Seguici su:

Cronaca

Gli agricoltori potranno prelevare l’acqua dalla diga Cimìa

Pubblicato

il

All’indomani della protesta degli agricoltori a Cimia, nell’area in cui sorge una diga praticamente inutilizzata, il Sindaco Lucio Greco e l’assessore all’agricoltura Cristian Malluzzo hanno organizzato un momento di confronto tra i produttori e coloro che hanno il compito e il potere di risolvere il grave e atavico problema degli invasi, ossia l’assessorato regionale all’Energia.

Vi hanno preso parte l’ing. Calogero Foti, dirigente del dipartimento regionale acqua e rifiuti, l’ing Calogero Gambino, dirigente del servizio 4 dell’omonimo dipartimento, il Sindaco di Niscemi Massimiliano Conti, il Presidente della commissione agricoltura Carlo Romano, Gaetano Petralia in rappresentanza del Consorzio di Bonifica 5, e l’agronomo Piero Lo Nigro insieme ad una delegazione di agricoltori.

Il Sindaco Greco è stato perentorio nel ricordare come questi ultimi stiano seriamente rischiando di perdere tutto, se non saranno garantiti i quantitativi di acqua programmati da regione e consorzio e che invece, negli ultimi giorni, sono venuti a mancare. Denunciata, naturalmente, anche l’inesistente manutenzione delle dighe e, di conseguenza, l’impossibilità di invasare, soprattutto a Cimia. Gli agricoltori hanno chiesto a gran voce di poter avere più acqua per cicli di irrigazione aggiuntivi in attesa delle piogge, e Gambino ha risposto affermativamente. Pertanto, già dai prossimi giorni, si permetterà al consorzio di prelevare 400mila metri cubi di acqua in più dalla stessa diga Cimia.

“Siamo soddisfatti del risultato raggiunto, anche se non è sufficiente. Non basta improvvisare e tamponare l’emergenza, – hanno dichiarato il Sindaco Greco e l’assessore Malluzzo – serve una programmazione seria. L’ing. Foti sa bene che, negli ultimi decenni, è proprio quest’ultima che è mancata, non solo a Gela ma in tutta la Sicilia, e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: le campagne sono a secco e le dighe, piene di fanghi, non solo non riescono a far fronte alle richieste, ma, in caso di abbondanza di acqua, siamo costretti a versarla in mare, il colmo dei colmi. Vale la pena ricordare che la relazione da noi redatta diversi mesi fa per fotografare lo stato delle cose è sul tavolo della Regione da tempo, nella speranza che si dia seguito a quanto da noi richiesto e che per la prossima stagione estiva non ci si faccia trovare di nuovo impreparati. L’ing. Foti si è dichiarato disponibile all’istituzione di un tavolo tecnico permanente al quale far aderire non solo rappresentanti istituzionali, consorzio e sindaci, ma anche, legittimamente, una rappresentanza degli agricoltori. Nessuno meglio di loro, del resto, può sapere quali siano i problemi quotidiani che la categoria è costretta ad affrontare quando arriva in azienda e trova  i rubinetti a secco”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Vastissimo incendio in zona Mulino disueri

Pubblicato

il

Un enorme incendio sta dilaniato una vastissima area sita fra la ss 117 e la Sp 190 nella zona di Mulino Disueri. Il fuoco sta lambendo la zona in modo talmente pericoloso da rendere necessario.l’ interventodei Vigili del fuoco, del dipartimento della protezione civile con due elicotteri ed un canadair che hanno sorvolato anche il cielo di Gela.

Continua a leggere

Cronaca

Maxi sequestro di droga a Riesi. Arrestate 11 persone

Pubblicato

il

Smantellata a Riesi, un’organizzazione criminale dedita alla coltivazione di marijuana. Undici le persone raggiunte da misure cautelari in carcere, eseguite dai Carabinieri di Caltanissetta, coordinate dalla DDA della Procura Nissena. Nel corso delle indagini sono state ricostruite tutte le presunte fasi dell’attività illecita, dal trasporto delle piantine all’interno di plateau occultati in doppifondi ricavati su cassoni di camion, alla piantumazione e all’irrigazione. A riscontro delle indagini è stato effettuato uno dei più grandi sequestri di piante in Sicilia (ben 20mila) che avrebbero fruttato all’ingrosso circa 16 milioni di Euro.

Continua a leggere

Attualità

Stasera musica alle Mura federiciane

Pubblicato

il

Appuntamento con la musica stasera alle Mura federiciane su iniziative dell’Associazione ‘Amici della musica’: ospite della serata il giovane gelese Giuseppe Domicoli in programma   “Every breath you take” dei Police arrangiato per chitarra sola dal M° G. Signorile
“Yesterday” dei Beatles arrangiato per chitarra sola dal M° Giorgio Signorile
“La pagina di un diario” piccolo omaggio ad Anna Frank. Brano del M° Giorgio Signorile). Ecco il programma:

Mario Paturzo – Cavatina «Casta Diva che Inargenti» da Norma (1834)

Mauro Giuliani – Tema con variazioni sull’ Allegro Cantabile dall’Aria «Tu vedrai la sventurata» da Il Pirata (1828)

Emilia Giuliani – Belliniana n.1 op.2 (1834, I Capuleti e i Montecchi, Il Pirata, La Straniera)

Mauro Giuliani – Cavatina «Nel furor della Tempesta» e Cabaletta «Per te di vane lagrime» da Il Pirata (1828)

Emilia Giuliani – Belliniana n.6 op.11 (1836, Norma, I Puritani, Beatrice di Tenda)

Napoleon Coste – Fantasia per chitarra su Norma di Vincenzo Bellini op.16 (1843)

Andrea Amici – Bellini in the USA (2020)

Chitarra, 1860 Vienna Style Stauffer

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852