Seguici su:

Flash news

Rinnova chiede le dimissioni del sindaco

Pubblicato

il

Il gruppo di Rinnova  guidato da Gianpaolo Alario e rappresentato in aula da Alessandra Ascia evidenzia che  il sindaco non ha più una maggioranza su cui contare per approvare atti importanti per la vita della città di Gela e lo invita a dimettersi. Rinnova  ritiene che questa amministrazione non è in grado di risolvere le impellenti urgenze, non solo amministrative, che hanno ridotto la città ai minimi termini <Non ci si può giustificare  con la città – si legge in un comunicato –  e dire che  la maggioranza era assente giustificata specialmente in un momento in cui devono essere votati atti indifferibili e vitali per una città che vive una grave crisi in tutti i settori; Quando c’e da salvaguardare gli interessi della città e dei suoi cittadini non ci sono giustificazioni che tengono e niente e in nessun modo può essere accettato. 

Non è accettabile ribaltare le responsabilità alla opposizione che certamente non è invogliata da una attività amministrativo/politica non consona agli interessi della comunità.

Il sindaco ammetta che non ha più i numeri per potere amministrare e governare la città di Gela e dichiari il fallimento del suo mandato in quanto non ha realizzato nulla di quanto dichiarato in campagna elettorale nel 2019 e che purtroppo è sotto gli occhi di tutti. Oggi assistiamo e viviamo ancora il grave problema dei rifiuti, il gravissimo problema della carenza idrica e inoltre alla  assenza di progetti per la disabilità  e della vivibilità urbana tra l’altro  presentati in consiglio come interrogazioni dal consigliere di Rinnova, Alessandra Ascia. Progetti condivisi da tutti tranne che dalla amministrazione comunale che mai li ha messo in atto. Inoltre non si può condividere che lo sviluppo economico di questa città sia rappresentato solo dalla baraccopoli che ha deturpato il nostro lungomare e di cui nessuno sa da dove siano nate le autorizzazioni. Rinnova invita il sindaco e la sua giunta a togliere dall’imbarazzo questa città che ormai è rimasta tra le ultime città italiane in merito alla qualità della vita. Pertanto lo invita a rassegnare le dimissioni al fine di evitare l’agonia profonda in cui è caduta questa città dalle mille risorse e dalle mille tradizioni. Ciò al fine di dare la possibilità di costruire un progetto consono a quelle che sono le reali potenzialità della comunità gelese

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Incidente mortale sulla Gela – Scoglitti

Pubblicato

il

Un gelese Biagio Cocchiaro ha perso la vita a seguito di un incidente stradale che si è verificato nella strada che collega Gela a Scoglitti.

A nulla è servito l’arrivo dell’elisoccorso. Cocchiaro era ormai deceduto.

Sono in corso di definizione le modalità del sinistro.

Continua a leggere

Flash news

Casano lascia la casa di riposo Antonietta Aldisio

Pubblicato

il

Carmelo Casano lascia l’incarico di commissario dell’Ipab Aldisio.

Un incarico conferitogli dal governo Musumeci in un momento particolare della storia della casa riposo.

Un grande impegno profuso in questi mesi per rendere un buon servizio agli anziani.

Casano lascia per sopraggiunti motivi familiari. Il suo rammarico è di non avere potuto vedere appaltati i lavori per l’efficientamento energetico dei locali con un finanziamento da 1 milione di euro.

Al Comune sono da tempo arrivate le buste con le offerte delle ditte e i tempi di conclusione stringono: un anno appena.

Continua a leggere

Cronaca

In fiamme a San Giacomo Fiat Doblò di artigiano componente del comitato di quartiere

Pubblicato

il

Un furgone Fiat Doblò usato giornalmente da un artigiano gelese per il suo lavoro è stato incendiato durante la notte.

L’uomo, che è anche impegnato nel sociale essendo componente del direttivo del comitato di quartiere di S.Giacomo, aveva lasciato il mezzo in sosta sotto casa in via Guccione.

Le fiamme alte hanno distrutto tutta la parte anteriore del mezzo, annerito la saracinesca del piano terra e il prospetto dell’immobile davanti a cui il Doblo era posteggiato. Sul posto a spegnere le fiamme sono intervenuti i vigili del fuoco.

Grande dispiacere per l’episodio hanno provato tutti i componenti del comitato di quartiere che si stringono vicino alla vittima per incoraggiata ad andate avanti.

Nel contempo condannano il vile gesto e sostengono che il comitato non tollera queste azioni contro cui bisogna opporsi.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852