Seguici su:

Attualità

Vicario foraneo invita tutti: “per vivere bene ognuno deve fare la sua parte”

Pubblicato

il

Piazza gremita come sempre ma dopo due anni di fermo emozione speciale. La solennità del Corpus domini quest’anno ha assunto una connotazione speciale: quella del ritorno alla vita ed alle celebrazioni solenni attese dal popolo di Dio come atto d’amore particolare in un frangente storico che vede l’uomo sottoposto a grandi prove. Il clero al completo come anche l’amministrazione comunale. Silenzio assoluto e canti celestiali del coro della parrocchia Regina Pacis. L’ Unitalsi fa la sua parte con la sfilata delle persone in difficoltà, ospiti di riguardo in questa occasione. La celebrazione eucaristica procede spedita. Dopo la declamazione del Vangelo prende la parola il Vicario Foraneo don Lino Di Dio che pronuncia il monito finalizzato a riprendere le fila di una città che soffre:

“Ringraziamo innanzitutto il Signore che dopo 2 anni ci dà la gioia di poter vivere insieme questa solenne celebrazione eucaristica. Non vi nascondo che sono anche emozionato, è la mia prima volta che presiedo questa celebrazione da vicario foraneo ed essendo il più piccolo dei parroci desidero solo balbettare qualcosa con voi. Ringrazio e saluto il Sindaco, le autorità civili e militari presenti. Un vivo ringraziamento va a don Luigi con tutta la comunità di San Giacomo che ci ospita e don Angelo e alla comunità di Regina Pacis che anima questa celebrazione e ha preparato tutto con grande amore. Ringrazio le forze dell’ordine presenti che vigilano su di noi e ci aiutano a svolgere con serenità questa solennità che è la festa del corpo del Signore, dunque della sua carne che siamo anche noi, perché sue membra.

Facciamo festa al corpo, il corpo di Cristo per noi diventato pane, che ci rimanda all’essenziale del nostro vivere e della nostra fede. La carne è il punto cardine della nostra esistenza. Nel corpo di Cristo che finalmente si è compiuta l’opera della redenzione quella riconciliazione desiderata dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito Santo, quel desiderio intimo, profondo, sponsale che genera la comunione intima che dà vita, questo Dio desidera per noi, stringere con l’umanità una unione nuziale per trasmettere a noi qualcosa di suo, se stesso, l’intimità di se e per poter generare in noi la sua vita divina. Questo grazie alla carne del Verbo, grazie all’incarnazione che si compie ciò. Il verbo e la carne.

Non dobbiamo farci anestetizzare il cuore dall’abitudine del partecipare e adorare l’Eucarestia, ma dobbiamo sempre farci raggiungere dallo stupore dell’amore. Dobbiamo sentirci così desiderati da Dio, da essere quasi sommersi dal suo amore che non fa domande o pone condizioni perché il suo amore è stabile e certo, vuole portarci a trasformarci per non rischiare di mangiare e bere la nostra condanna. In ogni nostra comunione c’è un giudizio che si compie non solo nel riconoscere la presenza reale del Cristo ma anche della chiesa. Cosa abbiamo fatto per meritare un dono così grande il suo farsi piccolo, il rimanere con noi? Nulla, ma proprio nulla, anzi siamo intervenuti senza accogliere il suo amore, rifiutando Lui la luce che illumina ogni uomo, ma lui è rimasto fedele, Lui ha trovato il modo per rivelarci il suo amore, il suo amore è più forte, la sua testardaggine nell’offrirsi incondizionatamente a noi, il suo grande desiderio di rimanere con noi inventandosi nel suo ingegno il lasciarsi mangiare dall’uomo. Non gli bastava la sua incarnazione, la sua vita, il subire innocentemente e morire sulla croce per noi? No, è rimasto in mezzo agli uomini, dentro ogni uomo, questo è il suo unico desiderio… “ho tanto desiderato celebrare questa Pasqua con voi” questo profondo anelito di Gesù che ascoltiamo la sera del giovedì santo. Desiderio e passione questo è quello che contempliamo nell’Eucarestia, tutto questo per avere un modo nuovo, duraturo nello stare dentro il cuore di ogni uomo. Il suo farsi piccolo disarma la nostra mania di grandezza, il suo essere sempre li che aspetta, mette in crisi la nostra fretta del fare e apparire.

