Seguici su:

Attualità

Sul caso Medi group la proposta di Terenziano Di Stefano

Pubblicato

il

Il leader del movimento “Una buona idea” Terenziano Di Stefano accende i riflettori sulla vicenda Medi Group sostenendo che non bisogna abbassare la guardia sul tema, che non si possono abbandonare a loro stessi nè uno nè dieci nè 150 padri di famiglia .

“La protesta dei lavoratori della Medi Group ci insegna , qualora ce ne fosse bisogno- dice Di Stefano – che l’unica alternativa all’oblio dei lavoratori non può che essere le concertazione tra le parti sociali con un unico fine: la tutela del loro diritto al lavoro ed alla dignità del lavoratore. La protesta ai tornelli non si ferma ed io mi auguro che l’intenso confronto già avviato tra il Prefetto, i vertici di Confindustria e i sindacati di categoria e confederali approdi ad una soluzione che , il prima possibile , metta i 150 padri di famiglia nelle condizioni di sentire che il loro lavoro e la loro dignità siano al sicuro. Qualsiasi protesta dei lavoratori, nasconde la paura di un futuro cancellato , il terrore di non potere avere un futuro e soprattutto di non potersi occupare del sostentamento della propria famiglia . Su temi di questo genere, non esistono soluzioni mediane, esiste un’unica soluzione possibile, che può raggiungersi attraverso il confronto che è già in atto: l’allocazione di questi lavoratori presso altre aziende del mondo Eni”.


Di Stefano, ora che le protesta non si placa, ora che i giorni passano e i lavoratori sentono sempre più la paura di vedersi cancellato il futuro, lancia un appello ufficiale a tutte quelle aziende del territorio affinché queste avviino proposte fattive, quindi si dichiarino disponibili, non soltanto ad acquisire i contratti che la Medi Group ha in essere, non solo  i beni strumentali ma soprattutto un progetto aziendale che assorbisca tutti i lavoratori della Medi Group.

“Ci sono tutte le condizioni per andare avanti verso una risoluzione. Possiamo avere, su ogni tema sociale vedute differenti ma su questo tema, non può che esserci un’unica visione direttrice ed è quella che prevede, anzi pretende, che nessuno senta di essere stato dimenticato. I 150 lavoratori che hanno perso il lavoro, non sono 150 disoccupati in attesa di allocazione, sono 150 lavoratori che è dovere di tutti allocare subito”- conclude.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Un sorriso e un raggio di sole per i disabili dell’Aias di Borgo Manfria

Pubblicato

il

Un cantante neomelodico gelese Cristian Giuliani con Saveri, un trapper napoletano di Catania, regaleranno con le loro esibizioni musicali un momento di spensieratezza e di gioia agli assistiti dell’Aias di Borgo Manfria.

L’iniziativa a scopo benefico, e quindi assolutamente gratuita, è stata resa possibile grazie al manager Francesco Catania.

Appuntamento, dunque, Venerdi 21 Giugno 2024 ore 10.00, a l’A.I.A.S. di Borgo Manfria-Gela con questa bellissima iniziativa per donare un sorriso e un raggio di sole ai disabili di Gela.

Continua a leggere

Attualità

Finanziato asilo nido per 2,5 milioni

Pubblicato

il

Il sindaco uscente Lucio Greco ha reso noto che Gela si è piazzata in posizione utile nella graduatoria che riguarda il finanziamento di nuovi asili nido.

Il progetto finanziato riguarda la riconversione in asilo nido di un edificio esistente in contrada costa Zampogna.

Il finanziamento ha un importo di 2.520,00 € e l’appalto è previsto entro il prossimo ottobre.

Continua a leggere

Attualità

Ztl, da domani in centro, da giovedì al Lungomare: gli orari

Pubblicato

il


Parte da domani la Ztl in centro storico e da giovedì anche al Lungomare

Domani, mercoledì 19 giugno in Corso Vittorio Emanuele, dalle 18,00 a mezzanotte nel tratto che va dall’incrocio con via Marconi e piazza Martiri della Libertà

Da giovedì 20 giugno a lunedì 30 settembre dalle ore 20,00 alle 02,00 (corso Vittorio Emanuele);

Da giovedì 20 giugno a domenica 15 settembre dalle ore 20,00 alle 02,00 (Lungomare da incrocio tra via Vasile e Bretella Borsellino).

Area pedonale H24 al Lungomare

Riguardo il Lungomare Federico II di Svevia da giovedì 20 giugno e fino al 15 settembre nel tratto tra via Vasile e Bretella Borsellino non si potrà sostare con le auto 24 ore su 24.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852