Seguici su:

Flash news

Esternazioni forziste alla radio alimentano venti di crisi nella maggioranza

Pubblicato

il

La puntata di ieri di “Lo dico alla Radio” con ospite il capogruppo di Forza Italia Saro Trainito porta di nuovo venti di crisi all’interno della coalizione di maggioranza. Può Forza Italia stare in Giunta quando il capogruppo del maggiore dei partiti dell’alleanza dichiara ufficialmente che l’operato dell’amministrazione è inadeguato e l’attività dell’assessore ai Lavori pubblici Romina Morselli è mediocre dato che gioisce per qualche buca tappata?  Dopo le dichiarazioni di Trainito, Un’ Altra Gela., il movimento di cui fa parte Romina Morselli, chiede conto e ragione al sindaco della posizione dei forzisti: si assentano in consiglio, votano come vogliono, il loro assessore diserta riunioni importanti e per giunta attaccano continuamente. Urge una riunione chiarificatrice. < La chiediamo da tempo – dice il capogruppo Giuseppe Morselli – così non si può più andare avanti. Forza Italia decida cosa vuole fare>. Saro Trainito non si scompone. Ripete che l’amministrazione manca di programmazione, che in città le cose vanno male, che lui e il consigliere romano non accettano diktat da nessuno. < Andare all’ opposizione non ci preoccupa affatto> – dice Trainito.  Dal canto suo l’assessore Romina Morselli rispetto alle esternazioni di Trainito, risponde lapidaria: <Ho smesso da tempo di seguire le esternazioni di questo soggetto>. Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per una nuova crisi di Giunta. Pare che il sindaco abbia cercato oggi di gettare acqua sul fuoco e che non sia intenzionato a convocare l’incontro reclamato da Un’ Altra Gela. Il copione di Forza Italia lo conosce già: l’assessore Gnoffo dice che è tutto a posto, Forza Italia è forza di maggioranza e poi  Trainito e a volte anche Romano attaccano  e in aula fanno quello che vogliono. Riuscirà Greco a tenere il coperchio sulla pentola fino alle Regionali?

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

La maggioranza obbedisce al sindaco ed approva il regolamento su case abusive

Pubblicato

il

La maggioranza del sindaco Greco , sia pure risicata, passa il banco di prova della seduta consiliare sul regolamento sugli immobili abusivi che viene approvato con 11 voti favorevoli , 4 contrari ed un astenuto.Greco aveva detto chiaro e tondo ai suoi la sera prima che non avrebbe tollerato sgambetti e così è stato. Non senza sofferenza. I numeri per fare a meno dell’opposizione ancora non ci sono.Forza Italia era dimezzata e il capogruppo Trainito non è rimasto fino alla fine.Nelle fila dell’opposizione assenti i due consiglieri Scerra e Bennici coinvolti nell’inchiesta ” Avaritia”. La seduta ha vissuto un momento delicato quando il capogruppo di Un’altra Gela Giuseppe Morselli ha presentato un nuovo articolo   il 6 bis che  consente il diritto di abitabilità a chi ha costruito le case abusive facendo leva su una circolare regionale del 2020.C’era il parere contrario della dirigente del patrimonio Simonetta Guzzardi  ( leggi e sentenze puntano sulla demolizione delle case abusive , altri usi sono eccezionali e .molto limitati) mentre il segretario generale ha dato un’interpretazione più possibilista. La maggioranza  è andata avanti sulla sua linea : con dieci favorevoli 4 contrari e 3 astenuti l’articolo più delicato è stato approvato. La maggioranza è uscita dall’aula stavolta senza la solita sconfitta ma i problemi interni restano ancora in primo piano.

Continua a leggere

Flash news

Sammito dopo l’inchiesta “Avaritia” interviene sulla rabbia diffusa contro la politica

Pubblicato

il

“Il mio silenzio, fino ad oggi, su quanto accaduto e che vede coinvolti due consiglieri Comunali dell’assise civica della quale sono Presidente e Don Tandurella ,è silenzio ossequioso nei confronti di chi è naturalmente deputato a svolgere le ordinarie indagini in uno stato di diritto, ed è silenzio ossequioso nei riguardi della Giustizia in quanto tale e in generale che certamente farà il suo corso e farà luce sui fatti”: lo scrive il Presidente del consiglio Totò Sammito riferendosi all’inchiesta ” Avaritia” che ha coinvolto i consiglieri comunali Bennici e Scerra. Sammito aggiunge: “quel che nell’esercizio delle mie funzioni vorrei però dire, senza per questo sconfessare la premessa iniziale che comunque informa in ogni caso il modo di vivere il mio ruolo istituzionale e quindi anche il mio approccio a fatti delicati ,che ben mi guardo dall’analizzare non essendoci ancora alcuna sentenza , è che i fatti che si contestano ai due consiglieri comunali riguardano il presunto esercizio della loro attività professionale e non già politica . La precisazione parrebbe inutile lo so ma registro una rabbia diffusa della popolazione contro la politica locale o la politica in generale la quale, secondo un pensiero per fortuna non dominante, sarebbe sempre sporca e macchiata da ogni forma di attività illecita, delittuosa, criminosa e invece l’assise civica della quale mi pregio esser Presidente, è luogo naturalmente deputato a ricevere le istanze della Città non sempre, lo sappiamo bene, senza scontri anche accesi ma comunque sempre nel rispetto delle regole e sempre orientando l’attività a non intaccare mai qualsivoglia precetto o legge. È evidente , e non potrebbe essere diversamente , che in ogni caso il nostro vivere debba essere improntato ai valori della giustizia alla quale, in ogni caso e per qualsiasi vicenda, io crederò sempre”

Continua a leggere

Attualità

Fiamme a Settefarine e tragedia evitata per un pelo

Pubblicato

il

Tragedia sfiorata a Settefarine. Un operaio stava lavorando sui pali dell’illuminazione del campetto di Settefarine quando è scoppiato a pochi metri un incendio. Ignoti hanno appiccato il fuoco alle sterpaglie e il vento ha favorito il propagarsi velocissimo delle fiamme fino a raggiungere il cestello del mezzo in uso all’operaio che è riuscito in tempo a fuggire e ad evitare la peggio. “Non ne possiamo più- dice Totò Terlati componente del comitato di quartiere- siamo in balia di delinquenti che appiccato il fuoco in più zone del quartiere mettendo in pericolo la nostra salute ed incolumità e di un’amministrazione che il problema non lo vuole risolvere. Basterebbe incaricare in tempo delle ditte per la pulizia dei lotti liberi e poi addebitare i costi ai proprietari.Inviare loro l’ordine di pulire i lotti ora non serve a nulla”. Intanto ieri per un pelo non è finita male .L’unico danno l’ha subito il mezzo su cui l’operaio lavorava.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852
Informazioni Pubblicitarie