Seguici su:

Attualità

Sindacati: “dall’analisi negativa devono emergere i progetti”

Pubblicato

il

I sindacati fanno un bilancio dell’anno che sta per finire. Un anno difficile refluenze di un altro anno che ha portato eventi imprevedibili. ” L’anno che ci lasciamo alle spalle dovrà essere un anno da non dimenticare – affermato i segretari generali Rosanna Moncada (Cgil), Emanuele Gallo ( Cisl) e Vincenzo Mudaro ( Uil) –

perché è necessario che gli errori commessi, le iniziative non intraprese e le buone intenzioni mai realizzate facciano da importante monito per le occasioni perdute che non ci possiamo permettere di ripetere. I mesi trascorsi ci consegnano un analisi negativa con poche prospettive di sviluppo per il nostro territorio, anche nella considerazione che l’emergenza sanitaria ci obbliga a prevedere un periodo ancora lungo per potere definitivamente mettere la parola fine alla diffusione dei contagi e potere finalmente garantire quelle porzioni di libertà che spettano a tutti noi come cittadini e come lavoratori. Non vogliamo essere critici a tutti i costi e non nutrire alcuna fiducia affinché il 2022 possa essere veramente
un anno di sviluppo per la nostra Provincia, ma per poterlo realizzare dobbiamo fare in modo che si recuperi quella parte ancora fragile della nostra società che poi è quella che rappresenta l’infrastruttura più importante : il lavoro.
Le premesse ci sono tutte e soprattutto le risorse (PNRR) e quindi è necessario che le parole e le intenzioni si trasformino in fatti concreti , ossia : strade sicure e percorribili a sostegno di un economia che velocizzi e veicoli la produzione e il turismo ,politiche attive , politiche di sviluppo industriale che siano veramente incisive e che generino produzione e lavoro.
Ma il lavoro deve sortire occupazione stabile e deve essere lavoro legato alla formazione e alla sicurezza. Questa è una condizione imprescindibile affinché si assicuri vera dignità ai lavoratori e si eviti che i nostri giovani abbandonino il nostro territorio esportando competenze e professionalità. Occorre inoltre un vero e proprio investimento sulla qualità della vita che in fatti concreti significa sostegno
alle fasce più deboli della nostre comunità che sono quelle legate ai servizi alle persone , all’assistenza agli anziani e inabili, ma, soprattutto occorre un incisiva e determinata lotta alla corruzione , alla criminalità organizzata ,alla mala sanità e a politiche clientelari che hanno letteralmente messo in ginocchio e umiliato
le nostre pubbliche Amministrazioni sminuendo il servizio di pubblica utilità che dovrebbero erogare. I vizi nelle procedure di assunzione nella Sanità ne sono una conferma tangibile.
Tutto questo riportato all’interno del nostro territorio deve essere tradotto in specifiche azioni volte a realizzare di volta in volta importanti risultati che siano il frutto del lavoro di tutte le parti sociali volte a sviluppare quella coscienza civile e radicarla per fare sistema e garantire legalità. Un modello che ci ha visti insieme al Prefetto di Caltanissetta a concordare e sottoscrivere un Accordo per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro e contrastare il capolarato. Un impegno che sottolinea l’interesse ad intervenire nel territorio attraverso i luoghi di lavoro per diffondere la cultura alla legalità e alla sicurezza rappresentando un segnale importante che dimostra l’attenzione da parte del Prefetto verso le criticità del mondo del lavoro ribadendo il ruolo delle Stato a garanzia di uno sviluppo sano e reale del nostro territorio. Auspichiamo un anno all’insegna di assunzioni concrete di responsabilità che da parte nostra continueranno a garantire la tutela dei diritti per i lavoratori a sostegno della qualità dei servizi per i cittadini,
ma ci auguriamo nel contempo la presenza di una buona politica che vada oltre a inutili diatribe e si assumi il peso di garantire un futuro stabile alle nostre generazioni”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Buste di veleno per topi a terra alla villetta di Macchitella

Pubblicato

il

Bustine con veleno per topi nella villetta di Macchitella. Sfiorata la tragedia per una famiglia con bambini che si trovava sul posto.Avevano anche il loro cane, un pastore tedesco. A terra vicino alla nota fontanella c’era una bustina che il cane ha ingerito. Solo la tempestiva azione dei proprietari che hanno capito cosa era successi ha evitato al cane la morte.La segnalazione viene dal gruppo Gela Brainstorming che ha reso noto il caso lanciando l’allarme alla popolazione perché in quel guardino, vicino a quella fontanella giocano ogni giorno tanti bambini anche molto piccoli. I genitori li lasciano liberi di giocare e basta una minima distrazione per una tragedia.

Continua a leggere

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Il punto di partenza. Segui su www.radiogelaexpress.it

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Niente royalties per il gasdotto Gela – Malta ma il sindaco non ci sta

Pubblicato

il

Via libera da Roma per il gasdotto Malta-Sicilia. Arriva così alle fasi finali un iter che, a maggio, aveva subito un’accelerazione con la firma del decreto di compatibilità ambientale da parte dei ministri Roberto Cingolani e Dario Franceschini. Il governo italiano, dunque, si è espresso a favore della realizzazione di un’opera del valore di oltre 200 milioni necessaria ad assecondare i bisogni energetici dell’Isola dei Cavalieri. Il gasdotto collegherà Delimara, a sud di Malta, a Gela. Alla luce della normativa attualmente vigente in materia, però, così come per il progetto Argo Cassiopea, ancora una volta il Comune non ha diritto a misure compensative quali le royalties. In sintesi: non ci guadagna nulla, e il Sindaco Lucio Greco proprio non ci sta.
“Tutti passano da Gela e usufruiscono delle nostre risorse, – afferma – ma noi non abbiamo diritto a vederci riconosciuti, per questi servizi, delle somme che potremmo reinvestire sul territorio, per apportarvi benefici tramite la promozione, la valorizzazione e le opere di risanamento ambientale. Sia chiaro che non lo accettiamo e non lo accetteremo mai. Non è possibile che l’Ente non tragga alcun profitto dalla presenza di reti e strutture tanto importanti, e abbiamo intenzione di rivendicare questo diritto. Sul fatto che, ad oggi, non siano previste royalties, Palermo e Roma devono passarsi una mano sulla coscienza e trovare un’intesa, cambiando le carte in tavolo. Lo devono fare a tutela del nostro territorio e come segno di vicinanza e rispetto ad esso, che, come sempre, si presta e si mette generosamente a disposizione. Chiediamo, dunque, l’istituzione di un tavolo ad hoc, per confrontarci in primis con la Regione e avanzare esplicitamente le nostre richieste al Presidente Nello Musumeci e all’assessore Daniela Baglieri. Non staremo alla finestra, semplici spettatori di questo indecoroso spettacolo”.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852