provincie per ribadire le ragioni dello
sciopero generale.
“La grande partecipazione del nostro territorio – dice il segretario generale della Cgil Rosanna Moncada – rappresenta l’esigenza di riscattare la
nostra terra per provare a restituire quella dignità e quella forza che solo un serio
progetto di sviluppo può garantire.
Il mondo del lavoro va difeso e tutelato insieme ai pensionati ai giovani alle donne e
tutti coloro che hanno il diritto a una prospettiva lavorativa migliore di quella presentata
dalla manovra finanziaria all’indomani di una pandemia che ha colpito le fasce più deboli
e che da questa manovra non riceveranno alcun concreto beneficio.
fisco e detrazioni fiscali, pensioni, scuola, politiche industriali, contrasto alle
delocalizzazioni, alla precarietà del lavoro, sostegni alla non autosufficienza Su questi
temi che avrebbero potuto e dovuto rappresentare una leva per una più equa e giusta
redistribuzione della ricchezza il Governo e, in particolare, gran parte delle forze politiche
che lo sostengono, si sono dimostrati sordi ai richiami e alle proposte fatte dalle
Organizzazioni sindacali.
LO SCIOPERO GENERALE DEL 16 DICEMBRE E’ SEGNO DI RESPONSABILITA’ VERSO I
LAVORATORI E RICHIAMO NECESSARIO ALLA GIUSTIZIA E ALL’EQUITA’”.

Anche i tirocinanti dell’avviso 22 saranno presenti alla protesta per chiedere sia al governo regionale e quello nazionale di modificare la misura che  riguarda le politiche attive del lavoro per i tirocini formativi extracurricolari.
Tirocinanti come il precariato.vogliamo diritti e tutele per stage e tirocini formativi.
Per noi tirocinanti dell’avviso 22 e stato un vero e proprio lavoro e non un percorso formativo.Alla fine del tirocinio svolto siamo stati mandati a casa senza alcuna occupazione.Le aziende hanno preferito aspettare il successivo avviso, e garanzia giovani per usufruire del  prossimo tirocinante a costo zero.
Non cè nessuna garanzia per l’assunzione da  tirocinante  ad un  contratto di lavoro nazionale Non prevede un ottima e stabile occupazione.Si è dimostrata una misura che avvantaggia le aziende che utilizzano personale a costo zero.  Finito un tirocinio, di liquidare un tirocinante e prenderne in carico un altro

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Il letamaio nei pressi della stazione ferroviaria

Pubblicato

il

Zona della stazione ferroviaria ridotta ad un letamaio. Rifiuti di ogni genere, aree verdi abbandonate al loro destino: quello che dovrebbe essere il biglietto da visita della città per chi arriva da fuori con i treni è una zona che fa venire subito voglia di scappare 

Per fortuna i treni non passano, alla stazione di Gela non scende che un numero sparuto di cittadini. Non c’è da stare allegri ma è così. 

Restano sul tappeto gravi problemi igienici causati in parte da gelesi sporcaccioni ma , ancor di più, dicono i residenti della zona – da famiglie slave che hanno fatto della zona la loro residenza abituale. 

Continua a leggere

Attualità

I legali aderiscono allo sciopero

Pubblicato

il

C’è anche una rappresentanza degli avvocati di Gela allo manifestazione nazionale che si tiene a Roma oggi. Le ragioni dell’astensione dalle udienze indetta il 14.6.2022 per i giorni 27 e 28 giugno 2022 dall’UCPI a cui ha aderito la Camera Penale ‘Eschilo’ di Gela, sono da ricercare nel fatto che si vuole garantire alla persona imputata l’oralità del processo (garantito dall’art.111 della Costituzione) e l’immediatezza del giudizio nel senso che a decidere sia lo stesso giudice che ha assunto le prove dichiarative per come previsto dall’art. 525 cpp. “Nei tribunali ravvisiamo un uso eccessivo nella possibilità di consentire la decisione ad un giudice diverso da quello che ha assunto le prove – spiega l’ Avv Rocco Guarnaccia, Presidente della Camera Penale’Eschilo’ di Gela – soprattutto nel caso di trasferimento ad altra sede del giudice che ha svolto l’istruttoria dibattimentale, così venendo traditi i principi stabiliti dalla Costituzione e dal codice di rito. Tra l’altro è rimasta pressoché lettera morta quella direttiva del CSM che invita i giudici prossimi al trasferimento a concludere i processi loro assegnati, per cui è auspicabile che il Legislatore normi tale direttiva al precipuo fine di evitare la palese violazione del principio dell’oralità e della identicità tra persona giudice che partecipa alla formazione della prova in dibattimento e persona giudice che decide”. Il Consiglio dell’ordine degli avvocati di Gela ha indetto lo stato di agitazione che potrebbe sfociare anche allo sciopero per le ataviche carenze di personale che non coincide con la mole di lavoro.

Continua a leggere

Attualità

Vasto incendio sulla SS 626 in territorio di Butera

Pubblicato

il

Traffico rallentato per visibilità zero sullo scorrimento veloce Gela – Caltanissetta. Non si tratta di nebbia ma di un vasto incendio che ha interessato una collinetta in territorio di Butera. Suo posto, oltre ai vigili del fuoco e alle guardie forestali sono arrivati anche gli agenti della polizia municipale. L’incendio si è verificato a metà mattinata .

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852