Seguici su:

Attualità

Continua il botta e risposta tra l’Aias ed il Comune di Gela

Pubblicato

il

Dopo la replica “piccata” dell’Assessore comunale ai Servizi Sociali, Nadia Gnoffo, adesso tocca all’Aias rispondere all’amministratore della giunta-Greco. Ecco il testo integrale del comunicato-stampa diramato dal presidente dell’Aias…

Con molto stupore abbiamo appreso da quotidiani locali on line e stamani anche da testate a tiratura regionale delle dichiarazioni dell’ Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Gela Avv. Nadia Gnoffo rilasciate durante seduta di Consiglio Comunale di ieri 08/Aprile/2021 che riguardano l’ AIAS Sezione di Gela.


Nello specifico l’ Assessore oltre che a giudicare “molto grave il contenuto della nota pervenuta al Comune” si è spinta finanche a dichiarare che taluno vorrebbe “che il servizio venga svolto da una Associazione che non ha i requisiti” riferendosi all’ A.I.A.S. ed ancora che l’ A.I.A.S. farebbe “forzature” per avere dal Comune l’ affidamento del servizio di trasporto.


Non volendo entrare in sterili ed inutili polemiche con l’ Assessore e nell’ invitarla a rilasciare dichiarazioni quanto meno più prudenti nei riguardi dell’ Associazione che ho l’onore (e l’onere) di rappresentare, alcune precisazioni per dovere di informazione mi spingono a scrivere ed a pubblicare la presente nota.


Circa le dichiarazioni dell’ Assessore:
a) In merito alla gravità del contenuto della ns. nota rappresento che l’ interruzione del
servizio preannunciata per il 02/05/2021, come si evince a chiare lettere nella stessa nota
del 08/04/2021 dell’ AIAS, riguarda solo gli utenti che frequentano il centro AIAS di Borgo
Manfria che “non hanno voluto aderire ad una delle modalità previste dall’ avviso pubblico del 13/02/2020 a firma dell’ Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Gela” e “che hanno volontariamente deciso di affidarsi al servizio di trasporto organizzato dall’ AIAS di Gela”;


b) In merito all’ asserita mancanza di requisiti per l’ erogazione del servizio di trasporto in
favore dei soggetti diversamente abili in terapia, giova rammentare all’ Assessore che proprio l’ Assessorato dalla stessa diretto, dal mese di Luglio 2019 fino al mese di Dicembre 2019, ha garantito il servizio di che trattasi stipulando apposita convenzione con l’ A.I.A.S. Sezione di Gela che evidentemente era nelle condizioni previste dalla legge per poter svolgere il servizio di trasporto.

Ad ogni buon conto, giusto per dare contezza di ciò di cui si parla, giova rappresentare che presso il Centro di Riabilitazione di c.da Borgo Manfria a fronte di un totale complessivo di n° 351 utenti l’ A.I.A.S. ha garantito ( e tutt’ora garantisce) il servizio a n. 132 assistiti che hanno inoltrato richiesta ( con una media giornaliera di 80 soggetti trasportati giornalmente) e che sono 44 gli utenti ( fonte servizio sociale AIAS Gela) che hanno aderito ad una delle modalità previste dall’ avviso pubblico del Comune di Gela.


Purtroppo duole constatare che il mero dovere istituzionale di informazione agli Enti che rappresentano il territorio è stato male interpretato e strumentalizzato fino al punto da spingere l’ Assessore al ramo a rilasciare le dichiarazioni prima evidenziate.


Tanto per dovere.

IL PRESIDENTE

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Emergenza siccità, chiesto un dissalatore mobile

Pubblicato

il

Gela un dissalatore l’aveva. È costato miliardi ma è andato in disuso. I misteri del territorio: c’è il mare, c’è il dissalatore ma non viene usato. Il massimo del paradosso si è raggiunto quando l’acqua naturale veniva distribuita nell’ area industriale e quella dissalata alla comunità.

Adesso il Sindaco Lucio Greco ha chiesto al Dipartimento di Protezione Civile della Regione che Gela rientri tra i siti che possano disporre di un dissalatore mobile per affrontare l’emergenza siccità.

Il Comune di Gela, che conta oltre 68.500 utenti, è già passato da 138 l/s a 105 l/s con distribuzione a giorni alterni per metà popolazione.

Il primo cittadino ha apprezzato le tempestive diverse soluzioni individuate dalla cabina di regia regionale per l’emergenza idrica, riunita ieri a Palazzo d’Orléans.

E’ stato chiesto però, nella predisposizione che la struttura sta mettendo a punto del piano di interventi e dei relativi costi da inviare a Roma per la valutazione dello stato di emergenza nazionale per la siccità, di prevedere anche interventi importanti sul territorio.

Oltre alla rigenerazione di pozzi e sorgenti esistenti ad uso idropotabile e tutte le misure necessarie per rendere efficienti gli invasi artificiali, così come già a conoscenza di Sicilaque e Caltaqua, è indispensabile prevedere l’utilizzo di autobotti di cui il Comune è sprovvisto (le ultime due sono state rottamate alcuni anni fa) .

