Seguici su:

Attualità

Il pericolo dei dehors del Lungomare immersi nel traffico veicolare

Pubblicato

il

“Così, ancora una volta, dopo i buoni propositi e i bei proclami, i locali del lungomare, grazie all’impegno della Commissione Sviluppo Economico e del Consiglio Comunale che tempestivamente ha approvato il nuovo regolamento, in deroga a quello vigente in materia di suolo pubblico, hanno riaperto senza limitare la loro capacità di accoglienza, ma si ritrovano con i loro dehors immersi nel traffico veicolare”.

La denuncia viene dalla consigliera del Movimento 5 stelle Virginia Farruggia che ritiene ” inaccettabile che dopo mesi di comunicati stampa per accendere i riflettori sulla sicurezza stradale, a causa dei troppi incidenti a carico degli utenti deboli della strada, il sindaco possa permettere una tale situazione di pericolo. I dehors, infatti, istallati sulla carreggiata, ma senza alcuna ordinanza che limiti la viabilità in coerenza con la possibilità di occupare il suolo pubblico, sono esposti ai pericoli delle auto in transito senza controllo. Quindi da una parte l’inquinamento dovuto al traffico veicolare a stretto contatto con chi decide di concedersi una serata all’aperto, dando un importante contributo alla ripartenza economica di categorie, come quella dei ristoratori, che hanno fortemente subito le misure anti covid, e dall’altro il pericolo di essere investiti da un’automobile mentre si è seduti a mangiare e la soglia di attenzione è veramente bassa per poter pensare di salvaguardare la propriaincolumità”.

“Riteniamo che sia da incoscienti – continua- permettere già da settimane una cosa del genere. Sarebbe opportuno che il sindaco prendesse una posizione immediata in merito. O interrompere il traffico in quella zona fino a quando gli uffici non saranno in grado di attivare quanto previsto dalla delibera di giunta municipale che avrebbe dovuto vedere istallata la cartellonistica già da qualche settimana, oppure sospendere le autorizzazioni dell’occupazione degli spazi pubblici. La salute e la sicurezza non possono andare in deroga alle incapacità amministrative e di certo non possono continuare a pagare i ristoratori che dovrebbero avere una priorità per l’amministrazione comunale. L’impegno dovrebbe essere massimo nel garantire, a tutti i cittadini, la sicurezza dovuta e di poter ripartire sotto il profilo economico per una città che si dice spesso non avere più tempo ma che continua ad aspettare a causa dell’inadeguatezza di chi dovrebbe assumere delle decisioni di responsabilità” 

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Il sindaco convoca incontro su come spendere 7 mln di royalties petrolifere

Pubblicato

il

Il Comune ha incassato 7 milioni e mezzo di royalties petrolifere del 2023 e, per legge, vanno destinate ad azioni a favore dell’ambiente. Le somme – e lo ha scritto chiaramente la Corte dei Conti- non possono essere spalmate nel bilancio per tappare i buchi o fare qualsiasi altra spesa a caso. Ne sanno qualcosa i precedenti amministratori che sono finiti sotto processo.

Il neo sindaco Terenziano Di Stefano ha convocato per oggi un incontro con la segretaria generale, la dirigente del bilancio e il dirigente Collura per discutere di come usare i fondi delle royalties.

” Bisogna riflettere bene e programmare- dice il sindaco – ed è importante che la città sia poi informata di come quelle somme saranno spese”.

Continua a leggere

Attualità

Belpasso: ritorna il Mechané Festival, palcoscenico di bellezza e cultura

Pubblicato

il

Ritorna a Belpasso un appuntamento imperdibile: il Mechané Festival, giunto alla sua terza edizione. Il festival si svolgerà dal 27 luglio al 6 agosto con un programma ricco di appuntamenti che trasformerà Belpasso in un palcoscenico di eventi imperdibili. Sarà un’esperienza coinvolgente ed emozionante in cui i partecipanti potranno immergersi in eventi culturali e non solo perché a caratterizzare il Mechané Festival saranno anche le spaccate dei Carri di quattro dei quartieri belpassesi.

Le incantevoli macchine sceniche barocche, infatti, ben rappresentano, contraddistinguono ed esaltano l’identità culturale e creativa di Belpasso. «Un evento che negli anni si è arricchito di appuntamenti collaterali, creando intorno a esso un festival dall’identità culturale e artistico davvero unico: il Mechanè Festival – spiega Carlo Caputo, sindaco di Belpasso -. Ho da sempre creduto nel valore artistico dei carri, sin dalla mia prima sindacatura, lavorando affinché si realizzassero i tre capannoni di Santa Lucia. Oggi credo altrettanto fortemente nel valore di questo festival che ospiterà una serie di eventi imperdibili tra musica, arte e cultura e che darà la possibilità di mostrare, soprattutto ai numerosi turisti che durante i mesi estivi arrivano a Belpasso, la bellezza del lavoro delle maestranze e dei devoti, e non solo».

Saranno dieci giorni straordinari, dove la cultura, l’arte e la musica si fondono per creare un’esperienza unica e indimenticabile. Il Mechané Festival è pronto a sorprendere con emozioni, spettacoli e incontri che rimarranno nel cuore di tutti i partecipanti. L’evento è organizzato dalla Fondazione Carri di Santa Lucia, la Proloco di Belpasso, patrocinato dall’Assessorato Regionale allo Sport, Turismo e Spettacolo, dall’Assemblea Regionale Siciliana e dal Comune di Belpasso.

Continua a leggere

Attualità

I topi del Lungomare e il sindaco che invita i gelesi a lavare in casa i panni sporchi

Pubblicato

il

La presenza massiccia di colonie di grossi topi al Lungomare è dovuta anche al fatto che all’Orto Paqualello sono stati fatti i lavori di bonifica. Il sindaco Terenziano Di Stefano assicura da domani la derattizzazione della zona balneare.

L’iniziativa giunge dopo un video sui social che è diventato virale con sei topi che gironzolavano indisturbati mentre girando l’angolo c’erano tante persone- anche famiglie con bambini- che passeggiavano al Lungomare.

Il sindaco si è rivolto ai cittadini chiedendo di non fare danni all’immagine della città postando video di quel genere che non si cancellano mai.

Di Stefano chiede che vengano girati a lui e agli assessori assicurando un pronto intervento. Insomma niente social ma più comunicazione diretta con chi governa per segnalare problemi che si verificano ovunque ma che sbattuti sui social fanno danno alla città. I panni si lavano in casa: è il principio del primo cittadino. Ma per farlo deve esserci …l’acqua.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852