Seguici su:

La parola della domenica

‘Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora’

Pubblicato

il

 
In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli.
Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».
Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono.
Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora».
Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.
Gv 2,1-11


Inizia la vita sociale di Gesù Inizia la sua missione. Le nozze di Cana sono viste da molti come un raccontino. Una favoletta. Invece, sono di grande profondità. Parla dell’alleanza tra noi e Dio. Le nozze di Cana parlano di noi. Di me e di te. Del nostro rapporto con Dio. Con La fede. Durante  un matrimonio, in cui erano invitati Maria e Gesù,  è venuto a mancare il vino.  Quante volte facciamo questa esperienza, nelle nostre vite. Eravamo partiti pieni di entusiasmo, convinti, determinati poi, cammin facendo, viene a mancare il vino. Ci viene a mancare la forza di andare avanti, di pregare, di andare in Chiesa, di andare in Comunità. Il nostro entusiasmo è finito. Siamo ritornati nella tristezza più cupa. Una sofferenza, un fallimento, un’esperienza negativa, anche un semplice raffreddore. E ci rendiamo conto che manca qualcosa di importante. Il vino, simbolo della gioia, della festa, della gratuità, della voglia di fare. Ve la immaginate una festa di nozze senza vino? No. Esatto. Manca il vino, manca la voglia di vivere, di andare avanti, di fare festa. Allora tutto diventa grigio, faticoso, rancoroso. E cresce la rabbia, l’aggressività, la depressione. La malattia del secolo. Avevamo trovato la strada giusta è l’abbiamo persa, E siamo diventati acqua. Chi si accorge che non abbiamo più la forza di andare avanti? Chi si accorge che il vino è finito? Maria. La Madre. Sempre lei.  Come tutte le mamme si accorge che qualcosa che non va. Lei è il tratto di unione tra il vecchio e il nuovo. Tra il vino vecchio e il vino nuovo. A lei si rivolge quasi rimproverandola Gesù: Non è giunta la mia ora, che arriverà dopo qualche anno. Ma, Maria la Madre nostra, lo chiama, intercede per gli sposi, intercede per noi. Non hanno più vino, non hanno più forza, aiutali.  Maria,  poi,  si rivolge a noi. Ora parla a me e a te fratello lettore.  Fate quello che vi dirà.  E ne informa il Figlio. E a noi intima: fate. Non: aspettate. Non: pregate. Non: pazientate. Non: rassegnatevi. Fate. La gioia di costruisce, mica si attende. Si plasma. Dobbiamo riempire le giare fino all’orlo. Con l’acqua, non abbiamo altro. Ma va bene. Abbiamo poco. Ma quel poco basta a Cristo per farci diventare vino, per farci diventare discepoli.   Le  giare dove si raccoglie questo vino sono in pietra . Simbolo di una fede stanca, impietrita, trascinata. Come spesso è la nostra. Io la chiamo la Fede a Yo-Yo. Sale e scende. In maniera continua. Eppure proprio questa fede va riempita. Non snobbata. Non abbandonata. Ma vissuta con tutto ciò che siamo. Poveri, illusi, stanchi, peccatori.  Obbediscono, i camerieri. Obbediamo, noi servi inutili. Il Signore ci invita a riempire queste giare. Le nostre vite. Ci viene difficile. Come fai ad amare? Come fai in questa società a seguire Cristo? Abbiamo voglia di mollare tutto. Di lasciare tutto e seguire come zombie la corrente del mondo che scorre e ci trascina. Vorremmo abbandonarci al suo flusso. Ma resistiamo . Ma teniamo duro. E riempiamo le giare, anche se sono di pietra. Coraggio siamo stanchi. Ma riempiamo le giare.  Quell’acqua  diventa un vino straordinario. Tale che  il maestro di tavola si complimenta con lo sposo. Litri. Ettolitri. Intere botti di ottimo vino. Perché questo matrimonio, questa festa, questo segno numero uno, è la storia d’amore fra lo sposo, Dio, e noi che partecipano a questa festa. E della madre del Signore, prima fra i discepoli, prima fra i credenti, che discretamente si accorge dell’assenza della gioia. E provvede, spingendo ad agire il Signore. E noi.  Inizia così il nostro anno civile. Annotando, con amarezza, quanto sia faticosa la nostra vita quando manca il vino della gioia. E guardando avanti. Offrendo un percorso. No, non stiamo precipitando nel caos E nemmeno nella disperazione più cupa. Alcuni aspettano la fine della festa, incuranti di quanto accade e guardano solo a quella.  Altri si lamentano con l’imperizia dello sposo. A noi è chiesto di riempire le giare fino all’orlo.  Maria, guarda sempre nella mia  vita se questo vino finisce e aiutami, con la tua intercessione,  che tuo Figlio, il Nostro Signore possa guardarci con grande Misericordia e darci sempre la forza di riempire le giare.