“Quel che più mi preme – ha scritto Greco – e che contribuirebbe ad alleviare i disagi già in atto, riguarda  l’installazione di moduli mobili di dissalazione. L’ultimo modulo di dissalatore fisso è stato rimosso un ventennio fa ma l’area della Bioraffineria si presta ancora oggi ad ospitarne tecnicamente e logisticamente uno mobile

Continua a leggere

Attualità

Grande interesse per i temi del convegno sulla gestione degli Enti locali

Pubblicato

il

Si è svolto stamattina al Centro culturale Michele Abbate di Caltanissetta, il convegno organizzato dalla Prefettura sul “Buon andamento nella gestione degli Enti locali”.
Ai lavori, introdotti dal Prefetto Chiara Armenia e moderati dal dott. Francesco Cerisano del quotidiano ItaliaOggi, hanno preso parte quali relatori il Prefetto Marco Valentini, Consigliere di Stato, il dott. Salvatore Pilato, Presidente della sezione di controllo della Corte dei Conti di Palermo, la dott.ssa Maria Grazia Vagliasindi, già Presidente della Corte d’Appello di Caltanissetta e il dott. Fabio D’Anna, Procuratore generale presso la Corte d’Appello di Caltanissetta.
L’iniziativa, rivolta principalmente ai Sindaci della provincia e ai componenti delle Amministrazioni locali, ai Segretari comunali e ai Dirigenti delle pubbliche Amministrazioni, è nata dalla volontà di creare un’occasione di confronto e riflessione sulla delicata tematica della gestione dell’Ente locale.
In particolare, nel corso dell’evento, nel richiamare i principi costituzionali del buon andamento e dell’imparzialità, quali linee guida per garantire una corretta azione amministrativa improntata esclusivamente al perseguimento dell’interesse pubblico, è stata sottolineata la centralità dei Comuni che devono costituire il primo punto di riferimento per il cittadino, stimolando un rapporto di fiducia nelle Istituzioni.


L’approfondimento ha riguardato anche l’aspetto amministrativo-contabile, con specifico riferimento alle difficoltà riscontrate dai Comuni nella gestione amministrativa anche in relazione all’ incremento di competenze cui non corrisponde l’adeguamento di risorse umane e finanziarie, con conseguente crescita del rischio di dissesto.
Infine, è stata posta l’attenzione sul delicato tema della responsabilità penale degli Amministratori e dei dirigenti con riferimento alle diverse fattispecie di reato contro la Pubblica Amministrazione contemplate dal codice penale, anche alla luce dei recenti interventi di riforma.
Per la concretezza e l’attualità delle tematiche trattate, il convegno ha destato grande interesse tra i presenti che hanno espresso profondo apprezzamento per l’iniziativa volta a fornire un utile supporto alla quotidiana azione amministrativa e a rafforzare la sinergia tra Istituzioni ed Enti a servizio del bene comune.

Continua a leggere

Attualità

Siciliacque supera la siccità a Caltabellotta e Prizzi

Pubblicato

il


Catania – I nuovi pozzi che Siciliacque sta realizzando garantiranno circa 200 litri al secondo in più di acqua rispetto alle attuali quantità distribuite. I primi due – il campo pozzi di contrada Zacchia a Prizzi (Palermo) e il Callisi di Caltabellotta (Agrigento) – entreranno in funzione nel giro di dieci giorni e, assieme ai volumi residuali del lago Fanaco, consentiranno di recuperare risorse idriche per contrastare la siccità. Sono questi alcuni degli interventi che Siciliacque sta mettendo in campo per mitigare le conseguenze della prolungata mancanza di pioggia, così come concordato ieri nella cabina di regia regionale sull’emergenza siccità.


Si è discusso anche di questo a Ecomed, la Green Expo del Mediterraneo in corso di svolgimento a Misterbianco (Catania) presso Siciliafiera. “Un’iniziativa – commenta Giuseppe Alesso, amministratore delegato di Siciliacque – che, da attori regionali del sistema idrico integrato, abbiamo sposato per confermare che anche in Sicilia è possibile affermare un modello di gestione industriale dei servizi idrici improntato all’efficienza e alla sostenibilità ambientale”.
Efficienza che Siciliacque, società partecipata da Italgas e dalla Regione Siciliana, conta di incrementare attraverso la trasformazione digitale delle reti e degli impianti con l’obiettivo di rendere sempre più resiliente il servizio idrico di sovrambito sul territorio regionale.

Entro i prossimi due anni 985 siti fra invasi, potabilizzatori, pozzi, serbatoi e altri impianti saranno controllati da remoto da un un’unica piattaforma informatica centralizzata: lo Scada (Supervisory control and data acquisition).
A ciò vanno aggiunte le tre grandi opere finanziate dal Pnrr che sono state già aggiudicate e che dovranno essere completate entro marzo 2026: il nuovo acquedotto Marsala-Mazara-Petrosino; il raddoppio del secondo tratto dell’acquedotto Garcia e i serbatoi d’accumulo a servizio dei sistemi acquedottistici Garcia, Montescuro Ovest e Favara di Burgio (tra loro interconnessi), concepiti per assicurare continuità nell’erogazione dell’acqua in caso di guasti o manutenzioni. 


Lungo tutta la rete di Siciliacque verrà inoltre installata una diffusa sensoristica con l’obiettivo di monitorare costantemente l’esercizio dell’infrastruttura e rilevare con tempestività e precisione eventuali dispersioni d’acqua.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852