Seguici su:

Attualità

La Sicilia troppo vicina all’Ucraina

Pubblicato

il

“La Sicilia, culla di accoglienza e integrazione, con la generosità di sempre, è pronta a ospitare i profughi ucraini costretti a lasciare ogni cosa per fuggire dal conflitto in corso ai confini dell’Europa”. Lo dice il presidente della Regione, Musumeci.
“Coopereremo con le nove prefetture dell’Isola per fornire collaborazione e coordinare gli aspetti logistici, assieme alla Regione Siciliana – Dipartimento Regionale della Protezione Civile, per la distribuzione di farmaci e di ogni genere di prima necessità e perché i profughi possano avere tutta l’assistenza di cui necessitano. Con l’auspicio che, al più presto, quanto sta accadendo in Ucraina abbia soluzione positiva e pacifica”.

Chi l’avrebbe mai pensato che la generazione del XXI secolo avrebbe vissuto una nuova guerra dopo la seconda guerra mondiale. E non è una possibilità ma una realtà. Una speranza è fornita dalla negoziazione avviata ieri. La paura, alimentata dai media, sta catturando le popolazioni.  L’Italia, in linea d’aria è molto più vicina all’Ucraina, di quanto si possa immaginare. Tanto più la Sicilia, porta del Mediterraneo.

La guerra coinvolge la Sicilia per motivi geopolitici, innanzitutto. Primo tema è la base di Sigonella. Per quanto si moltiplichino gli appelli a non coinvolgere l’Italia nel conflitto, a non usare Sigonella per le operazioni militari in Europa fra cui quello, preoccupato, del sindaco di Lentini, da questa mattina il livello di allerta di Sigonella è salito a stato di pre mobilitazione.

Ed è da Sigonella che sono partiti tutti droni da ricognizione che nelle ultime settimane hanno operato in territorio ucraino e probabilmente non soltanto.

Sigonella, peraltro, è certamente la base operativa più vicina in linea d’aria. La scelta della collocazione siciliana, infatti, dipende proprio da questa vicinanza sia ai territori dell’Est Europa che a quelli arabi. Distanze non piccole in senso assoluto ma facilmente raggiungibili con le attuali velocità e gittate garantire dalle nuove tecnologie militari.

Altro grande tema è il Muos di Niscemi. La grande stazione radar militare USA è certamente il collegamento principale per le osservazioni satellitari, per le comunicazioni, per la guida a distanza dei droni, per tutte le operazioni militari della ‘guerra tecnologica moderna’. Il Muos di Niscemi è uno dei quattro esistenti al mondo. In realtà il sistema Muos è composto da cinque satelliti e da quattro stazioni di terra. A Niscemi c’è una delle quattro stazioni di controllo di terra. Le altre tre sono in Australia, in Virginia in territorio Statunitense, e sulle isole Hawaii. Va da se che il sistema utilizzato in questo caso è quello di Niscemi visto, peraltro, che fa il paio con il sistema di controllo satellitare di Sigonella.

Terzo tema è quello di Birgi, l’aeroporto militare in territorio di Marsala che è già stato al centro degli attacchi a tempi della guerra del Golfo. Anche in questo caso l’eventuale uso di aerei militari non può che prevedere la mobilitazione di Birgi da dove la raggiungibilità del territorio ucraino è abbastanza semplice in un tempo piuttosto ridotto. Un aereo di linea impiega meno di tre ore, facile immaginare che un aereo militare possa essere sull’obiettivo eventuale in meno di metà di questo tempo.

D’altronde nel Mediterraneo, quindi proprio di fronte le coste siciliane, stanno incrociando nave, sommergili e unità militari russe a dimostrazione che la posizione è fondamentale.

La Sicilia è lo snodo di tutti i collegamenti tecnologici, internet e perfino elettrici fra il territorio africano e quello europeo. facile comprendere che sia strategia sotto molti punti di vista.

C’è, poi, il tema del gas. Il prezzo è alle stelle per effetto dei rischi di interruzione di arrivi attraverso i giacimenti dell’est Europa. Per sette anni la Sicilia è stata al centro di un progetto di rigassificatore della Ionio gas, con partner dell’italiana Erg e della statunitense Shell da realizzare nella rada di Augusta che però non si è mai fatto per lungaggini burocratiche. Oggi sarebbe la soluzione energetica europea a questa crisi

Il gas proveniente dal Nord Africa approva comunque in Sicilia. La condotta arriva in territorio di Marsala (non distante da Birgi) e da lì viene convogliato su termini Imerese da dove si diramano reti che raggiungo anche la Sardegna.

