Seguici su:

Attualità

Riconfermato Pardo alla presidenza della Confesercenti

Pubblicato

il

Gela – È ancora Rocco Pardo il presidente della ConfEsercenti È stato riconfermato dall’Assemblea che si è tenuta stamattina . “Sono trascorsi tre anni dal giorno in cui ho assunto il ruolo di Presidente della Confesercenti Provinciale – ha detto oggi Pardo durante l’assemblea –  Sento l’esigenza di rivolgere ad ognuno dei Consiglieri un sentito ringraziamento per avermi accompagnato in questo lungo ed impegnativo percorso in cui costantemente, specialmente in questo periodo di profonda crisi sanitaria ed economica, si sono profuse notevoli energie e ancor più occorrerà impegnarsi nei prossimi anni.

Il proposito in questi anni è stato quello di attuare, con il Vostro aiuto, giustizia e rispetto nei confronti dei nostri associati. L’impegno fin qui profuso è stato notevole e abbiamo sempre cercato di coinvolgere gli iscritti, adoperandoci per un migliore futuro della Categoria, ponendo sempre il nostro bagaglio culturale a disposizione delle Istituzioni per qualunque problema di interesse professionale.

Ringrazio tutti Voi, perché ognuno – anche nella diversità di pensiero – ha interpretato e dimostrato un’attenzione per la Categoria e una volontà di partecipazione alla costruzione del bene comune, che ci ha richiamati ogni giorno all’importanza delle nostre responsabilità e ha reso quest’esperienza, a volte anche dura e faticosa, intensa ed entusiasmante. Un impegno continuo nella gestione di un’attività che ha raggiunto risultati apprezzabili, in linea con il perseguimento dei fini statutari e finalizzati al bene dell’intera Categoria. La capacità, la professionalità e l’impegno di tutto il direttivo ha consentito alla Confesercenti Caltanissetta Gela, anche attraverso importanti collaborazioni con altri Enti, di raggiungere traguardi di significativa rilevanza, volgendo una particolare attenzione alla crescita e tutela della Categoria. Sono certo che tanto impegno profuso, troverà linfa anche nel prosieguo di questo mandato, caratterizzandosi quale esempio di correttezza, serietà e competenza.  Non tutte le situazioni che abbiamo affrontato hanno potuto trovare quelle soluzioni radicali e definitive che avremmo voluto che fossero attuabili; ma considerati tempi, circostanze e informazioni disponibili al momento, credo che abbiamo preso le decisioni che in coscienza ci sembravano le migliori possibili. Di sicuro c’e’ solo che non ci si può mai accontentare, altri traguardi saranno possibili attraverso la dedizione che ognuno di Noi darà a questo Ente.

In questo percorso non sono mancati momenti di accesa e sana discussione, anche di diverse vedute, sempre però con l’intento di trovare un equilibrio che tenesse in giusto conto le esigenze di tutti. L’autocritica e’ nel non essere forse sempre riuscito ad affrontare tutte le questioni con la dovuta incisività, ma sono sereno nella certezza che si è sempre agito nel convincimento di fare quanto possibile in quel momento. Questa libertà, questa trasparenza e questa positività sono state l’essenza del mio e del nostro mandato.

Sono certo che questa linea politica sindacale sia ancora la luce che guiderà il Consiglio fino alla fine del suo prossimo mandato. Abbiamo svolto con onestà intellettuale, dedizione e spirito di servizio il pezzo di strada che siamo stati chiamati a guidare. Abbiamo fondato le basi su cui questo Consiglio potrà continuare a essere un punto di riferimento non solo a livello Provinciale ma anche regionale. Auguro buon lavoro a tutti Noi, di continuare a crescere nella libertà e nella partecipazione, perché essere componente di questo Consiglio significa sentire profondamente il senso di appartenenza alle nostre radici e alla nostra cultura professionale, un tesoro prezioso che tutti insieme dobbiamo custodire ed implementare con responsabilità”.

Negli ultimi anni sono avvenute profonde trasformazioni nel mondo del commercio (come l’e-commerce) concorrenza sleale che ha messo in ginocchio molte piccole aziende, ed infine la pandemia. E’ cambiato il modo di comunicare con i Colleghi, di proporre il necessario sostegno alle esigenze della Categoria, anche in considerazione delle tecnologie disponibili. Sin dalla mia prima elezione, ho sempre voluto che gli interessi della Categoria e del mondo civile fossero garantiti: liberi dai condizionamenti della politica e dei potentati.

Tengo a ricordare che la ricerca di un atteggiamento di “normalità”, di ricerca di risposte a ciò che era possibile fare, una sfida quotidiana fatta anche di confronti, con la consapevolezza che si stesse operando per il Nostro bene comune.

Dopo sedici mesi difficilissimi, come quelli del 2020 e della prima parte del 2021, interamente dominati dal Covid e dalle sue conseguenze, nonostante i mille dubbi che tutti possono comprendere, si è deciso di avviare il percorso congressuale di Confesercenti. La discussione che proponiamo con i ‘temi’ di questo documento è programmaticamente aperta a ulteriori contributi. L’obiettivo politico e organizzativo che ci proponiamo di raggiungere nel corso del prossimo quadriennio è quello di un rilancio della nostra organizzazione sulla base di quattro linee di azione.