Buona  Domenica

Totò Sauna

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La parola della domenica

Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe

Pubblicato

il

Domenica 2 Ottobre 2022
In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!».
Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.
Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti?
Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”». Lc 17,5-10

Questa settimana siamo invitati a riflettere sulla Fede. Lo stesso Gesù ci sfida “Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.” Tante volte abbiamo sentito parlare di avere Fede. Avere Fede significa per me Fidarsi. Fidarsi è avere fiducia di chi ti ha fatto una promessa e sai che questa promessa sarà mantenuta. Fidarsi è sapere che quello che ci indica Dio è la strada giusta, la strada per la nostra felicità e realizzazione. Fidarsi è dire si, a Lui, a Gesù, sempre, nonostante tutto. Nonostante la malattia, il tumore, le sofferenze, le cadute perché sappiamo e siamo certi di una sola cosa: Dio ci ama. Fidarsi è avere un braccio dove attaccarti e avere fiducia che quella mano non ti lascerà mai, che ti terra forte, che non ti mollerà, anche se diventeremo più pesanti, anche, se a volte ci viene la voglia di mollare tutto di lasciare tutto e non vediamo vie di uscita, soluzioni  e  allora l’unica strada possibile ci pare quella della macchina sul mare, anche se a volte questa fiducia crolla, e tutto attorno fallisce, e nostra moglie o marito ci tradisce, i figli non ubbidiscono e gli amici si lasciano e li troviamo solo su Wattsapp a mandarci gli ipocriti“ Buongiorno”, ma non ci sono mai per darti una pacca sulle spalle e dirti “ io ci sono”. Troppo impegnati a correre a vuoto. Fidarsi è sapere che quella via è quella giusta e anche se arrivano giorni bui, tristi in cui tutto e nero e triste, sapere che quella via diventerà luminosa anzi diventerà più visibile,  più bella, più chiara. Fidarsi è svuotarsi, abbandonare i nostri pensieri, il nostro orgoglio, le nostre paure, i nostri schemi mentali, le nostre sicurezze e lasciale a Lui, solo a Lui, riempirci di Lui e  dirgli “Eccoti Signore ti dono tutto di me, ho fatto vuoto dentro il mio cuore, e mi accorgo di essere un servo inutile. Non riesco a fare nulla senza di te. Corro ogni giorno e la sera mi ritrovo stanco e solo. Cerco di riempire le giornate con gli impegni, con la televisione, impegnandomi sempre di più nella società, ma, quando sono solo, o Gesù, trovo solo Te ad accarezzarmi dolcemente e a dirmi “Io ci sono “. Fidarsi è fare la sua Volontà. Ci costa fatica sudore. Ma se riusciamo a stare nella sua Parola, il giogo diventa facile e il preso leggero. Sta nell’ascoltarLo ogni giorno. Ritagliarsi nell’arco della giornata una mezz’oretta, e parlare con Lui. Guardarlo negli occhi e confessare i nostri bisogni, le nostre preoccupazioni e dirgli Grazie per quello che nella nostra vita compie. E’ chiaro che la nostra non è la fede dei meriti, delle medaglie, delle processioni, dei Rosari detti in manera mnemonica che non toccano il cuore. Come non possiamo porre una sbarra alla porta della Chiesa facendo entrare solo coloro che se lo meritano. Non siamo noi a dare giudizi. Noi che siamo i primi peccatori. Siamo tutti servi che fanno il proprio dovere, non esistono, agli occhi di Dio, migliori o peggiori. Dio dona a ciascuno, secondo la propria necessità, non secondo il proprio merito. Siamo solo dei servi della Parola. Cioè il mondo è già salvo, non dobbiamo salvarlo noi. A noi è chiesto di vivere da salvati, a guardare oltre, al di là e al di dentro. A noi Gesù chiede di vivere come uomini di fede. Siamo servi inutili che Dio rende preziosi. Ed annunciare il Regno è talmente bello che ci dimentichiamo delle nostre necessità. Per il resto lasciamo a Dio fare il suo mestiere.

