Seguici su:

Spettacolo

Teatro: ‘Inferno’, volano per l’economia

Pubblicato

il

L’assessore comunale Messina parla della grande presenza di pubblico proveniente da tutta la Sicilia per le rappresentazioni nel Castello Aragonese come di un “segnale importantissimo”. Il kolossal, già visto da cinquantamila spettatori, continua a essere premiato con lunghi e calorosi applausi da parte degli spettatori. Le “dannate” dell’Ennese e la felicità degli attori. L’interesse dei giovani, gli sconti per studenti e insegnanti e gli incontri con la Compagnia

“In questi giorni tra il pubblico del Castello Aragonese ho incontrato persone che venivano da Gela, da Caltagirone, da Catania ma anche stranieri. E questo per noi è un segnale importantissimo”.

Grande è la soddisfazione di Ettore Messinaassessore al Turismo e allo Spettacolo di Piazza Armerina per il successo delle repliche piazzesi dell’Inferno di Dante, il kolossal teatrale dei record prodotto da Buongiorno Sicilia e Vision Sicily e già visto in questi anni da cinquantamila spettatori.

Soddisfatti anche il regista Giovanni Anfuso, gli attori e quelle otto danzatrici, selezionate nella provincia ennese da Fia Distefano.

“Queste magnifiche ragazze – afferma la coreografa -, che rispondono ai nomi di Chiara Barbera, Federica Bardaré, Giorgia Bardaré, Sara Campione, Rebecca Di Dio, Sara Guccio, Nicole Marino e Odile Platania con il loro lavoro hanno contribuito moltissimo alla riuscita di questa edizione, mettendo in tutto una grandissima energia. E il pubblico ha dimostrato di apprezzare molto la loro performance”.

Grandi consensi anche per gli attori, veterani dello spettacolo: Liliana Randi (Narratrice), Davide Sbrogiò (Ugolino), Angelo D’Agosta (Dante), Ivan Giambirtone (Virgilio), Giovanna Mangiù (Francesca da Rimini), Liborio Natali (Ulisse), Luciano Fioretto (Turista/Caronte) e il giovane Mirko Russo (Paolo/Diomede/ Arcivescovo Ruggieri).

“Anche qui a Piazza – afferma Sbrogiò – stiamo vivendo bellissimi momenti. Ogni sera c’è tanta gente ad applaudirci e questo ci fa comprendere il gradimento del pubblico per il passaparola che certifica l’alta qualità dello spettacolo. Un grande riconoscimento per tutte quelle persone, quasi quaranta, che lavorano a quest’enorme macchina”.

Vanno citati ancora, infatti, Riccardo Cappello che firma scene e costumiNello Toscano, autore delle musiche e poi l’aiuto regista Agnese FaillaDavide La Colla ed Enzo Valenti, rispettivamente light designer e sound designer, l’assistente scenografa Sara Lazzaro Danzuso, il datore luci Francesco Sequenzia, il fonico Giuseppe Ghisoli e il numeroso personale di staff.

ogni sera, durante i ringraziamenti finali, sono autentiche ovazioni, soprattuttoda parte dei più giovani. Grandeè stato l’interesse dimostrato da questi ultimi fin dalle prove. Tanto che – a seguito delle numerosissime sollecitazioni e sposando l’idea del regista di organizzare incontri con la Compagnia – i produttori hanno deciso di concedere un consistente sconto ai gruppi di studenti e insegnanti per le repliche delle 22 da oggi fino a mercoledì 1o agosto. Così, al termine di ogni rappresentazione serale regista, attori, danzatori e personale artistico e tecnico illustreranno ai ragazzi i segreti dello spettacolo.

“Per cinque anni – sottolinea Luciano Fioretto – abbiamo rappresentato l’Inferno di Dante in tanti luoghi meravigliosi della Sicilia. E ancora il pubblico rimane affascinato da questo spettacolo, non se ne stanca. Vedere tanta gente venire qui a Piazza Armerina per assistere a Inferno riempie il cuore di gioia. Grazie dunque a questo nostro pubblico”.

Che, come sostiene l’assessore Ettore Messina, diventa volano per l’economia del territorio.

“Tutti questi spettatori – spiega Messina – in arrivo da ogni parte della Sicilia e con loro il turista che visita la Villa del Casale o che pernotta in uno dei cento B&B del territorio e rimane attratto dalla fama di questo spettacolo, generano sul nostro territorio un’economia diffusa della quale abbiamo tanto bisogno. Noi, infatti, siamo sì uno scrigno pieno tesori dal punto di vista dei Beni culturali, ma ci troviamo nella provincia ennese, la più svantaggiata d’Italia sotto il profilo economico. È dunque questa la strada da seguire: investire su Arte e Cultura per motivare l’economia”.

Inferno sarà rappresentato nel Castello Aragonese di Piazza ancora fino all’undici di agosto con due recite a sera (20.30 e 22). I biglietti possono essere acquistati on line in prevendita su Boxoffice Siciliawww.boxofficesicilia.it  , ma anche nel botteghino del Castello prima di ogni replica. Inoltre a Piazza sono attivi un punto vendita nell’agenzia di viaggi Agieo di via Carmine 6 (tel. 0935 682121) e un altro nella Tabaccheria Russo, di via Marconi 9.

