Seguici su:

Attualità

Cgil: “le politiche che si stanno mettendo in campo non rispondono ad esigenze reali di ricostruzione”

Pubblicato

il

All’indomani dello sciopero generale e dopo due anni di pandemia non ancora superata la Cgil conduce una disamina della situazione generale che, con l’attuale esplosione dei contagi non promette nulla di buono in termini di economia.

Due anni di disagi non hanno fatto comprendere a chi ci governa – scrive la Segretaria Generale Rosanna Moncada ed Angelo Polizzi segretario della FpCgil –
le fratture sociali grandissime nel Paese reale; il Paese al quale la politica si rivolge è una parte più piccola e più ristretta di interessi e di persone sempre più lontana dai cittadini. Con la nostra grande iniziativa che è stata lo sciopero del 16 Dicembre abbiamo voluto segnalare al governo che bisogna fare attenzione, le politiche che si stanno mettendo in campo non rispondono ad esigenze reali di ricostruzione e di ripresa del nostro Paese. E se pensiamo appunto alla grande emergenza sanitaria e a ciò che stiamo vivendo in questi giorni nelle nostre strutture ospedaliere, completamente travolte dall’aumento dei contagi, dalle lunghe attese al Pronto Soccorso, dall’accorpamento dei reparti o mancate aperture di centri di assistenza, nel nostro territorio, basti pensare alla paventata apertura del Centro Diurno per l’autismo a Gela, abbiamo di fronte una situazione che ci obbliga a fare una riflessione. Sappiamo che il fondo sanitario si implementerà di 2 miliardi ma le Regioni quest’anno hanno speso 5 miliardi e mezzo di spese COVID, e con solo 2 miliardi in più si dovrebbe fare tutto: rinnovare i contratti, assumere i precari, continuare a gestire la rete COVID di protezione delle persone e garantire i livelli di assistenza. E’ chiaro che quei due miliardi non bastano e noi come Organizzazione Sindacale chiediamo di fare una scelta politica di finanza pubblica e togliere le spese COVID dai bilanci, nettizzare le spese COVID e
consentire alle Regioni di fare un piano di ammortamento e considerarle come spese straordinarie che non entrano nella contabilità e nel bilancio dell’anno in corso.
Altrimenti ci ritroveremmo davanti alla prospettiva di ridurre i servizi ai cittadini o bloccare le assunzioni dei precari perché le Regioni non hanno spesa corrente liberabile per aumentare la spesa del personale. Saremmo al paradosso, perché si sono prorogati i criteri della Madia, si sono incluse in questa legge di bilancio delle norme in deroga che ci consentono di stabilizzare, anche quei lavoratori che sono precari nel
COVID e che non avevano i requisiti, quindi non avremmo un ostacolo normativo, anzi, in prospettiva la possibilità di assumere in maniera implementare in coerenza con i piani dei fabbisogni, ma questo è il paradosso, rischiamo che e a causa delle spese aggiuntive COVID le Regioni vedano il rischio di rientrare in una prospettiva di piani di disavanzo.
Quindi dopo una serie di sacrifici imponenti fatti pagare ai cittadini per superare l’emergenza sanitaria ci troviamo di fronte ad una emergenza occupazionale reale che mina le fondamenta sistema sanitario pubblico, che è forte grazie alle competenze professionali degli operatori ma fragilissimo dal punto di vista organizzativo. Chi cura la nostra salute sono le competenze delle persone infatti bisognerebbe mettere in valore il lavoro
di chi opera in sanità ma, nel Paese, tutte le strutture di rete: la sanità territoriale, le Cure Primarie, la salute mentale, la rete ospedaliera l’emergenza urgenza sono tutte fragili. Quindi se il PNRR deve servire a qualcosa deve servire a consolidare queste reti utilizzando quel criterio che a livello nazionale abbiamo presentato al
Ministro Speranza il 10 ottobre del 2020 ossia: cura vuol dire prevenzione, acuzie, medicina di iniziativa ma anche riabilitazione vuol dire un progetto complessivo di presa in carico della persona. Le cure devono essere di prossimità quindi più territorio ma un territorio diverso da quello che noi conosciamo che non sono i distretti ma le case della comunità.
Il problema è questo noi rischiamo di avere tante case abitate da nessuno, né dai lavoratori perché non possiamo assumere e nemmeno abitate da cittadini perché non troveranno una soluzione adeguata rispetto ai bisogni che continueranno a gravare su un sistema sanitario che rischia di essere inappropriato, la risposta
che non solo può essere quella ospedaliera o quella del medico di medicina generale.
Noi rischiamo, pur avendo miliardi di euro a disposizione di rendere la scommessa del PNRR vana, perché adesso non stiamo costruendo quelle condizioni che ci consentano di fare in modo che il lavoro trovi risposta nella prima infrastruttura che serve al nostro: il sistema sanitario nazionale. Risposta che noi vogliamo sia pubblica .
Altrimenti rischiamo di trovarci di fronte ad una realtà ben precisa: il pubblico costruisce infrastrutture e il privato che fa profitto su servizi di interesse generale su beni fondamentali .
Ma questo vale non solo per la sanità, ma anche per l’istruzione le politiche attive .
Se non si assume nei centri per l’impiego se non si ridanno le funzioni alle province tutta la partita che riguarda le politiche attive sarà appaltata al privato.
Questo non ce lo possiamo permettere!
E’ in questi giorni che stiamo al livello centrale cercando di rinnovare i Contratti ma noi vogliamo un contratto che risponde al sacrificio delle lavoratrici e dei lavoratore un contratto che sulla scia dell’innovazione deve rispondere nello Stato, negli Enti Locali alla sfida della digitalizzazione e nella Sanità alla sfida della trasformazione dei modelli assistenziali e noi dobbiamo dare strumenti attraverso la contrattazione per governare e migliorare l’organizzazione del lavoro, un contratto che dia risposte immediate a decine di migliaia di lavoratori medici, farmacisti, infermieri, biologi, fisioterapisti tecnici sanitari, OSS tutti quei professionisti in grado di garantire una risposta sanitaria pubblica, universale e corrispondente alle esigenze sanitarie del nostro territorio”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Il letamaio nei pressi della stazione ferroviaria

