Seguici su:

Flash news

Tempesta nel rapporto politico tra il sindaco e il suo vice Di Stefano

Pubblicato

il

Caro vicesindaco devi decidere da che parte stare e subito: il primo cittadino Lucio Greco ai ferri corti con il suo vice Terenziano Di Stefano per le dichiarazioni rilasciate dopo il voto delle Regionali.

“In questi giorni, mentre tutta la classe politica, comprensibilmente, è stata impegnata ad analizzare i risultati delle elezioni regionali e nazionali, come sindaco ho dovuto occuparmi di problemi così importanti da non poter essere nè accantonati nè rinviati. Purtroppo, ho dovuto constatare – dice- che il vice sindaco ha scelto una strada diversa, rilasciando una intervista che, per i toni e i contenuti utilizzati, non può lasciarmi indifferente. Leggendo, ieri, le sue dichiarazioni, sono rimasto esterrefatto, perché non solo le ho trovate pesanti, ma addirittura incompatibili con il ruolo da lui ricoperto”.

“Affermare, infatti, che il candidato che ha sostenuto alle Regionali Rosario Caci abbia pagato lo scotto dei problemi non risolti dall’amministrazione comunale- sottolinea Greco – come equivale a gettare fango sul proprio operato e su quello del gruppo di cui entrambi facciamo parte. Non sono affermazioni che posso in alcun modo accettare, anche perché implicitamente esprime, in questo modo, un giudizio negativo su tutti i suoi colleghi di giunta. Il vice sindaco è libero di fare tutta la politica che vuole, ma una cosa è far politica un’altra è minare la credibilità delle persone e amministrare senza decidere da che parte stare”
“Sempre nella stessa intervista dichiara poi farò presto le mie valutazioni”. “A questo punto, però, sono io – conclude – che lo invito ad accelerare e a decidere cosa vuole fare, nel giro di pochi giorni, se non di poche ore. Non ho tempo da perdere, e non posso continuare ad amministrare tra dubbi, polemiche o ambizioni personali. Un chiarimento netto e definitivo si rende necessario”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

Ok pure al piano triennale.In aula manca la nuova Dc

Pubblicato

il

Al governo con Greco le forze di centrodestra di opposizione non vogliono andarci ma la seduta consiliare appena conclusa fa emergere spiragli significativi sulla possibilità di un dialogo istituzionale e di una collaborazione in aula sugli atti più importanti per la città.

Grazie all’opposizione di centrodestra ieri in aula si è approvato oltre che le variazioni di bilancio anche il piano triennale delle opere pubbliche per mettere in sicurezza i finanziamenti già acquisiti.

Non è passata inosservata l’assenza della nuova Dc e neanche il tono ironico con cui Totò Incardona ha detto che “c’è chi è impegnato in trattative che potrebbe fare di giorno e chi va in aula con responsabilità a fare il proprio dovere”.

Una chiara frecciata alla nuova Dc da parte di chi è stato nell’ex maggioranza.

Chi ha sostenuto Greco gli fa sapere che i responsabili sono quelli che gli sono stati vicini e fedeli in questi anni.

Continua a leggere

Flash news

Passano le variazioni di bilancio: FdI e Lega tengono il numero legale

Pubblicato

il

Prima l’incontro indetto dal sindaco con tutti i consiglieri per dare chiarimenti, poi in aula il voto sulle variazioni di bilancio per 700 mila euro.

Il primo banco di prova per il sindaco senza maggioranza è superato grazie alla presenza dei fedelissimi (nonostante le critiche di questi giorni) e con l’aiuto di 4 astenuti dell’opposizione (Grisanti e Casciana di FdI e i leghisti Alabiso e Spata) senza i quali non ci sarebbe stato il numero legale. In aula c’era pure Forza Italia.

Hanno lasciato l’aula le tre donne del fronte progressista Virginia Farruggia, Alessandra Ascia e Paola Giudice .

“Non siamo stampelle di nessuno- dice la consigliera pentastellata Virginia Farruggia- ora diventa più chiaro chi è stampella e chi non lo è”.

Continua a leggere

Flash news

La nuova Dc critica verso una “Una buona idea”

Pubblicato

il

“In politica c’è chi lavora per costruire ponti ed abbattere i muri e chi , invece , lavora per distruggere..Questa è la differenza tra la nuova DC, partito in crescita e con una forte e qualificata rappresentanza nel governo regionale, e chi spacciandosi per civico , persegue interessi solo di tipo personale” : lo dice Natino Giannone coordinatore della nuova Dc riferendosi ai contenuti della conferenza stampa di sabato scorso di Una buona idea.
“Nel pieno di una crisi politica , organizzaxe una conferenza stampa e lanciare accuse a chi si sforza di rafforzare il quadro politico , appare una operazione irresponsabile e scorretta sul piano politico “- dice Giannone
“Un vice sindaco – aggiunge- se avesse veramente a cuore i problemi della città , avrebbe dovuto incoraggiare il nostro tentativo che , per quanto difficile , si rendeva necessario.

Non sappiamo quale sarà l’esito del nostro tentativo; di sicuro metterà a nudo le contraddizioni di qualcuno e le smisurate ambizioni di qualcun altro, che da sempre ha lavorato contro il sindaco e solo per se stesso”

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852