Quanto alla scontistica per studenti e insegnanti sarà illustrata a chi si presenterà al botteghino del Castello, oppure, ogni giorno dalle 17 alle 23, chiamerà o scriverà messaggi Whatsapp al numero di Buongiorno Sicilia, il 347 6380512. Lo stesso numero – e negli stessi orari – potrà essere utilizzato per chiedere qualunque informazione su Inferno.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rubriche

Il Quartetto Rondò di scena domani all’Auditorium delle Mura Federiciane

Pubblicato

il

Il Quartetto Rondò domenica 2 ottobre ore 19,15 Auditorium Mura Federiciane (Santa Maria di Gesù). Il gruppo nasce dall’incontro di quattro giovani musicisti siciliani, accomunati dal desiderio di esplorare il più possibile la pluralità dell’universo musicale: Marianna Musumeci (violino), Francesca Gugliotta (violino), Eleonora Urzì (viola), Francesco Musumeci (violoncello). I membri del quartetto si sono diplomati e laureati presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “V. Bellini” di Catania e, nonostante la giovane età, possono vantare collaborazioni con artisti del calibro di Martha Argerich, Daniel Rivera, John Legend, Andrea Bocelli, Mogol. Ispirandosi proprio alla forma strumentale del rondò, che racchiude al suo interno episodi tra sé contrastanti e non si cristallizza in uno schema fisso, il repertorio del Quartetto Rondò spazia tra generi diversi, anche non convenzionali per la formazione del quartetto d’archi: dalla musica classica alle colonne sonore, la musica tradizionale e popolare, cover rock/pop e tango, fino allo swing e al Jazz.

Continua a leggere

Spettacolo

Teatro, il grande successo della BDP Young con “Itria”

Pubblicato

il

Era una donna siciliana come tante. Poi la Storia entrò con prepotenza nella sua vita, cambiandola per sempre. La vicenda di Itria approda in teatro grazie all’intuizione della giovane attrice Aurora Miriam Scala, in una produzione della compagnia Bottega del pane young. Moglie del contadino siciliano Giuseppe Scibilia, ucciso nel dicembre ’68 nell’eccidio di Avola, divenne il perno della lotta per i diritti dei braccianti agricoli del siracusano, da cui partì il percorso verso lo Statuto dei lavoratori varato nel ’70.

Una storia forte e intensa in cui si fondono amore, lavoro e lotta per i diritti, che sta conquistando consensi in tutta Italia e l’unanime plauso della critica. “Itria” ha vinto il Doit festival e il Premio Giuria giovani “Adriano Sgobba”, dopo aver già messo in bacheca il Premio Ethnos Generazioni categoria Teatro, il Premio miglior drammaturgia italiana e Menzione speciale della stampa al Festival Internazionale di corti teatrali Riflessi 2022 e il Premio Letterario Teatro Aurelio di Roma (sezione drammaturgia teatrale) per il miglior testo.

Successo incredibile per un progetto apprezzato, che evidenzia la potenza della microstoria insieme a tematiche fondamentali come quella per la lotta dei diritti di tutti i lavoratori. Uno spettacolo di e con Aurora Miriam Scala, aiuto regista l’attrice gelese Maria Chiara Pellitteri. E ancora, supporto tecnico di Valerio Puppo e le voci di Cinzia Maccagnano, Andrea Maiorca, Alessandro Romano, Corrado Scala, Giuseppe Vignieri. Scene e costumi a cura di Freezer09_lab. L’opera è finalista anche al Catania Off Fringe Festival ’22, Corti teatrali, in programma il 17 Ottobre prossimo al Teatro Sala Futura del capoluogo etneo.

Continua a leggere

Rubriche

Finale nazionale  ‘The look of the year Italy’

Pubblicato

il

La FACE MODELS MDM, Agenzia di Moda e spettacolo di Mario D’Ovidio, esclusivista del concorso THE LOOK OF THE YEAR ITALY 2022,  organizza lo spettacolo di presentazione della PREFINALE NAZIONALE THE LOOK OF THE YEAR ITALY 2022 che si terrà il 28 SETTEMBRE 2022 a GELA, al Parco Archeologico Bosco Littorio, alle ore 20.30. 

Il contest Moda presenterà ufficialmente le 60 Prefinaliste Nazionali in gara, provenienti da tutta Italia, che concorrono per aggiudicarsi i 6 titoli nazionali e partecipare di diritto alla “WORD FINAL”, che si terrà dal 19 al 23 Ottobre presso il Casinò di Sanremo. 

Questi i sei i titoli che daranno il pass alle vincitrici:

– THE LOOK OF THE YEAR ITALY

– THE LOOK OF THE YEAR STYLE

– THE LOOK OF THE YEAR BEAUTY

– THE LOOK OF THE YEAR PERSONALITY

– THE LOOK OF THE YEAR HAIR

– THE  LOOK OF THE YEAR MOVIE 

La Prefinale Nazionale avrà inizio nella Città Greca di Gela per proseguire nel territorio agrigentino, con la Finale Nazionale, in un tour itinerante tra Scala dei Turchi, Valle dei Templi ed Agrigento città, dove si realizzerà lo spettacolo finale presso il Teatro Luigi Pirandello, sabato 1 ottobre alle ore 21:00. 

LA GIURIA TECNICA sarà composta dai seguenti nomi:

GIURIA COMPOSTA IN PARTE DA:
DALILA MENDOLA Top Model
FABRIZIO IMAS, Giornalista ed opinionista
JENNY MONTEIRO Stilista Moda
IVANA PANTALEO Stilista Moda del brand Nanaleo Clotherapy
GABRIELE BONOMO JARIEL Stilista Moda
SERENA PETRALIA modella e fotomodella
JULIA MAGRONE Attrice ed Influencer
GIADA FOLCIA  Modella e Fotomodella
GIULIA VITALITI Tik Toker, Influencer, Modella e Fotomodella
CRISTIAN MONACO, Autore Avanti Un altro

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852