Pubblicato

il

Zona della stazione ferroviaria ridotta ad un letamaio. Rifiuti di ogni genere, aree verdi abbandonate al loro destino: quello che dovrebbe essere il biglietto da visita della città per chi arriva da fuori con i treni è una zona che fa venire subito voglia di scappare 

Per fortuna i treni non passano, alla stazione di Gela non scende che un numero sparuto di cittadini. Non c’è da stare allegri ma è così. 

Restano sul tappeto gravi problemi igienici causati in parte da gelesi sporcaccioni ma , ancor di più, dicono i residenti della zona – da famiglie slave che hanno fatto della zona la loro residenza abituale. 

Continua a leggere

Attualità

Penalisti in lotta per il giusto processo

Pubblicato

il

I Penalisti italiani, riuniti presso il centro congressi di Roma eventi Fontana di Trevi, hanno rivendicato con forza il principio di immutabilità del Giudice, sancito dalla Carta Edu e dalla Costituzione italiana all’art. 111, comma 3, messo in discussione dalle Sezioni Unite Bajrami.


“Il principio in questione – dice l’ avv Angelo Gaccione presente alla manifestazione- implica che il processo sia deciso dallo stesso Giudice, che ha compiuto tutte le attività dibattimentali (art. 525, comma 2, cpp).
Per cui, l’UCPI chiede che sul piano ordinanentale sia previsto l’obbligo per il Giudice di completare tutti i processi prima di essere trasferito o destinato ad altra sede, come già prevede una direttiva del CSM, rimasta inattuata.
Solo, in questo modo, si garantisce il diritto del Giudice ad essere posto nelle migliori condizioni per decidere, avendo egli seguito tutto il processo.
Allo stesso tempo, si attuano i principi di oralità e immediatezza, intesi quale assenza spazio-temporale fra Giudice e prova, sicché il Giudice apprende la prova dalla viva voce dei testimoni, senza il diaframma dell’atto scritto, garantendosi il diritto dell’imputato ad essere giudicato dal giudice della prova.
La video-registrazione, prevista dalla delega Cartabia, pur in linea con Corte Cost. 132/2019, non soddisfa appieno, atteso che essa può sostituire il verbale scritto e mai la formazione orale della prova nel contraddittorio tra le parti.
In ogni caso, le Camere penali chiedono che si proceda sempre alla rinnovazione della prova in caso di mutamento del Giudice e che, in caso contrario, la normativa delegata preveda un’apposita udienza in cui procedere alla visione delle riprese.
Ciò, al fine, di garantire il giusto processo.”

Continua a leggere

Attualità

I legali aderiscono allo sciopero

Pubblicato

il

C’è anche una rappresentanza degli avvocati di Gela allo manifestazione nazionale che si tiene a Roma oggi. Le ragioni dell’astensione dalle udienze indetta il 14.6.2022 per i giorni 27 e 28 giugno 2022 dall’UCPI a cui ha aderito la Camera Penale ‘Eschilo’ di Gela, sono da ricercare nel fatto che si vuole garantire alla persona imputata l’oralità del processo (garantito dall’art.111 della Costituzione) e l’immediatezza del giudizio nel senso che a decidere sia lo stesso giudice che ha assunto le prove dichiarative per come previsto dall’art. 525 cpp. “Nei tribunali ravvisiamo un uso eccessivo nella possibilità di consentire la decisione ad un giudice diverso da quello che ha assunto le prove – spiega l’ Avv Rocco Guarnaccia, Presidente della Camera Penale’Eschilo’ di Gela – soprattutto nel caso di trasferimento ad altra sede del giudice che ha svolto l’istruttoria dibattimentale, così venendo traditi i principi stabiliti dalla Costituzione e dal codice di rito. Tra l’altro è rimasta pressoché lettera morta quella direttiva del CSM che invita i giudici prossimi al trasferimento a concludere i processi loro assegnati, per cui è auspicabile che il Legislatore normi tale direttiva al precipuo fine di evitare la palese violazione del principio dell’oralità e della identicità tra persona giudice che partecipa alla formazione della prova in dibattimento e persona giudice che decide”. Il Consiglio dell’ordine degli avvocati di Gela ha indetto lo stato di agitazione che potrebbe sfociare anche allo sciopero per le ataviche carenze di personale che non coincide con la mole di lavoro.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852