Una preghierina per la mia salute

Buona Domenica

Totò Sauna

Continua a leggere

La parola della domenica

Per i ricchi è più difficile entrare nel regno di Dio

Pubblicato

il

In quel tempo, Gesù disse ai farisei:
«C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe.
Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”.
Ma Abramo rispose: “Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”.
E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”». Lc 16,19-31

Pare che Gesù ce l’abbia con i ricchi. Esaltando i poveri, la povertà. Ho scritto pare. Ma non è cosi. Dio è Amore e Misericordia piena. Gesù è pieno d una bontà incommensurabile. Come fa a condannare qualcuno solo perché ha un buon conto in banca? Dio conosce per nome il povero Lazzaro mentre non ha nome il ricco epulone, che significa mangione, ghiottone, che non viene descritto come una persona particolarmente malvagia, ma solo troppo assorbita dalle sue cose per accorgersi del povero che muore davanti a casa sua. Dio non conosce il ricco epulone.  Egli basta a se stesso, non ha bisogno di Dio, non si pone, all’apparenza, alcun problema religioso. Gli interessa solo aumentare il suo conto in banca. Ed è felice per questo. . E Dio rispetta questa distanza. Dio lo rispetta. Ci lascia liberi anche di dirli di NO. Attenti, cari lettori, del Gazzettino,  il cuore della parabola non è la vendetta di Dio, che ribalta la situazione tra il ricco e il povero, come a noi farebbe comodo pensare.  Il senso della parabola, la parola chiave per capire di cosa parliamo, è: abisso. C’è un abisso fra il ricco e Lazzaro, c’è un burrone incolmabile. La vita del ricco, non condannato perché ricco, ma perché indifferente, è tutta sintetizzata in questa terribile immagine: è un abisso la sua stessa vita. Probabilmente buon praticante, non si accorge del povero che muore alla sua porta. L’abisso invalicabile è nel suo cuore, nelle sue false certezze, nella sua supponenza, nelle sue piccole e inutili preoccupazioni. Nell’essere pieno di sé- Nel sentirsi arrivato dentro il suo  macchinone che strombazza su Corso Vittorio Emanuele. No. Viene condannato per il suo atteggiamento. In altri tempi, quest’atteggiamento veniva chiamato “omissione”: atteggiamento che descrive un cuore che si accontenta di stagnare, senza annullare  la distanza per andare incontro al fratello. Abisso che nemmeno Dio riesce a colmare. Abisso che esiste perché impegnati in chissà quale manifestazione umanitaria o di solidarietà. Abisso che esiste perché occupati ad organizzare i tanti festini di galà o partite di calcio per raccogliere fondi. Peccato che soldi non ne restano mai per i poveri perché i fondi sono serviti per organizzare l’evento. Allora a cosa sono serviti? A metterci in mostra, a fare le passerelle, a far sapere agli altri quando siamo buoni e che abbiamo un cuore grande. No. Dio non vuole questo. Dio ci mette in guardia su cosa mettiamo al primo posto nella nostra vita . Per che cosa viviamo. Per che cosa siamo disposti a perdere la nostra vita. E’ una domanda che ci ripete spesso. Per che cosa viviamo io e voi? Cosa è la mia e la tua vita ?Quante volte ci vediamo come Lazzaro e il ricco. Gesù non condanna la ricchezza. Condanna chi ha messo la ricchezza al primo posto nella vita. E’ un Dio geloso. Ci vuole solo per Lui. Sa che fuori dalle sue braccia cadiamo nella disperazione, nella depressione, nella infelicità. Lui ci vuole felici. Vuole dare colore alla nostra vita grigia. Vuole dare allegria, gioia e felicità alle nostre giornate . La nostra vita è diventata una somma algebrica di giornate. In cui dentro non c’è il cuore, l’amore. Una corsa continua.: il lavoro, la palestra, la scuola di danza ecc. Poi, ad un certo punto, della mia e della vostra vita, compare un foruncolo nella gamba sinistra, un piccolo intervento chirurgico, un esame istologico, una telefonata, una TAC urgente, esami continui, e poi la famosa parola che mai vorremmo sentire” Lei ha un Tumore”. Questa è la vita. La possiamo buttarla correndo dietro sogni fatui, ricchezze  che lasceremo sulla terra o invece dobbiamo dare una svolta? Un cambio di marcia? Il ricco si dispera. Lasciatemi che possa andare ad avvisa re i miei fratelli che sono sulla terra. Gli vieni risposto che tutti. non solo i suoi fratelli hanno tutto per potersi salvare, hanno i mezzi per poterlo fare “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti” Quello che Gesù condanna è l’indecisione, la nostra titubanza, la nostra paura. Siamo incapaci a fare il salto. Siamo incapaci ad accettare in pieno il suo invito. Non guardiamo avanti. Ci giriamo siamo dietro.Ci invita ad una lotta interiore, al combattimento che c’è dentro di noi. Tra il bene ed il male, tra Gesù e il male, tra la felicità e l’infelicità. Sta a noi scegliere. Per finire, cari lettori, vi invito a fare una preghierina per la mia salute che inizia a vacillare.

