Seguici su:

Sindacale

Savarino (Uila Uil): la politica mantenga gli impegni per i forestali

Pubblicato

il

La Uila Uil scende in campo per sensibilizzare il mondo della politica a mantenere le promesse e non lasciare le parole solo sterili proclami. A prendere la parola oggi è il segretario generale della Uila Uil, Enzo Savarino che pone una riflessione su quello che è stato e non deve ripetersi per i forestali.

” Da anni ormai, in periodo di campagna elettorale, assistiamo a proclami e mirabolanti ricette per il rilancio del territorio – dice Savarino- e per ipotetiche stabilizzazioni di tutti i lavoratori forestali e di tutti i lavoratori dei Consorzi di Bonifica della Sicilia. Come Uila, l’organizzazione sindacale della Uil che si occupa del settore agroalimentare, da decenni che insieme ai colleghi della Flai Cgil e Fai Cisl chiediamo, per la forestale, per i consorzi di bonifica e per il sistema agroalimentare nel suo complesso, la giusta attenzione che questi settori meritano.

Ma la politica regionale che “oggi si batte le mani sul petto” si è fatta trovare sempre distratta e non attenta alle esigenze del territorio e dei lavoratori interessati. La Uila è fortemente convinta che vada rilanciato l’investimento sull’ambiente e sulla salvaguardia del territorio.

Per queste ragioni è da tantissimo tempo che proponiamo alla politica regionale una riforma della legge del settore forestale che stabilizzi i lavoratori, da troppi anni con contratti a tempo determinato sulle loro spalle poiché effettuano poche giornate durante l’anno.  Inoltre abbiamo sempre sostenuto con forza che la forestale deve rimanere pubblica e che si debba provvedere in tempi celeri al ricambio generazionale per evitare la “deforestazione” dei lavoratori.

  Occorre pensare ad un piano di messa in sicurezza del territorio contro gli incendi boschivi ed a un piano serio di riforestazione, incrementare la superficie boschiva per contrastare in modo reale il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici che seri danni stanno creando al nostro paese. Tutto ciò potrebbe determinare la stabilizzazione dei lavoratori che da anni operano nel settore e nello stesso tempo dare ai giovani una opportunità di lavoro nei nostri boschi in quanto bene collettivo. Riteniamo che il settore agricolo e agroalimentare del nostro territorio fatto di eccellenze ma dove regnano anche tante criticità, legate ai servizi e alle infrastrutture, necessitano di una maggiore attenzione e una concreta programmazione nell’intercettare anche i finanziamenti della comunità europea. E’ imprescindibile anche la riforma della legge dei consorzi di bonifica tanto decantata dall’ultimo governo regionale e mai approvata. Lo scopo della riforma è di mettere i Consorzi di Bonifica, fondamentali per lo sviluppo dell’agricoltura, “in una terra dove la siccità incide pesantemente”, nelle condizioni di svolgere quei servizi essenziali per cui sono stati costituiti. Diventa irrinunciabile perciò stabilizzare il personale e ammodernare le infrastrutture irrigue, per fornire un servizio più efficiente ed efficace a tutti gli agricoltori che hanno deciso di investire nel nostro territorio. La Uila di Caltanissetta con a capo il suo segretario generale Enzo Savarino e la Uil di Caltanissetta con il suo coordinatore provinciale Salvatore Guttilla ritengono che la forestazione,  l’agricoltura, i consorzi di bonifica e il settore agroalimentare siano dei pilastri portanti dell’economia della nostra provincia: per questo chiediamo con forza a chi, dopo il 25 settembre governerà questa Regione, di dare il giusto valore ai temi  che abbiamo trattato, poiché li consideriamo vitali per il territorio di questa provincia.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash news

La Fp Cgil non firma l’accordo sulla rimodulazione delle ore per infermieri e Oss

Pubblicato

il

Si è svolto ieri l’incontro tra le organizzazioni sindacali e la Direzione Generale sulla rimodulazione delle ore di servizio per il personale infermieristico e OSS reclutati per l’emergenza Covid.
Il Direttore Generale nella sua premessa introduttiva ha rappresentato la circostanza che tra i soggetti reclutati ci sono 238 OSS e di questi 53 in esubero (non si comprendono le difficoltà da parte dei responsabili dei servizi ad organizzare i turni) e 103 infermieri.

