Seguici su:

Flash news

Approvato il Pef dei rifiuti in un clima politico agitato

Pubblicato

il

Con 11 voti favorevoli e due contrari di Pd e Rinnova , in seconda convocazione,e dopo cinque tentativi a vuoto, il consiglio comunale ha approvato il Pef dei rifiuti. La maggioranza in grande sofferenza numerica in seconda convocazione e con in aula due componenti dell’opposizione ha portato a casa il risultato. La seduta è proseguita con l’esame della Tari e l’attacco durissimo del capogruppo di Libera Mente Vincenzo Casciana che ha fatto un elenco delle sconfitte dell’amministrazione in fatto di rifiuti. “La chiamano l’amministrazione del temporeggiare- ha detto Casciana – non perchè è riflessiva ma perché non sa dove andare e cosa fare”.

Il capogruppo di Una buona idea Davide Sincero ha detto che non accetta lezioni di moralità da chi non è obiettivo.

Casciana aveva detto che a Gela si paga la tassa più alta d’Italia ma Sincero ha smentito e Gabriele Pellegrino ha aggiunto: ” non sarà la più alta ma di certo non è equa in rapporto al servizio reso” . A Gela per un servizio che costa 7 milioni si paga una Tari di 11 milioni che quest’anno sono 13 milioni. L’ assessore Morselli ha chiesto al dirigente del bilancio di chiarire questo aspetto.

Il dirigente ha detto che dal 2020 il Pef è prodotto dalla Srr ed è cambiato il sistema di calcolo con costi diretti e figurativi e così viene fuori la somma da coprire con la tariffa.

Grisanti ha fatto presente che figurano nella somma prevista per l’appalto servizi di cui la comunità non ha beneficiato ma che paga.Chi l’ha mai visto lo spazzamento meccanico delle strade? Il Comune ha controllato? Ha fatto contestazioni ed applicato sanzioni alla ditta?

Il Pef votato è di 13 milioni e 300 mila euro di cui 6 milioni e 300 mila euro di parte fissa e 6 milioni e 900 di parte variabile. I 13 milioni di euro vanno coperti con la Tari.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

La politica tra una processione e una diretta social

Pubblicato

il

Tra una processione dell’Immacolata e una diretta social sul terremoto, il sindaco Lucio Greco ha trovato ieri anche il tempo di qualche breve incontro politico.

La crisi non è chiusa e l’unico dato certo ad oggi è che non può diventare reale il progetto di portare il centrodestra unito in un governo di fine mandato.

Le trattative si possono considerare concluse sotto questo punto di vista.

Non resta che trovare una maggioranza non politica con soggetti che vogliono evitare che la città sia commissariata affrontando con Greco il problema bilancio.

Gira e rigira siamo al quadro di 8 giorni fa e siccome non è responsabile lasciare la città senza governo, gli attori in campo decidano: o lo sfiduciano o lo aiutano ad affrontare questa fase delicata.

Continua a leggere

Attualità

Terremoto: le indicazioni del sindaco in diretta sui social

Pubblicato

il

Il sindaco Lucio Greco, in diretta sui social, ha confermato che le scosse di terremoto avvertite alle 21.20 in città non hanno causato danni a persone o cose.

Il primo cittadino ha reso noto che il Coc comunale è operativo ed è in contatto con la Protezione civile.

Ha poi invitato i cittadini, in caso altre scosse, a raggiungere slarghi, piazze e luoghi in cui non vi siano case.

Continua a leggere

Attualità

Terremoto avvertito anche in città

Pubblicato

il

Scosse di terremoto sono state avvertite in tutta la città alle 21.20 .Chi era in casa ha notato lievi vibrazioni di oggetti.

Il terremoto ha avuto come epicentro la città di Mazzarrone in provincia di Catania con un’intensità di magnitudo 4.2.

In città non si segnalano al momento danni a persone o cose ed è stata subito allertata la Protezione civile.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852