Seguici su:

Attualità

Il Questore rassicura: “a Niscemi il commissariato resta”

Pubblicato

il

Niscemi – Il Commissariato non potrà accogliere pubblico per la ricezione delle istanze concernenti armi, passaporti, licenze, immigrazione. Il Questore: “la Polizia di Stato non va via da Niscemi”.

A seguito delle criticità strutturali riscontrate nell’edificio che ospita i locali di Polizia, il Questore ha ridistribuito le competenze amministrative tra la Questura e il Commissariato di Gela.

Lo scorso 8 giugno, a seguito delle criticità strutturali riscontrate nell’edificio che ospita i locali del Commissariato di pubblica sicurezza di Niscemi, il Questore di Caltanissetta Emanuele Ricifari ha disposto l’interdizione all’uso da parte del personale della Polizia di Stato, e conseguentemente degli utenti, dell’ufficio di polizia amministrativa.

Ciò comporta che il Commissariato di Niscemi, finché non sarà trovata una soluzione al problema, non potrà ricevere pubblico per la ricezione delle istanze concernenti armi, passaporti, licenze di polizia e immigrazione e per la successiva consegna dei documenti.

In ragione di tale situazione, in via temporanea, le competenze dell’ufficio di polizia amministrativa del Commissariato, limitatamente ai rapporti con l’utenza, sono state ridistribuite tra gli omologhi Uffici del Capoluogo e del Commissariato di pubblica sicurezza di Gela.

L’acquisizione delle istanze presentate dai cittadini niscemesi sarà delocalizzata: le pratiche relative alle armi e all’immigrazionesaranno ricevute, e gli atti autorizzativi riconsegnati all’utenza, dalla Divisione polizia amministrativa della Questura di Caltanissetta (orari ricevimento pubblico URP: da lunedì a venerdì dalle 08.15 alle 13.45, martedì e giovedì dalle ore 15.00 alle ore 17.30); quelle relative al rilascio delle licenze e dei passaportisaranno, invece, ricevute, e gli atti autorizzativi riconsegnati all’utenza, dall’ufficio di polizia amministrativa del Commissariato di Gela (orari ricevimento pubblico URP: da lunedì a venerdì dalle 08.30 alle 13.00, martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30).

Al Commissariato di Niscemi resta ovviamente l’onere dell’istruttoria delle cennate pratiche e lo svolgimento dell’attività dei controlli amministrativi nel territorio di quel comune.

Il Questore Ricifari nel corso della conferenza ha tenuto a precisare che: “la Polizia di Stato non va via da Niscemi, l’impegno storico che quel presidio di polizia assicura da trent’anni a quel territorio, continuerà a essere assicurato dai poliziotti anche se l’edificio dovesse chiudere a gennaio. Ringrazio il Prefetto e il Sindaco – prosegue il Questore – per essersi attivati in modo fattivo in quest’ultimo periodo per cercare una soluzione e risolvere il problema”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Grosso topo assale bimbo di sei anni in centro storico: le considerazioni della madre ex consigliera

Pubblicato

il

Madre esce dal portone di casa in pieno centro storico con il suo bambino di sei anni e il piccolo viene assalito un topo di “dimensioni mostruose” 

Lo racconta in un post l’ex consigliere comunale Sara Cavallo. L’episodio è avvenuto stamattina. 

“Che amarezza vedere una città degradata priva di pulizia, di derattizzazione dove i cani randagi  fanno da padroni” – commenta Sara Cavallo oggi componente di Fratelli d’Italia.Che aggiunge: ” la paura del bambino è stata tale che dalle grida non ha più voce. Mi auguro che non avrà conseguenze di salute”

“Invito il sindaco e tutta l’amministrazione a dimettersi perché incapaci di garantire l’ordinario soprattutto in termini di pulizia, in una città dove tutto ciò dovrebbe essere normale.Prima o poi si vota!”.

Questo racconto della disavventura del figlioletto dell’ex consigliera affidato ad un post su Facebook ha suscitato reazioni di protesta per le precarie condizioni igieniche in cui versa la città 

Continua a leggere

Attualità

Turismo culturale: in Sicilia + 7,82%

Pubblicato

il

Il patrimonio storico-archeologico siciliano attira. Sono stati 37.237 i visitatori che hanno affollato i parchi archeologici e i musei regionali domenica 14 e lunedì 15 agosto facendo registrare quasi tremila presenze in più, con un incremento del 7,82 per cento, rispetto alle stesse giornate del 2021. Sono questi i numeri forniti dall’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana, in base alla rilevazione degli ingressi in 61 luoghi della cultura siciliana. Nel dettaglio, sono stati 18.405 gli ingressi di domenica 14 e 18.832 quelli nella giornata di Ferragosto. Diecimila le presenze nei siti greci di Agrigento. A Gela meno di 600 persone hanno visitato la Nave arcaica e si canta vittoria.

Continua a leggere

Attualità

…e i morti posteggiati aumentano. Pienone anche al cimitero monumentale

Pubblicato

il

Prima il problema era la camera mortuaria di Farello piena di bare da un mese circa e adesso si è riempita anche la camera mortuaria del cimitero Monumentale. Ecco nella foto la situazione di oggi. Morti sotto l’aria condizionata per evitare complicazioni di natura igienico-sanitaria. E quando si aprono le porte partono le lamentele di chi ha abitazioni o attività sulla via Polizelo.  Si ripropone il problema del gennaio 2021 e febbraio scorso. Non sono bastati i 300 loculi realizzati qualche mese fa con tutti i problemi connessi: liquidi dei feretri, esalazione di cattivi odori. Ad oggi sono tutti occupati e i morti tornano a stazionare nelle camere mortuaria dei cimiteri Farello e monumentale. Ce ne sono parcheggiati poco meno di un centinaio. E si torna al punto di partenza. L’ amministrazione comunale aveva previsto la realizzazione di 830 loculi ed i lavori di un primo lotto sono già iniziati al cimitero di contrada Farello. Entro qualche settimana verranno consegnati 204 loculi. Non basteranno che per qualche settimana ma almeno chi ha esalato l’ultimo respiro di recente troverà il riposo eterno.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852