Seguici su:

Politica

Scuvera (FdI): “che sia stata una mossa in vista delle elezioni regionali?”

Pubblicato

il

La manovrina messa a punto dal sindaco per lavarsi le mani e provare a restare pulito in questa bolgia di scatti, non è passata inosservata al mondo della politica. Il coordinatore di Fratelli d’Italia Salvatore Scuvera dà un’interpretazione spietata alla situazione:

“Apprendiamo senza tanto stupore la decisione di richiedere le dimissione a tutti i componenta della Giunta Comunale da parte del Sindaco Greco, a due anni compiuti dal suo insediamento, segnale evidente di un fallimento annunciato da ascrivere alla incapacità ed alla inadeguatezza di una formazione arcobaleno che sinora si è sostenuta sulla inconsistenza della autoreferenzialità.

Il primo cittadino con questo atto dall’implicito significato, è arrivato alla stessa conclusione alla quale i cittadini erano giunti già da qualche tempo e cioè che questa amministrazione non è stata in grado di mantenere le promesse formulate in campagna elettorale, illudendo i cittadini con il miraggio di una svolta che in effetti è arrivata ma in senso decisamente negativo”.

E’ l’epilogo di un’azione amministrativa inesistente, di un sindaco che dopo due anni non è riuscito a dare una impronta alla propria attività amministrativa, né a disegnare una strategia di sviluppo per questa città

Ciò che lo stesso Greco non tiene in debita considerazione, è la circostanza che vede lui stesso annegare accanto ai suoi assessori nel mare del degrado di una città ormai allo sbando, grazie ad una azione politica inesistente, capace solo di ridondanti operazioni di “scaricabarile.

Con la richiesta di dimissioni ai suoi assessori, il Sindaco Greco attribuisce responsabilità di inefficienza ai suoi diretti collaboratori, omettendo, però, di assumere in prima persona la colpa principale dell’ insuccesso amministrativo perpetrato ai danni dei cittadini gelesi.

Ci dispiace pensare che sia ripartita la giostra delle poltrone e l’ azzeramento della giunta ad un anno delle prossime competizioni elettorali regionali e nazionali, sembra essere fatto per rispettare accordi pre elettorali, futuri accordi elettorali a dispetto della volonta popolare ed in danno della comunita’.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

Cancelleri non fa il tris.Porta aperta per Nuccio Di Paola

Pubblicato

il

Conferenza stampa alle 11 alla biblioteca dell’Ars del sottosegretario del M5S Giancarlo Cancelleri per importanti comunicazioni. È il giorno in cui i Cinquestelle devono rendere noto il nome del loro candidato alle primarie.

Si sa già che il sottosegretario già candidato due volte alla presidenza della Regione e battuto prima da Crocetta poi da Musumeci, non farà il tris per il bene del partito.

Così le porte dovrebbero aprirsi per il gelese Nuccio Di Paola che andrebbe a misurarsi con gli alleati nel momento più nero.della vita dei Cinquestelle.

Continua a leggere

Politica

Caro Carburante, all’Ars depositata mozione a sostegno delle imprese agricole, Pellegrino (FI): “Occorre tutelarle per evitare il collasso del comparto”

Pubblicato

il

Palermo – E’ stata depositata all’Assemblea regionale siciliana una mozione presentata dal deputato regionale di Forza Italia e Presidente della Commissione Affari Istituzionali all’Ars, on. Stefano Pellegrino, che impegna il Governo regionale ad intervenire presso il Governo nazionale per adottare un serio provvedimento in favore delle aziende agricole siciliane, per superare le enormi difficoltà economiche legate al caro carburante. 

“Gli agricoltori sono in ginocchio a causa dei bruschi rincari del carburante – afferma il Parlamentare. Se a tale criticità si sommano le difficoltà burocratiche che gli stessi riscontrano per l’accesso alla piattaforma informatica propedeutica all’assegnazione del carburante a prezzo agevolato, si ha la contezza del notevole disagio. Occorre una concreta inversione di tendenza. Senza un intervento tempestivo, saranno a rischio molteplici colture, sia quelle in fase embrionale che avanzata, come la frutta estiva e il grano”.

Continua a leggere

Politica

Chiusa la rianimazione. Giudice: “cos’altro deve accadere per svegliare la politica?”

Pubblicato

il

Chiuso il reparto di rianimazione dell’ospedale Vittorio Emanuele. Dopo l’urologia, la psichiatria, la senologia mai decollata come unità complessa nonostante le proteste e le manifestazioni pubbliche. Il pronto soccorso assediato da anni da orde di pazienti in cerca di assistenza e senza medici. La volontà è chiara: ridurre l’ospedale ad ambulatorio, se non chiuderlo del tutto; ma ognuno mantiene la propria linea per arrivare in cima solo per la propria gloria e non per servizio e senza guardarsi intorno. Chiudere la rianimazione significa che se un paziente subisce un infarto, un incidente o viene colpito da qualunque patologia improvvisa è destinato a morire perchè non può aspettare i tempi di un trasferimento ad un ospedale che dista almeno 100 chilometri. Muore!

“È notizia di oggi che all’ospedale Vittorio Emanuele è chiuso il reparto di rianimazione, tra i più delicati, anzi il più prezioso e se esiste DEVE funzionare dato che in rianimazione vanno i pazienti che hanno subito un intervento delicato o che, per altre mille ragioni, per eventi non programmati rischiano la vita e solo la degenza in rianimazione può salvarli – lo dice il consigliere indipendente di sinistra Paola Giudice – Ma cos’altro deve accadere nella sesta città siciliana abbandonata negli ultimi 20 anni da tanti uomini potenti che hanno rappresentato la città nelle Istituzioni alte della politica regionale?

Comprendo che si è aperta la campagna elettorale per le regionali, continuo a non comprendere il livello di demagogia, retorica e populismo che aleggia su temi cruciali che interessano tutti i cittadini e due, tra le tante questioni aperte, sono la pulizia della città e il buon funzionamento della sanità pubblica.  Chi è DEPUTATO a risolvere i problemi in questi decenni ha fatto finta di affrontarli diramando solo  qualche comunicato stampa di circostanza. Basta con le passerelle, noiose, ingombranti, assolutamente inutili. Basta con le nomine politiche dentro la gestione diretta della sanità pubblica. Il sistema malato delle nomine va avanti da più di 15 anni, ha attraversato il centro, la sinistra e la destra indisturbato e sono in tanti che ancora parlano di dare spazio al merito e alla fine lo spazio è solo per se stessi e le perenni campagne elettorali”.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852