Seguici su:

Cronaca

Continua la rottamazione di armi in provincia

Pubblicato

il

Caltanissetta, la Polizia di Stato ritira 60 fucili e 50 pistole: continua la rottamazione di armi in provincia. Tra le armi rottamate, 40 sono state ritirate cautelarmente nei confronti di persone denunciate per “codice rosso” o non ritenuti più affidabili a seguito di uso di alcol o droghe.

Armi automatiche e semi automatiche, 60 fucili e 50 pistole, alcune perfettamente funzionanti, altre non usate da anni, tutte ritirate e già inviate al centro di rifornimento e mantenimento dell’Esercito a Palermo per la rottamazione. Si aggiungono alle oltre 700, tra pistole e fucili, già ritirate negli ultimi due anni. I poliziotti dell’ufficio armi della divisione polizia amministrativa della Questura da mesi sono impegnati a verificare quanto stabilito dalle norme per i detentori di un’arma.

Tra le armi rottamate, 40 sono state ritirate cautelarmente nei confronti di detentori denunciati per il c.d. “codice rosso”, che ha modificato il codice penale e altre disposizioni relative alla violenza domestica e di genere, o non ritenuti più affidabili a seguito di uso di alcol o sostanze stupefacenti.

Dal 14 settembre 2019, infatti, chi detiene armi deve presentare ogni cinque anni il certificato medico d’idoneità psicofisica alla detenzione; in pratica lo stesso certificato richiesto per il rilascio del nulla osta all’acquisto, previsto dall’art. 35 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

La certificazione dovrà attestare che il richiedente non sia affetto da malattie mentali oppure patologie che ne diminuiscano, anche temporaneamente, la capacità di intendere e di volere ovvero non risulti assumere, anche occasionalmente, sostanze stupefacenti e psicotrope oppure abusare di alcol.

Il certificato medico è rilasciato dall’ufficio medico legale delle A.S.P. o da un medico  militare, della Polizia di Stato o del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il richiedente, sottoponendosi agli accertamenti, è tenuto a presentare un certificato anamnestico, rilasciato dal medico di famiglia, di data non anteriore a tre mesi. Sono esentati dall’obbligo di presentazione i detentori che siano anche titolari di licenza di porto d’armi (caccia, sportivo, porto difesa personale) in corso di validità. In caso di licenza non più rinnovata, i cinque anni decorrono dalla scadenza dell’ultimo rinnovo. Le persone che non consegnano il certificato agli uffici di Polizia (Questura per i residenti a Caltanissetta, Commissariati di P.S. di Gela e Niscemi per i residenti in quei Centri) o alla Stazione dei Carabinieri che avevano ricevuto le denunce di detenzione, riceveranno una diffida per la presentazione del certificato stesso. Se nei successivi 60 giorni la certificazione non sarà presentata, le armi saranno ritirate cautelarmente dalle Forze di Polizia e saranno segnalati al Prefetto per la successiva emissione del divieto detenzione armi.

Nel caso che il detentore non voglia più la disponibilità dell’arma e non trovi una persona munita d’idoneo titolo di polizia cui cederla, anche a titolo gratuito, potrà richiedere agli stessi uffici di Polizia (Ufficio Armi della Questura di Caltanissetta 093479595 / 093479596) o ai Carabinieri il ritiro per la successiva rottamazione.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Si è spento Elio Morello, il gelese di Busto Arsizio che amava la sua terra

Pubblicato

il

Era amato da tutti: dispensava consigli e si cimentava a giocare con i ragazzi dell’oratorio, sempre col sorriso. Amava il calcio e la sua inseparabile bicicletta “Graziella”, che ogni giorno lo accompagnava da Sacconago a Busto Arsizio. E’ stato un punto di riferimento il gelese Elio Morello, scomparso per cause naturali all’età di 69 anni. Da quasi quarant’anni in Lombardia, Elio amava le sue origini gelesi e della propria terra ne parlava in ogni occasione. I funerali si terranno oggi alle15.15 nella chiesa di Sacconago.

Continua a leggere

Cronaca

Travolto dal trattore, grave agricoltore licatese

Pubblicato

il

E’ ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, l’agricoltore licatese di 65 anni rimasto vittima oggi di un incidente in campagna. L’uomo stava arando il proprio terreno, in contrada Calanninsa quando ha perso il controllo del trattore che si è ribaltato, travolgendolo.

Continua a leggere

Cronaca

Quattro persone denunciate per possesso di strumenti per forzare serrature

Pubblicato

il

Ragusa – Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio predisposti dal Questore della Provincia di Ragusa Dr. Vincenzo Trombadore, finalizzati alla prevenzione dei reati in genere, con particolar riguardo ai reati predatori ed ai furti degli autoveicoli, il personale della Squadra Volante della Questura di Ragusa ha denunciato in stato di libertà 4 catanesi, rispettivamente di anni 45, 35, 33 e 22, in quanto trovati in possesso di strumenti atti a forzare le serrature.

Il controllo è avvenuto in piena notte, intorno alle ore 2.30, in una via centrale di Ragusa; gli Agenti della Squadra Volante hanno proceduto al controllo della Fiat Panda sulla quale viaggiavano i quattro catanesi, già noti alle forze dell’ordine.

I poliziotti, insospettiti per la presenza dei quattro soggetti in quell’ora e in quel luogo, hanno perquisito la loro autovettura; nel corso della perquisizione hanno rinvenuto diversi strumenti atti ad aprire serrature e ad asportare autoveicoli che sono stati subito sequestrati; tra i vari oggetti sequestrati vi è anche uno scanner per la lettura delle centraline delle automobili “OBDII”, un dispositivo di avviamento di emergenza e altri attrezzi, alcuni dei quali opportunamente modificati per intervenire sul nottolino di accensione dei veicoli.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852