Seguici su:

Flash news

Ru486: la pillola per l’aborto fai da te. Il punto di vista dello psichiatra Dott. Franco Lauria

Pubblicato

il

Ru486. La pillola per l’aborto fai da te.

50 anni fa la pillola antifecondativa separava per la prima volta nella storia dell’umanità il piacere sessuale dalla gravidanza.Fu una rivoluzione, una liberazione da un incubo. E la novità piacque anche ai maschi che da allora hanno più donne disponibili al sesso per il sesso. Al sesso con amore, ma  anche al sesso senza amore.

Ma la modernità non si ferma qui ed oggi l’industria cerca di rendere sempre più facile, indolore, veloce e gratuita l’interruzione volontaria della gravidanza. La pillola Ru486 la puoi usare in casa, in piena autonomia,  facile facile. E voilà il gioco è fatto. Il bimbo non c’è più. Si perché l’industria viene incontro alle esigenze di un Sistema che non vuole più nuovi nati, almeno nell’ Occidente postcapitalista. 

Bisogna convincere le donne che abortire è normale, non è un trauma, non è un atto vergognoso, è solo una Terapia.  Viene usata la parola Terapia come se la gravidanza fosse una patologia.Un evento patologico da curare con l’espianto. 

Che la gravidanza sia messa sullo stesso piano di una patologia lo dimostra anche il fatto che nell’ipotesi in cui non fai l’aborto comunque devi fare controlli medici, analisi, ecografie, addirittura già prima della gravidanza. Cosi se decidi di fare un figlio tutta l’attenzione è medicalizzata e scientizzata. Dall’inizio alla fine. Non c’è più il mistero della vita, non c’è poesia, non c’è meraviglia, non c’è stupore. C’è calcolo, valutazione pro e contro, razionalità, pianificazione, progetto ingegneristico.C’è scienza e apatia. E lo stesso avviene se non vuoi il figlio. La scienza dice: è solo un grumo di cellule, qualcosa che assomiglia ad un foruncolo, che come il foruncolo si può spremere e cacciare via. 

Il mistero della vita, l’amore per la vita non è più contemplato. L’uomo apatico lo è sia se decide di fare il figlio sia se decide per l’aborto.  L’apatia è un esigenza intrinseca alla razionalità della scienza. E noi stiamo costruendo una società scientifica cioè  apatica. Sul modello del Robot l’uomo moderno si robotizza lui stesso. 

Il figlio è il prodotto di un progetto, se non è nel progetto viene spremuto e buttato nel cesso.Non c’è Dio nel progetto, non c’è Spirito, non c’è miracolo. C’è scienza, tecnica,  ragione, matematica, calcolo. Insomma non c’è amore.  

Non c’è il dono di Dio. E se non è un dono di Dio allora è solo un fatto scientifico  di competenza della scienza o lo vuoi o non vuoi. E la scienza ti viene incontro in entrambi i casi. Devi comunque fare i conti con la scienza. Mai con Dio. Dio non c’è. Dio è morto.

E la società nichilista, la società senza Dio programma e fa progetti come può fare un ingegnere che progetta un ponte. Se cade il ponte non è la fine del mondo. Se fai un aborto non è successo nulla. Sei tu la madre e tu sola comandi, tu sola decidi, da sola prendi la 486, a casa tua. Tu dai la vita e tu la prendi. Potere totale. Il maschio non conta nulla.  L’Io ha sostituito Dio.  E tu sei sola.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Progetto Erasmus “Alet”, partnership tra la “Quasimodo” e i danesi di Haderslev

Pubblicato

il

Esperienza positiva quella vissuta in città dagli studenti danesi di Haderslev, che hanno preso parte ad una mobilità Erasmus legata al progetto “Alet”, ossia “Active learning environment training”, che punta a migliorare gli stili di vita promuovendo lo svolgimento dell’esercizio fisico anche a scuola, rendendo più dinamica e attiva l’esperienza delle lezioni mattutine. Scuola partner della delegazione danese è l’istituto comprensivo “Salvatore Quasimodo” diretto da Viviana Morello, che ha accolto 14 studenti e due docenti provenienti da Haderslev, città da cui parte il progetto che per la prima volta adesso approda in Italia.

Il mare, il cibo e l’ospitalità dei gelesi è stata particolarmente apprezzata dagli studenti e dagli insegnanti della Danimarca. Il progetto è stato coordinato dalle docenti di lingua inglese Maricetta Giudice e Maria Grazia Piparo. Uno scambio culturale proficuo da cui verrà tratta una futura programmazione incentrata sul potenziamento dell’esercizio fisico in classe, seguendo il modello danese promosso ormai da sette anni a livello internazionale.

Continua a leggere

Attualità

Kiwanis club, domani convegno alla “Verga” su “Diabete e scuola”

Pubblicato

il

Il Kiwanis club di Gela organizza il convegno dal titolo “Diabete e scuola”. L’iniziativa è in programma domani, 27 maggio, alle 16.30 presso l’istituto comprensivo “Verga”. Introdurrà i lavori Rita Domicoli, pediatra di famiglia. Relazioneranno Alfonso La Loggia, responsabile del Centro di riferimento regionale per l’obesità e il diabete in età evolutiva di Caltanissetta, e Maria Cristina Cucugliato, dietista presso lo stesso centro.

Un appuntamento promosso in rete dal club presieduto da Vincenzo Patti e dalla scuola diretta da Viviana Aldisio, nel segno della collaborazione virtuosa tra agenzie del territorio – la scuola e le associazioni – per proporre riflessioni, fare formazione e prevenzione educando i più giovani ai corretti stili di vita.

Continua a leggere

Flash news

La maggioranza obbedisce al sindaco ed approva il regolamento su case abusive

Pubblicato

il

La maggioranza del sindaco Greco , sia pure risicata, passa il banco di prova della seduta consiliare sul regolamento sugli immobili abusivi che viene approvato con 11 voti favorevoli , 4 contrari ed un astenuto.Greco aveva detto chiaro e tondo ai suoi la sera prima che non avrebbe tollerato sgambetti e così è stato. Non senza sofferenza. I numeri per fare a meno dell’opposizione ancora non ci sono.Forza Italia era dimezzata e il capogruppo Trainito non è rimasto fino alla fine.Nelle fila dell’opposizione assenti i due consiglieri Scerra e Bennici coinvolti nell’inchiesta ” Avaritia”. La seduta ha vissuto un momento delicato quando il capogruppo di Un’altra Gela Giuseppe Morselli ha presentato un nuovo articolo   il 6 bis che  consente il diritto di abitabilità a chi ha costruito le case abusive facendo leva su una circolare regionale del 2020.C’era il parere contrario della dirigente del patrimonio Simonetta Guzzardi  ( leggi e sentenze puntano sulla demolizione delle case abusive , altri usi sono eccezionali e .molto limitati) mentre il segretario generale ha dato un’interpretazione più possibilista. La maggioranza  è andata avanti sulla sua linea : con dieci favorevoli 4 contrari e 3 astenuti l’articolo più delicato è stato approvato. La maggioranza è uscita dall’aula stavolta senza la solita sconfitta ma i problemi interni restano ancora in primo piano.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852
Informazioni Pubblicitarie