Nella prima lettura, viene ripetuto il termine “benedizione”. Bene-dire, vuol dire parlare bene. Come possiamo pretendere da Dio che ci benedica, cioè che parli bene di noi, delle nostre famiglie della nostra città se noi male-diciamo, cioè parliamo male degli altri, se siamo uno contro l’altro. Il giudizio, il chiacchiericcio, il gettare sentenze anche sui social, l’invidia sono tutte forme che non vengono da Dio, ma separano cioè portano avanti la logica del diabolos (diavolo) cioè del divisore che è colui che separa, spacca, fa inciampare e cadere. Ecco a noi allora il segno semplice e disarmante del pane e del vino che sono costituiti da tanti chicchi di grano e tanti acini di uva che diventano un unico pane e un unico vino, ecco il segno che il Signore oggi ci dà, la semplicità e l’unità. Il grano e l’uva prima di divenire elementi del sacrificio eucaristico devono sostenere tanti passaggi, essere raccolti, stritolati, pigiati, amalgamati, infornati, decantati… un percorso lungo, sofferto. E noi tante volte siamo chiamati a vivere nella pazienza e nel silenzio, senza pretendere il risultato immediato o il riconoscimento dei nostri sforzi o pretendere la ricompensa. No, noi siamo chiamati a seminare o piantare, magari non raccoglieremo noi, saranno altri a farlo, ma la cosa importante è impegnarsi per il bene dell’altro.

L’Eucarestia ha in sè questo forte segno di unità, perché solo l’unità ci rende credibili nell’annunziare che Cristo è vivo ed è risorto, solo la collaborazione tra le comunità parrocchiali, tra i cittadini e le istituzioni, tra i fratelli di varie confessioni, tra le associazioni, cercando ciò che ci unisce e non quello che ci divide può risollevare questa città, camminando insieme e non giudicando e mormorando, distruggendo quello che magari riesce a fare un altro meglio di te – ci sarà sempre uno migliore di te – magari con quello spirito di invidia, di giudizio, di “minnicazione” mettendo il tarlo del sospetto nel cuore di coloro che ci stanno accanto o che magari ti seguono sui social ma che poi fondamentalmente sei solo. Bisogna stare attenti!

Essere uomini eucaristici, celebrare la solennità del Corpus Domini deve portarci a entrare nella logica della vera comunione, essere uomini e donne di comunione. Possiamo cadere nella contraddittorietà nel celebrare solennemente questa Eucarestia e poi non essere uomini e donne eucaristiche cioè persone che fanno della loro vita un inno di ringraziamento – Eucarestia vuol dire rendimento di lode – o non essere persone di comunione che creano ponti ma innalzano continuamente muri.

Cadere nella contraddittorietà di portare trionfalmente nelle nostre strade Gesù eucarestia – non porteremo in processione una statua o un’immagine, ma la sua Carne, la sua presenza viva e vera – e poi non dedicare durante la settimana alcuni momenti per stare in adorazione davanti al tabernacolo per affinare il nostro sguardo e leggere la nostra storia con i suoi occhi o stare in silenzio e far parlare lui. Adorare vuol dire anche lasciarsi baciare in bocca, e gli innamorati sanno che quando ci si bacia non si parla, noi invece parliamo sempre. L’Eucarestia ci insegna il primato dell’ascolto.

 Cadere nella contraddittorietà nel professare la presenza reale di Gesù fra le nostre strade e fra le nostre case e poi magari non riuscire a parlare con il vicino di casa, con il collega, con un familiare o andare verso i poveri, gli anziani o gli ammalati, dove la carne di Cristo continua ad attendere noi.

