Seguici su:

Attualità

Qualità dell’abitare: 30 milioni a 2 progetti di Gela mentre 15 vanno a Enna

Pubblicato

il

 “Fra le 271 proposte ammesse, erano oltre 290 quelle presentate, al finanziamento del Programma nazionale della qualità dell’abitare (PinQua) del Ministero per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili (Mims), con l’obiettivo di riqualificare i centri urbani, ridurre il disagio abitativo e favorire l’inclusione sociale, sono stati ammessi due progetti inerenti Gela. Inoltre, all’interno dell’area, che rappresento come collegio elettorale, ne è stato ammesso anche uno riguardante il Comune di Enna”. Così il senatore del Movimento 5 Stelle Pietro Lorefice.
“Per definire la graduatoria dei progetti, – spiega il parlamentare – approvata dall’Alta Commissione istituita presso il Mims, si è tenuto conto sia della superficie residenziale che viene recuperata dal progetto, sia della maggiore inclusività sociale che esso genera. Indicatori di impatto sociale, culturale, urbano territoriale, economico-finanziario e tecnologico sono stati alcuni degli altri parametri su cui si è formato il giudizio della Commissione”.
I fondi destinati originariamente al PinQua erano pari a 400 milioni di euro. Successivamente, vista la qualità del Programma e dei progetti ricevuti, si è scelto di aggiungere 2,8 miliardi del Fondo complementare al Pnrr, per finanziare molte più proposte di quelle finanziabili con i fondi ordinari per una somma finanziata, complessivamente, pari a 3,2 miliardi di euro.  “Per Gela – racconta Lorefice – saranno due i progetti ammessi in graduatoria: la prima proposta approvata, per una somma pari a 14.996.193,58€, sarà “Abitare in qualità a Gela”. Questa prevede degli interventi di riqualificazione e rigenerazione del tessuto socioeconomico, nonché interventi che incrementano l’accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici, migliorando la coesione sociale e la qualità della vita dei cittadini, secondo il modello urbano della “Smart City”.  La seconda proposta approvata, a cui verrà destinata una cifra pari a 14.996.205,63€, avrà come titolo “Gela tra arte, cultura e mare”. Questa interviene sugli spazi ed aree pubbliche di immobili destinati a edilizia residenziale sociale, al fine di migliorare l’accessibilità, la sicurezza, la dotazione infrastrutturale e dei servizi e innalzare la qualità dell’abitare. Inoltre interviene potenziando la dotazione infrastrutturale e dei servizi per la collettività, seguendo un modello di coesione e inclusione sociale ispirato ai concetti di “mixitè funzionali”, studiando soluzioni urbane integrate, accoglienti e di qualità. L’obiettivo è creare una rete di relazioni e suggestioni a vantaggio della qualità urbana, in cui coesistono l’organizzazione del tempo libero, una ricca offerta culturale e creativa, le infrastrutture di collegamento e la componente storica identitaria. Per Enna, invece, con un finanziamento assentito di 14.999.779,58€, il progetto ammesso è invece uno: il suo scopo è ridurre i fenomeni di marginalizzazione e disagio abitativo dell’area Monte/Tribunale/Corso Sicilia del Comune, attraverso interventi di riqualificazione ed incremento il patrimonio destinato a ERS”.  “Quella che ci giunge è quindi un’ottima notizia per il nostro territorio. L’attuazione di questo programma del tutto innovativo per il nostro Paese, infatti, andrà ad incidere positivamente sulla qualità della vita di migliaia di persone e di tante comunità. Il tutto senza andare ad operare un nuovo consumo di suolo pubblico, nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale” – conclude il senatore Lorefice.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Adozione di spazi publici: nuovo bando ma si va a rilento

Pubblicato

il

L’amministrazione comunale ci prova ancora a chiedere a cittadini, associazioni, parrocchie, attività economiche di adottare rotatorie, fontane, giardini e parchi giochi. In realtà, dopo che nel 2000 il consiglio comunale ha approvato il regolamento e i cittadini hanno risposto al bando, nessuno ha avuto finora l’affidamento richiesto. Ora un nuovo bando per 13 rotatorie ed otto giardini. Adottare ha un costo per chi sceglie di farlo che non è indifferente perché ogni tipo di spesa va a carico del richiedente che nulla può richiedere alla pubblica amministrazione da quando ottiene l’affido. Il Comune, insomma, si libera di pesi notevoli, dietro il principio di promuovere la cittadinanza attiva. Eppure chi ha chiesto   l’affido  non lo ha ancora avuto. Anche in questo caso lungaggini a non finire.

Continua a leggere

Attualità

Entro fine giugno la Srr avrà il nuovo presidente

Pubblicato

il

Le recenti elezioni amministrative in provincia di Caltanissetta hanno avuto una conseguenza sull’assetto dirigenziale della Srr. Il posto lasciato vacante dal sindaco uscente di Butera, Filippo Balbo , che ha ricoperto la carica di presidente, deve essere ricoperto. Il direttore della Srr ha indetto l’ assemblea dell’ ente per il 29 giugno per la costituzione del consiglio di amministrazione. Successivamente, e si prevede per il 30 giugno, sarà il CdA ad eleggere il nuovo presidente. In lizza ci sono I sindaci di Sommatino,Mazzarino ed il nuovo sindaco di Butera Zuccala’.

 La S.R.R., società per la regolamentazione del servizio dei rifiuti, dovendo svolgere un’attività che ha ricadute certe sul piano istituzionale (articolo 32 e 9 della Costituzione) ha la struttura di una società per azioni, in cui la funzione di realizzare un utile economico è comunque un dato caratterizzante la sua costituzione. Inoltre, l’attività di impresa della S.R.R. si caratterizza per una serie di prestazioni che, per statuto, è impostata su criteri di economicità, ravvisabili nella tendenziale equiparazione tra i costi ed i ricavi, per consentire la totale copertura dei costi della gestione integrata ed integrale del ciclo dei rifiuti

Continua a leggere

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Essere protagonisti delle scelte. Segui su www.radiogelaexpress.it

Pubblicato

il

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852