Seguici su:

Attualità

«Rafforziamo la presenza dello Stato», il prefetto Chiara Armenia incontra lo staff della Fai Antiracket di Gela

Pubblicato

il

Un impegno preciso nella battaglia per la legalità, grazie alla collaborazione sinergica tra le istituzioni e le associazioni impegnate nel territorio. È il messaggio condiviso dal prefetto di Caltanissetta Chiara Armenia, nel corso di un incontro con i professionisti del Progetto Pon Legalità FESR FSE 2014/2020 “Sostegno Attivo” che l’associazione “Gaetano Giordano”, Fai Antiracket di Gela, conduce con il finanziamento del Ministero dell’Interno grazie al Fondo Sociale dell’Unione Europea. Nel primo incontro tra il prefetto e lo staff del progetto, cui ha preso parte anche una rappresentanza del direttivo della Fai Antiracket gelese e il presidente onorario Franca Evangelista, moglie dell’imprenditore Gaetano Giordano, di grande importanza è stato il tema della perseveranza nel contrasto alla criminalità insieme all’importanza della denuncia, per sradicare le piaghe del racket e dell’usura.

«Bisogna andare avanti – ha dichiarato il prefetto Armenia –, sensibilizzando i cittadini e far comprendere loro quanto sia conveniente allearsi con lo Stato. Nell’amicizia tra cittadini e istituzioni, le associazioni giocano un ruolo fondamentale. Un ringraziamento particolare va fatto all’Antiracket di Gela per il suo lavoro. In questo momento di crisi l’usura è particolarmente presente, bisogna invitare la gente a denunciare e far capire a tutti quanto sia importante questa scelta. Possiamo sradicare racket e usura, ma dobbiamo crederci: la nostra vittoria sarà questa».

Sono numerosi gli operatori economici che hanno già aderito al Progetto Pon “Sostegno Attivo” per ricevere assistenza gratuita dal punto di vista legale, aziendale e psicologico, mentre ci sono alcuni nuovi imprenditori che si stanno avvicinando. Tra i partecipanti all’incontro con il prefetto, anche due imprenditori gelesi che hanno denunciato: una testimonianza che rappresenta in toto la scelta di coraggio di tanti altri cittadini e degli associati dell’Antiracket. «La visita di Sua Eccellenza il prefetto e le sue parole ci onorano – ha detto il presidente della Fai Antiracket di Gela, Renzo Caponetti –, sottolineano l’importanza e il valore dei nostri duecento associati e dei tantissimi che hanno già denunciato. Serve una nuova cultura d’impresa, una nuova educazione all’imprenditorialità. Anche in questo senso noi ci siamo, il nostro impegno non si ferma».

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Il sindaco convoca incontro su come spendere 7 mln di royalties petrolifere

Pubblicato

il

Il Comune ha incassato 7 milioni e mezzo di royalties petrolifere del 2023 e, per legge, vanno destinate ad azioni a favore dell’ambiente. Le somme – e lo ha scritto chiaramente la Corte dei Conti- non possono essere spalmate nel bilancio per tappare i buchi o fare qualsiasi altra spesa a caso. Ne sanno qualcosa i precedenti amministratori che sono finiti sotto processo.

Il neo sindaco Terenziano Di Stefano ha convocato per oggi un incontro con la segretaria generale, la dirigente del bilancio e il dirigente Collura per discutere di come usare i fondi delle royalties.

” Bisogna riflettere bene e programmare- dice il sindaco – ed è importante che la città sia poi informata di come quelle somme saranno spese”.

Continua a leggere

Attualità

Belpasso: ritorna il Mechané Festival, palcoscenico di bellezza e cultura

Pubblicato

il

Ritorna a Belpasso un appuntamento imperdibile: il Mechané Festival, giunto alla sua terza edizione. Il festival si svolgerà dal 27 luglio al 6 agosto con un programma ricco di appuntamenti che trasformerà Belpasso in un palcoscenico di eventi imperdibili. Sarà un’esperienza coinvolgente ed emozionante in cui i partecipanti potranno immergersi in eventi culturali e non solo perché a caratterizzare il Mechané Festival saranno anche le spaccate dei Carri di quattro dei quartieri belpassesi.

Le incantevoli macchine sceniche barocche, infatti, ben rappresentano, contraddistinguono ed esaltano l’identità culturale e creativa di Belpasso. «Un evento che negli anni si è arricchito di appuntamenti collaterali, creando intorno a esso un festival dall’identità culturale e artistico davvero unico: il Mechanè Festival – spiega Carlo Caputo, sindaco di Belpasso -. Ho da sempre creduto nel valore artistico dei carri, sin dalla mia prima sindacatura, lavorando affinché si realizzassero i tre capannoni di Santa Lucia. Oggi credo altrettanto fortemente nel valore di questo festival che ospiterà una serie di eventi imperdibili tra musica, arte e cultura e che darà la possibilità di mostrare, soprattutto ai numerosi turisti che durante i mesi estivi arrivano a Belpasso, la bellezza del lavoro delle maestranze e dei devoti, e non solo».

Saranno dieci giorni straordinari, dove la cultura, l’arte e la musica si fondono per creare un’esperienza unica e indimenticabile. Il Mechané Festival è pronto a sorprendere con emozioni, spettacoli e incontri che rimarranno nel cuore di tutti i partecipanti. L’evento è organizzato dalla Fondazione Carri di Santa Lucia, la Proloco di Belpasso, patrocinato dall’Assessorato Regionale allo Sport, Turismo e Spettacolo, dall’Assemblea Regionale Siciliana e dal Comune di Belpasso.

Continua a leggere

Attualità

I topi del Lungomare e il sindaco che invita i gelesi a lavare in casa i panni sporchi

Pubblicato

il

La presenza massiccia di colonie di grossi topi al Lungomare è dovuta anche al fatto che all’Orto Paqualello sono stati fatti i lavori di bonifica. Il sindaco Terenziano Di Stefano assicura da domani la derattizzazione della zona balneare.

L’iniziativa giunge dopo un video sui social che è diventato virale con sei topi che gironzolavano indisturbati mentre girando l’angolo c’erano tante persone- anche famiglie con bambini- che passeggiavano al Lungomare.

Il sindaco si è rivolto ai cittadini chiedendo di non fare danni all’immagine della città postando video di quel genere che non si cancellano mai.

Di Stefano chiede che vengano girati a lui e agli assessori assicurando un pronto intervento. Insomma niente social ma più comunicazione diretta con chi governa per segnalare problemi che si verificano ovunque ma che sbattuti sui social fanno danno alla città. I panni si lavano in casa: è il principio del primo cittadino. Ma per farlo deve esserci …l’acqua.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852