 Ecco carissimi, chiediamoci qual è l’effetto collaterale – oggi si utilizza tanto questo termine – del mio incontro con il Signore nell’Eucarestia, non solo di oggi, ma di ogni Eucarestia, il cristiano vive di domenica in domenica. Siamo uomini e donne di comunione? Cerchiamo di vivere relazioni belle sincere, partendo dal rapporto personale con Gesù che ci porta ad amare e accogliere l’altro come dono e non come nemico? L’Eucarestia ha la potenza di rinnovare tutto, mangiando e sentendoci trasformati da Lui, c’è un vecchio detto che afferma: “dimmi ciò che mangi e ti dirò chi sei”, cosa mangiamo? di cosa si nutre la nostra vita? I miei occhi, il mio cuore, la mia carne cosa veramente hanno bisogno? Chi siamo? Chi vogliamo essere? Trasformati in Lui, inebriati dal suo amore e chiamati a vivere l’eucarestia fra di noi in tutti i livelli delle nostre relazioni a casa, a lavoro, in comunità, nel quartiere nel cercare il bene comune. Se potessimo vivere come criterio delle nostre relazioni l’Eucarestia, cioè l’essere grati ed essere dono, tutto cambierebbe nella nostra vita, la nostra città si trasformerebbe. Se potessimo dire al marito, alla moglie, ai figli, ai compagni di lavoro, ai fratelli di comunità, a tutti coloro che incontriamo nel nostro cammino, senza utilizzare etichette o graduatorie: “prendete e mangiate questo è il mio corpo, offerto per tutti”! Come cambierebbe il mondo! Questa misura d’amore altissima rinnoverebbe da dentro il nostro cuore e la nostra esistenza, penso che questa sia la sfida che ci lancia la solennità di quest’oggi.

Il vangelo che abbiamo ascoltato ci educa alla gratuità e alla condivisione. Il racconto della moltiplicazione dei pani e dei pesci secondo la versione di Luca ci parla di una grande folla, erano in un luogo deserto, era sera, sono degli elementi come quelli che stiamo vivendo in questa nostra Celebrazione. Anche noi siamo tanti e siamo venuti per ascoltare il Signore ed essere guariti da lui, anche noi siamo nel deserto delle nostre preoccupazioni e paure tra venti di morte provocati dalla pandemia e dalla guerra, anche ora e sera e anche noi siamo stanchi per via della fatica della settimana e dalla calura del sole, ma siamo qui, perché abbiamo bisogno di Lui, siamo qui perché ci ha convocati uno ad uno, siamo qui perché con i fratelli vogliamo condividere la nostra fede come facciamo durante la settimana nelle nostre parrocchie, nei nostri oratori, movimenti, associazioni dove condividiamo in piccoli gruppi – come quei gruppi di cinquanta –la fatica del credere,

siamo qui per saziarci della sua presenza, una presenza che continua – così come ogni volta ci ricorda il Sacerdote a conclusione della Messa nelle parole: andate in pace… cioè portate Cristo nelle vostre case.

Se questa mensa eucaristica non continua sulla tavola della nostra cucina, sulla tavola della condivisione e della fraternità a casa nostra,

 se quest’altare della Parola non continua sui nostri comodini dove riposa la Parola che ci aspetta ogni mattina per essere scrutata ogni giorno ed essere lampada del nostro cammino e luce per il nostro piede,

 se le nostre sedie e banchi non continuano con i nostri salotti e le nostre sedie di casa e di lavoro, nel testimoniare la signoria di Gesù e nell’edificare il suo regno nelle relazioni vere e sincere senza parlar male degli altri, allora si la nostra Messa sarà la nostra vita, altrimenti si ridurrà a un mero atto di culto che non porta nessun frutto.