Le quattro linee di azione sono le seguenti:

  1. una Confesercenti più attrattiva e ospitale per le nuove generazioni di dirigenti associativi (ampliamento dei gruppi dirigenti, con attenzione al ricambio generazionale);
  1. politicamente incisiva tanto a livello territoriale e Provinciale quanto a livello regionale (rilancio della rappresentanza, anche in competizione con il blocco corporativo consolidato);
  1. rinnovata nella capacità di offrire servizi innovativi su tutto il territorio Provinciale, integrando l’offerta territoriale con una solida e innovativa offerta digitale (sistema di offerta integrato a livello territoriale e nazionale);
  1. in grado di garantire la massima capillarità di presenza e di iniziativa in tutti i territori attraverso una rinnovata politica di gestione del logo di Confesercenti (radicamento locale con politiche innovative di riconoscimento del logo)

Attraverso queste quattro linee di azione saremo in grado di rispondere in modo incisivo ai bisogni di chi opera nel vasto mondo del terziario, delle loro famiglie e più in generale dei cittadini attivi nelle società locali.

Il metro di misurazione del successo delle strategie di Confesercenti rimane il consenso alla nostra organizzazione, misurato in primo luogo attraverso la verifica della nostra effettiva rappresentatività.

Grazie a tutti i Colleghi ed Amici – Voglio ringraziare tutti coloro che con il loro sostegno e non ultimo con il loro affetto hanno reso possibile questa lunga esperienza, straordinariamente stimolante e positiva: e’ stato per me un onore e un piacere rapportarmi con tutti Voi e rappresentare nei diversi tavoli istituzionali la Categoria.

Ho avuto la possibilità di incontrare persone che mi hanno permesso di sviluppare la cultura del lavoro, una passione da trasferire alle nuove generazioni di Imprenditori, in cui anche i più giovani abbiano spazio per crescere ed affermarsi, costruendo quell’appartenenza alla Categoria che fa di tutti noi i protagonisti del nostro futuro. A tutte queste persone va il mio più caloroso ringraziamento, che con il loro sostegno e passione hanno sempre dato nuova spinta al mio impegno a favore della Categoria, anche in questa nuova avventura.

Un ringraziamento personale va al Dott. Danilo Giordano ed Avv. Fabrizio Marotta per la costante dedizione, che spesso esula dall’ordinario, e per il tangibile supporto a tutte le attività svolte.

Concludo con il ringraziare la mia Famiglia, la cui presenza e comprensione per le mie tante “assenze”, mi ha permesso di andare avanti nella responsabilità del ruolo.

Il suo appoggio mi ha dato la forza di andare avanti e mi ha fortemente stimolato nel cercare di svolgere al meglio il mio mandato.

A tutti coloro che, con il loro generoso contributo, hanno reso possibile questo mio percorso, che continua con impegno e responsabilità, va il mio miglior augurio di un buon proseguimento, ricco di successi personali e professionali, per il BENE della CATEGORIA”.

Ecco i nomi degli organismi interni:

Rocco Pardo  Presidente I componenti della Presidenza sono:  Alejando Cammarata, Filippo Franzone, Salvatore Ristagno, Dario Marrella, Salvatore Terlati, Armando Cigna, Francesco Iannì, Fabio Cammarata, Francesco Chessari, Giosuele Scicolone, Gianfilippo Colajnni, Gianbattista Di Dio.

I revisori dei conti sono : Filippo Franzone, Emanuele Maniscalco, Sergio Toscano; supplente: Gianfilippo Colajnni.

Delegati assemblea elettiva regionale: Emanuele Maniscalco,Filippo Franzone, Sergio Toscano. Filippo Colajanni (supplente)

Delegati assemblea elettiva regionale: Alejandro Cammarata, Francesco Iannì, Filippo Franzone, Rocco Pardo e Salvatore Telati.

Delegati all’assemblea elettiva regionale in rappresenta categorie regionali: Dario Marella.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Turismo: la Regione punta alla Bit di Milano

Pubblicato

il

Grande impatto visivo ed emotivo, oltre mille metri quadrati, grandi ledwall e superfici a specchio, spazi per operatori del settore pubblici e privati. Lo stand (il render nella foto sopra) della Regione Siciliana alla prossima Borsa internazionale del turismo di Milano, dal 12 al 14 febbraio, interamente progettato dal personale interno all’assessorato regionale al Turismo, sarà il biglietto da visita dell’Isola in un settore che cresce. Secondo uno studio commissionato dall’università Cattolica di Milano, la Sicilia con il logo “See Sicily” è la prima regione italiana in termini di “ricordo” a seguito delle campagne di promozione audiovisive sui principali media. Per il governatore Schifani, che sarà presente alla tradizionale conferenza stampa in Fiera Milano, «la nostra terra è intrisa da millenni di storia, oggi fonte di ispirazione per nuove generazioni di creativi legati alla moda, al cinema, al teatro, alla letteratura, all’arte». Obiettivo consolidare offerta e flussi e promuovere la destagionalizzazione

Continua a leggere

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. In  cerca di soluzioni

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Antiracket con il punto interrogativo

Pubblicato

il

Si svolgerà oggi alle 18 l’assemblea dei soci dell’associazione antiracket Gaetano Giordano per eleggere il direttivo da cui poi si sceglierà il presidente.

Tredici i candidati. Tre giorni fa il Prefetto di Caltanissetta ha cancellato l’associazione dall’albo prefettizio ma gran parte degli iscritti rimasti ritiene di dover andare avanti lo stesso procedendo con le elezioni per poi presentare ricorso contro il decreto. Pare inoltre che l’ex presidente Renzo Caponetti stia lavorando per fondare una nuova associazione.Una situazione in divenire con risvolti non prevedibili.

L’unico dato certo è che l’immagine di Gela ha subito un grave danno per gli errori e gli scivoloni di un’associazione considerata un modello italiano.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852