La proposta formulata dalla Direzione Generale è stata quella di elevare a tutti l’orario a 30 ore che potrebbero essere ulteriormente aumentate ove ve ne sia la disponibilità e comunque sempre in attesa dell’avvio delle procedure di stabilizzazione.
La Fp Cgil, tenuto conto delle difficoltà ad assicurare dei turni omogenei e che potrebbero esserci ripercussioni anche sulla qualità delle prestazioni erogate all’utenza, nonché un sovraccarico di lavoro su tutto il personale, ha proposto di innalzare sia per gli infermieri che per gli OSS a 36 ore .
Alla proposta, la Direzione generale ha risposto che non poteva essere accettata per mancanza dei fondi necessari. Il sindacato ritenendo che da parte dell’amministrazione non vi è stato alcuno sforzo per avviare percorsi e soluzioni condivise, in coerenza con quanto raccomandato dal Prefetto il 2 dicembre scorso, ha deciso di assumere una posizione autonoma.
Infatti, da quest’incontro, dove si è presentata una proposta senza margini di trattativa, si ricava la sensazione che da parte dell’amministrazione fosse messo in atto il tentativo di far gravare anche sul sindacato la responsabilità di una decisione in capo alla direzione strategica. La Cgil non ha sottoscritto la proposta dell’amministrazione con cui si stabiliva un monte orario di 30 ore settimanali ore per tutto il personale interessato, invece delle 36 proposte.

Continua a leggere

Flash news

Il sindaco lancia il patto tra istituzioni al congresso Filctem Cgil

Pubblicato

il

Un patto tra istituzioni per rilanciare il territorio di Gela: la proposta l’ha lanciata il sindaco Lucio Greco durante il suo intervento di saluto al quarto congresso regionale della Filctem Cgil che ha preso il via ieri a Gela e prosegue oggi.  Il primo cittadino ha ringraziato il sindacato per aver scelto Gela come sede del congresso.

<Una scelta azzeccata – ha detto Greco – considerato che Gela si trova al centro della politica nazionale dal punto di vista energetico per il progetto Argo e Cassiopea e per tanto altro>. 

Alla Cgil il primo cittadino ha chiesto la collaborazione per portare ai tavoli regionali e nazionali la situazione di crisi industriale di Gela che non è da meno di quella di Taranto e meriterebbe la stessa attenzione, cominciando dal dare vero impulso all’accordo di programma.

Continua a leggere

Flash news

Moncada confermata segretaria generale della Cgil nissena

Pubblicato

il

Riconfermata all’unanimità la Segretaria Generale confederale Cgil di Caltanissetta Rosanna Moncada, alla presenza del Segretario Nazionale Cgil Walter Schiavella e del Segretario Generale Cgil Sicilia Alfio Mannino.
L’elezione è avvenuta a conclusione di una giornata piena di contributi e di riflessioni da parte delle delegate e dei delegati presenti che hanno ripercorso l’intensa attività sindacale nel territorio definendo, altresì, gli obiettivi che bisognerà raggiungere per superare le grandi criticità della Provincia nissena.
Pace, Mezzogiorno, Autonomia differenziata, Sanità, Precarietà, Sicurezza, Previdenza, Fisco, Istruzione, Trasporti, PNRR, Transizione ecologica-digitale, Democrazia, Rappresentanza e Territorio dovranno costituire l’ambito di azione su cui si dovrà muovere l’intero gruppo dirigente della Cgil .

Per la Cgil di Caltanissetta l’unica strada percorribile è quella di un paese, di una Regione che non blocchi il processo di riforme e che porti avanti proposte supportate da veri piani di lavoro e di sviluppo.
Uno sviluppo che non può prescindere dalla centralità della questione meridionale e dalla consapevolezza che lo sviluppo del nostro Paese deve partire dal Mezzogiorno con interventi mirati a valorizzare le nostre vocazioni.
Grande soddisfazione è stata espressa all’apertura dei lavori per la notizia dell’arresto del boss mafioso Matteo Messina Denaro .
L’impegno delle Forze dell’Ordine, dei Magistrati, il sostegno del Sindacato, delle Associazioni, della Società civile deve continuare con decisione per affermare un tessuto economico e sociale libero da condizionamenti mafiosi e da tutte le forme di illegalità.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852