Riprendendo il testo evangelico, gli Apostoli preoccupati vogliono che Gesù congedi la folla ma il Maestro dice “date voi stessi da mangiare” ma loro non avevano nulla, erano rimasti dal pranzo solo degli avanzi: 5 panini e 2 pesciolini, cosa sono davanti a una moltitudine di più 10.000 persone? Sono nulla, ma quel nulla Gesù vuole, da quel nulla, dal nostro nulla Gesù inizia a trasformare tutto… quel ragazzo, secondo la versione di Matteo, dà quello che aveva, bisogna osare con il Signore, quel poco cibo basterà a saziare la fame di quel ragazzino ma anche di tutti… se noi non siamo generosi e non ci mettiamo la faccia per edificare questa nostra città tutto rimarrà così, saremo solo bravi a piangerci addosso e a sfregiare la nostra città anche sui social. Nessuno parla male di sua madre, la nostra città, la nostra terra è la nostra madre. Saremo bravi a puntare il dito verso le lacune di coloro che ci amministrano – che sicuramente devono fare di più – ma noi continueremo ad aspettare il “salvatore di turno” che prometta o faccia qualcosa. Non possiamo solo lamentarci che i nostri giovani e ragazzi lascino la nostra città e noi stiamo a guardare, sapendo che forse non ritorneranno più, loro non sono il futuro di questa città sono il presente, non ci possiamo permettere che i giovani che rimangono, scendano a compromessi con i guadagni sporchi e illusori della droga. Tutti dobbiamo fare qualcosa per loro. Siamo specialisti nel mettere mi piace o a commentare sui social, anche senza sapere la verità, ma cosa ci mettiamo del nostro? E quel che facciamo per il bene comune sia fatto nel silenzio perché “il Signore che vede nel silenzio ti ricompenserà” senza proclami, promesse o pretese. Partiamo dal rispetto che dobbiamo avere gli uni verso gli altri, mantenendo la nostra città pulita partendo dal fazzoletto di terra dove abitiamo, nel non sporcare con l’immondizia buttata in giro, a non distruggere quello che abbiamo. Dio e i nostri padri ci hanno lasciato una città meravigliosa con il suo splendido mare, la sua florida terra con la sua storia millenaria meravigliosa e noi cosa facciamo? Forse vogliamo continuare a volgere le spalle a questo grande patrimonio di bellezza? Non possiamo solo lamentarci o aspettare con senso di rassegnazione che la pioggia cada dall’alto, muoviamoci, su ognuno di noi faccia qual cosa, ecco cosa ci insegna oggi il vangelo. Coraggio! Tu metti qualcosa di tuo nell’impegno, non stare a guardare dal balcone, hai solo 5 pani duri e 2 pesciolini puzzolenti, il Vangelo ci racconta che erano del deserto ed era sera, va bene, nelle mani del Signore questo pane diventerà fragrante e questi pesci freschissimi, ma bisogna fidarsi di lui e dell’altro. Anche a noi stasera Gesù viene a dirci: Date voi stessi da mangiare, non aspettate gli altri; voi, noi, io e tu con Gesù possiamo essere uomini e donne che sanno spezzarsi per sfamare chiunque bussa alla porta del nostro cuore. Il Signore ci conceda tutto ciò attraverso il cuore della sua e nostra madre Maria. Amen

https://www.facebook.com/ilgazzettinodigela.it/videos/1402368140189145/

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Tavolo tecnico in Questura sulla partita di domenica

Pubblicato

il

Domenica 4 dicembre 2022, alle ore 14.30, nello stadio “Valentino Mazzola” di San Cataldo si disputerà l’incontro di calcio ASD Sancataldese Calcio – Catania, valevole per il campionato nazionale di serie D, girone I. Ieri mattina, al fine di programmare idonee misure di ordine e sicurezza pubblica, si è tenuto in Questura un tavolo tecnico al quale hanno partecipato le Forze di Polizia che saranno impiegate nei servizi di ordine pubblico e i dirigenti delle due società sportive. Nel corso della riunione, svoltasi in un clima di distesa collaborazione, è stato concordato che alla tifoseria ospite del Catania sarà riservata la gradinata dello stadio Mazzola, abitualmente riservata ai tifosi della Sancataldese, che ha una capienza di circa 1500 persone. Il Comando della Polizia Municipale di San Cataldo ha individuato quali aree di parcheggio riservate alla tifoseria ospite le vie Peppino Impastato e Babbaurra. Ai tifosi provenienti da Catania, dopo aver lasciato l’A19 (uscita Caltanissetta), si consiglia di proseguire sulla SS640 fino all’uscita di Caltanissetta e poi proseguire percorrendo la Via Due Fontane fino a San Cataldo.