Buona Domenica

Totò Sauna

Continua a leggere

La parola della domenica

“Non potete servire Dio e la ricchezza!”

Pubblicato

il

In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli:
«Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”.


L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”.


Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?” Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”.


Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.
Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?


Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

Lc 16,1-13

Ci mette in forte crisi questa parabola dell’amministratore disonesto. Il padrone ha dei seri dubbi che il suo amministratore faccia bene i conti e ne chiede ragione allo stesso. Un amministratore che ha accumulato dei soldi, si. In maniera disonesta.  Ma non sa come lavorare, non sa come  vivere, non come affrontare la vita. Ha pensato solo a godere,  a sperperare soldi non suoi, nella sua  mente esisteva solo l’apparire il mostrare vestiti, macchinoni, gioielli con i soldi degli altri. I tempi non sono molto cambiati. Ora però tutto sta per finire. E’ stato scoperto.

 L’amministratore disonesto, nonostante tutto,  non si scompone ma con estrema scaltrezza inizia a prepararsi il futuro. Si fa bene i conti in tasca, quelli che con dispiacere non sappiamo fare noi.  Inizia a prepararsi il terreno. Sa che da lì a poco, la sua vita da dipendente in quel luogo di lavoro finirà. Allora, pensa al futuro. A farsi amici. Con scaltrezza. Con furbizia. Con determinazione. Senza tergiversare. Senza perdere tempo.  Cosa loda il Signore?  Loda quest’amministratore. Perché? Non perchè ruba o fa male i conti, tanto da fare insospettire il suo padrone. Lo loda per altro. Lo loda e lo esalta per la sua scaltrezza, per la sua lungimiranza. Ecco quello che il Signore vuole da noi.

Questa chiarezza nell’agire per conquistare il regno di Dio. Questa determinazione. L’amministratore non tergiversa un solo secondo per raggiungere il suo scopo. Non perde tempo in chiacchiere e discussioni varie. Non perde tempo a bighellonare. Va,  Deciso. Questa decisione nell’agire per conquistare il regno di Dio, deve essere la prerogativa principale di ogni cristiano. Se no, la nostra vita passa e trascorre senza incidere, e quando ci troveremo al cospetto del Signore ci andremo con le mani vuote e con tante scuse.

Anche se, sono sicuro, che nella grande Misericordia che contraddistingue  il nostro buon Gesù ci darà una grossa mano e ci darà una carezza tenera e affettuosa. Ma, quello che voglio sottolineare e che tipo di vita conduciamo.. Quasi sempre viviamo una vita che non abbiamo scelto, facendo cose che non abbiamo scelto, passando il  tempo a lamentarci per ciò che non possiamo essere o fare. Un correre continuo ci manca la direzione. Ci alziamo la mattina e corriamo e corriamo. La sera si ritorna a casa,  la cena, un film, un dibattito in televisione e in questo periodo non mancano certo e a letto e l’indomani si inizia. Possibile che la nostra vita sia solo questo?

Non abbiamo un attimo per noi? Ecco, Gesù ci invita a seguire la sua direzione e a non tergiversare. Possiamo fare tutto, ma in ogni attimo della giornata, di ogni giorno, la mente, il cuore il pensiero deve essere rivolto a Lui e in questo dobbiamo avere la determina zione dell’Amministratore. Ecco, la sostanza è questa se sono discepolo di Cristo so quanto valgo, so quanto valgomo gli atri e vado dritto  all’essenziale, nei miei rapporti dall’onestà nello svolgere il mio lavoro, alla solidarietà, ad uno stile di vita retta e consona al Vangelo. Per essere veri testimoni e conquistare la Salvezza. La cosa più importante

Buona Domenica

Totò Sauna

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852