Seguici su:

Attualità

Pizzardi: “in emergenza vengano a Gela i medici dell’ospedale Sant’Elia”

Pubblicato

il

La situazione in cui versa l’ospedale di Gela non fa dormire sonno tranquilli l’assessore alla sanità Antonio Piazzardi che sta preparando un dossier da presentare alle istituzioni per difendere il diritto ineludibile alla salute. Al contesto generale dell’assistenza a Gela che si trascina ormai da anni e non accenna a migliorare, si aggiunge la storia trattata ieri dal nostro giornale sulla disavventura di un paziente politraumatizzato, piazzato in astanteria per due giorni prima di essere operato.  E pensare che sulle ossa si deve intervenire nell’immediatezza, prima dell’avvio della calcificazione. E invece non ci sono medici sufficienti e il paziente può attendere.

Non meravigliano queste situazioni, tenuto conto che attualmente in ortopedia prestano servizio tre medici  più il primario. Uno dei tre medici, svolge solo attività ambulatoriale. Chi va in sala operatoria sono i due dirigenti ed il primario. La forza lavoro dunque si riduce a due medici  più il primario che svolge le funzioni di primo operatore: ovvero se non c’è il primario non si opera. Tutto questo a  fronte di 7 ortopedici più uno previsti nella pianta organica. Dinanzi a questa carenza importante e sostanziale: questa forza lavoro dovrebbe garantire l’assistenza dei ricoverati e tutte le emergenze. Come si può garantire l’assistenza? Impossibile. “Se fosse così come si potrebbero garantire le esigenze del reparto oltre le emergenze?  – si chiede l’assessore alla sanità Piazzardi – Impossibile. Un qualunque intervento necessita dell’anestesista. Come si potrebbero garantire gli interventi con 7 anestesisti  a fronte di una pianta organica di previsione che ne conta 19 più uno. Devono presiedere  in tutti gli interventi di tutte le specialità sanitarie: chirurgia, ortopedia, oculistica, cardiologia. Altrettanto impossibile, oltre le urgenze del pronto soccorso.

E’ possibile che a fronte di una carenza non si riesca a reperire un ortopedico in forza all’ospedale Sant’Elia, non si può intervenire con reperibilità che venga in urgenza a Gela, non si può lasciare un paziente in astanteria un paziente per giorni?” All’ospedale di Caltanissetta sono operativi 6 medici ortopedici ( 5 assistenti più un primario). Ricordiamo che in tempo di Covid erano i pazienti ad essere trasferiti a Caltanissetta ( e molti vi morivano) e non i medici a venire a Gela per procedura d’urgenza.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Ordinanza sindacale sull’uso razionale dell’acqua

Pubblicato

il

Il sindaco Di Stefano ha firmato oggi un’ordinanza, attraverso il settore lavori pubblici per sensibilizzare la cittadinanza al risparmio dell’acqia ed uso più razionale dei suoi consumi.

Si fa riferimento al vademecum rilasciato dall’Autorità di bacino. Il Sindaco ha invitato i cittadini a non sprecare acqua e ad utilizzarla, almeno fino al prossimo 31 ottobre, in modo “razionale e corretto”, adottando comportamenti virtuosi. Le indicazioni saranno valide fino a quando verrà mantenuta l’emergenza dichiarata dal presidente della Regione. Nell’ordinanza si precisa che vanno evitati usi per “l’irrigazione e l’annaffiatura di orti, giardini e prati”, “il lavaggio di aree cortilizie e piazzali”, “il lavaggio di veicoli privati nelle proprie abitazioni” e “il riempimento di fontane ornamentali private e vasche da giardino private” evitando “tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico e igienico”.

Nessuna modifica per l’acqua destinata alle attività commerciali e a finalità domestiche.

In allegato il Vademecum delle azioni e buone pratiche finalizzate al risparmio idrico potabile ed alla riduzione dei consumi emanato dalla Presidenza della Regione Siciliana.

Continua a leggere

Attualità

Sopralluogo del sindaco allo stadio Presti per verificarne le condizioni

Pubblicato

il

Questa mattina l’Amministrazione comunale ha effettuato un sopralluogo allo stadio Vincenzo Presti per verificare le condizioni della struttura di via Niscemi in vista della nuova stagione agonistica.

Al sopralluogo erano presenti il Sindaco Terenziano Di Stefano, gli assessori Morgana (Patrimonio), Di Dio (Lavori pubblici), Favitta (Sport), i consiglieri Lupo e Castellana, i responsabili tecnici della Ghelas e la dirigenza al completo del Gela Calcio. Sono stati concordati i primi interventi per rendere immediatamente fruibile lo stadio Presti, iniziando dal rettangolo di gioco, le piccole manutenzioni elettriche e logistiche, la sistemazione degli spogliatoi, la liberazione della vecchia copertura della tribuna accatastata in via Pozzillo ed altre opere di sistemazione generale.

Il Sindaco ha ipotizzato l’affidamento della gestione temporanea della struttura alla società biancazzurra nelle more di predisporre un bando pubblico. Per la riqualificazione complessiva dello stadio si farà fede al Pnrr, dove è già previsto un finanziamento concesso per la rifunzionalizzazione del “Presti”. Il progetto prevedeva anche la realizzazione della copertura per la tribuna, ma i tempi non saranno brevi. Nel caso di difficoltà nel rendere esecutivo il finanziamento si intraprenderà un percorso alternativo, ovvero un avviso pubblico per fare realizzare ai privati la copertura della tribuna in cambio di una concessione temporale di produzione di energia elettrica attraverso pannelli fotovoltaici.

Continua a leggere

Attualità

La baia di Tucidide fruibile ma sporcata dall’uomo – video

Pubblicato

il

Il mare di Gela ha recuperato la trasparenza dei tempi d’oro degli anni ’50, quando rappresentava la punta di diamante della costa siciliana. Poi arrivò l’industria chimica senza regole ed il mare divenne una discarica.

A dieci anni dalla dismissione dell’industria pesante, il mare è tornato al suo antico splendore e le spiagge sono prese d’assalto non soltanto dai gelesi ma dai cittadini del circondario, per non parlare delle famiglie dei migranti che tornano a fruirne.

Tutta la costa è fruibile: dalla spiaggia che si apre dopo qualche centinaio di metri dalla zona industriale ai confini con marina di Butera. E si vede!

A questo si aggiunga l’apporto dei volontari che hanno ripulito le spiagge dell’area sud est, apponendo nomi storici vista l’allocazione vicina alla zona archeologica. Il Comitato di quartiere Ospizio Marino, l’associazione Gela che cambia non si sono risparmiati ed il risultato parla da sè: spiagge pulite e fruibili.

Pulite fino a quando l’uomo non ci mette piede. E quando vi mette piede la spiaggia non è più pulita.

“E’ quanto è accaduto ieri – racconta il segretario dell’associazione presieduta da Renato Messina, Emanuele Sacco – nella baia Tucidide, dove i bagnanti hanno lasciato spazzatura a profusione che siamo stati costretti a raccattare per lasciare tutto in ordine. E’ così difficile mettere i resti in un sacchetto e riporli nei cestini? Questo per non vanificare l’opera dei volontari che ha riportato in auge pezzi di spiaggia dimenticata da decenni”.

L’uomo sporca, è vero. Dappertutto. Ma le aziende incaricare non sono tanto solerti da ripulire nell’immediatezza, come avviene in tutte le città moderne. E il risultato è quello che si vede nelle foto.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852