Continua a leggere

Attualità

Emittenti Radiotelevisive da salvare: la REA continua trova nuovi spazi

Pubblicato

il

Roma – Il 30 novembre 2022, presso la Sala della Stampa Estera di Roma si è svolta la
Conferenza sulla crisi del settore radiotelevisivo locale indetta dalla REA – Radiotelevisioni Europee Associate e dal sindacato Libersind/Confsal. La Conferenza rappresenta il prosieguo dell’incontro del 24 novembre 2022 con la Presidenza del Consiglio
dei ministri a Palazzo Chigi per sensibilizzare il Governo alla soluzione della crisi del settore mediante interventi concreti di Legge con emendamenti relativi al “caro bolletta elettrica”, costi di “affitto della capacità trasmissiva” e alla “riforma del DPR 146/17” con eque misure di sostegno al Pluralismo informativo e alla innovazione tecnologica come indicato dalla Autorità Antitrust nelle risoluzioni n. 6 del 22 gennaio 2021 e n. 21 del 20 maggio 2020. Il Segretario Generale Libersind/Confsal ha evidenziato che “Occorre prestare particolare attenzione ai livelli occupazionali in caduta libera” . “Si stima infatti che i maggiori costi di energia elettrica per far funzionare gli oltre 10 mila impianti di trasmissione radiofonica e gli esosi canoni di affitto per l’uso della capacità trasmissiva necessaria per
diffusione dei programmi televisivi possano provocare il rischio di una perdita netta di 1800 posti di lavoro.” Ha commentato il Presidente della REA Antonio Diomede, aggiungendo che “sarebbe la fine della
libera espressione e del pluralismo informativo voluto dai Padri costituenti con l’articolo 21 della
Costituzione e dalla sentenza 28 luglio 1976, n. 202 che pose fine al monopolio della RAI ora trasformato in oligopoli nazionali e che, dunque, o si tutela la libertà d’espressione e d’impresa o la Costituzione muore”. “Per scongiurare i rischi di chiusura per le emittenti locali, oltre alle già manifestate richieste al Governo
di emendamenti d’emergenza alla legge di Bilancio e al Decreto Legge “Aiuti Quater”, è quanto mai fondamentale costituire un appropriato Tavolo di lavoro permanente per l’Assetto della Radiotelevisione
Digitale per studiare modalità tali da permettere a tutte le imprese televisive locali di continuare il
servizio informativo sul territorio, considerato dalla Corte Costituzionale d’interesse generale,
assegnando una capacità trasmissiva di garanzia di 1,5 Mbit/s in modalità DVB-T2 ” conclude il
Presidente della REA, Antonio Diomede.
La Conferenza si è conclusa con l’Appello a Parlamento e Governo al rispetto degli articoli 21 e 41 della Costituzione per salvare le radiotelevisioni locali da chiusura certa a seguito di una legislazione che accentra in poche mani mezzi tecnologici e risorse economiche dello Stato – DPR 146/17 – comprimendo
oltre misura il pluralismo informativo e la libertà d’impresa editoriale.

“La REA SICILIA nel dare la propria adesione all’iniziativa – dice il rappresentante regionale Gaetano Casciana – ritiene che sia stato intrapreso un percorso utile per ridare vivacità alle emittenti radio e televisive locali. La sensibilità di questo Governo verso il settore dell’informazione locale porterebbe molteplici benefici dal punto di vista occupazionale e della qualità della stessa informazione”.

Continua a leggere

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. Un sindaco o un commissario?

Pubblicato

il

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852