Per tutti questi motivi la Sicilia sta a guardare con preoccupazione a quel che avviene in Ucraina e gli sviluppi, al momento, non sembrano affatto rassicuranti.

Il premier Draghi ha parlato chiaro: l’Italia condanna la guerra e il Governo varerà un pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia che non vuole cedere l’Ucraina alla Nato. La Chiesa in preghiera.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Che festa sia. Segui su www.radiogelaexpress.it

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Che fare dell’area ex Tamoil?

Pubblicato

il

Che fare della lingua di terreno ex Tamoil? Innanzitutto da oggi è tornata nella disponibilità del Parco Archeologico. La multinazionale ha completato i lavori di bonifica ed ha consegnato la piccola area all’istituzione che si occupa di beni culturali nella persona del direttore Luigi Gattuso. Il direttore ha avuto un incontro con il vicesindaco Di Stefano e qualche rappresentante del Comitato di Quartiere Ospizio Marino per decidere cosa fare della zona. In un primo momento si era pensato a realizzare un piccolo parco attrezzato con i giochi per bambini ma la striscia di terreno è troppo esposto fra due arterie transitatissime da autoveicoli. “Il Vicario foraneo don Lino Di Dio – ha detto il direttore Gattuso – ha proposto di installare una statua della Madonna, essendo quel luogo vicino al santuario di Bitalemi. Convocherò una conferenza di servizi alla presenza dei rappresentanti dell’Ente Parco, del Comune, della Chiesa e del Comitato di quartiere per decidere democraticamente su cosa fare dell’area. L’incontro si terrà nei primi giorni di giugno, compatibilmente con la disponibilità di tutti gli attori”.

Per anni l’area è stata occupata da una stazione di servizio Tamoil. L’azienda ha tenuto fede alla parola ed ha realizzato tutti i lavori concordati. Si occuperà di transennare il sito e tenerlo in sicurezza fino a quando non verrà attrezzato secondo la decisione che verrà assunta a giugno.

Continua a leggere

Attualità

I vigili urbani faranno la ronda al Parcheggio Arena

Pubblicato

il

Saranno i vigili urbani a fare la ronda ogni ora sul parcheggio Arena che riapre visto che sono stati effettuati gli intervento di ripristino dei luoghi ‘visitati’ quasi quotidianamente dai vandali. Di ritorno dal viaggio in Prefettura il Comandante dei Vigili Urbani Montana ha dato mandato al personale di predisporre un servizio di ronda ogni ora per tutto il monte orario previsto per gli agenti di Polizia municipale, che si ferma a mezzanotte. Il resto lo farà il servizio di videosorveglianza che adesso è attivo con 30 telecamere su 30 ( le quattro rubate sono state ripristinate). Tutto pianificato dunque ed il parcheggio Arena riapre dopo pochi giorni dalla chiusura.

Come promesso, questa mattina abbiamo riaperto il parcheggio Arena, che è tornato fruibile per le centinaia di persone che ogni giorno vi sostano comodamente le proprie auto per recarsi a lavoro o in centro. – ha detto il sindaco-

Non appena abbiamo ricevuto la nota della Questura, che non chiudeva la struttura ma ci invitava a ripristinare le condizioni di sicurezza ottimali che è giusto garantire agli utenti, ho dato mandato alla Ghelas di mettere mano rapidamente agli interventi di manutenzione necessari. Così è stato, perché tutti si sono resi disponibili, nonostante il contratto in scadenza, in quanto consapevoli del grave disagio che, in caso contrario, sarebbe stato arrecato alla comunità. A loro, quindi, va il mio personale ringraziamento.

In realtà, i lavori si sarebbero potuti eseguire anche lasciando il parcheggio aperto, ma ben comprendo la decisione dell’amministratore delegato, Francesco Trainito, di chiuderlo, per operare tutti in totale sicurezza.

Il parcheggio Arena, che tre anni fa abbiamo trovato chiuso ed in condizioni estremamente precarie, prossimo alla devastazione totale, è diventato un punto di riferimento importante per la nostra città ed intendiamo ulteriormente migliorarlo. In quest’ottica, stiamo accelerando per assegnarne la gestione ad una nuova società e sto personalmente seguendo con grande attenzione anche quest’iter.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852
Informazioni Pubblicitarie