Seguici su:

Cronaca

Continua la rottamazione di armi in provincia

Pubblicato

il

Caltanissetta, la Polizia di Stato ritira 60 fucili e 50 pistole: continua la rottamazione di armi in provincia. Tra le armi rottamate, 40 sono state ritirate cautelarmente nei confronti di persone denunciate per “codice rosso” o non ritenuti più affidabili a seguito di uso di alcol o droghe.

Armi automatiche e semi automatiche, 60 fucili e 50 pistole, alcune perfettamente funzionanti, altre non usate da anni, tutte ritirate e già inviate al centro di rifornimento e mantenimento dell’Esercito a Palermo per la rottamazione. Si aggiungono alle oltre 700, tra pistole e fucili, già ritirate negli ultimi due anni. I poliziotti dell’ufficio armi della divisione polizia amministrativa della Questura da mesi sono impegnati a verificare quanto stabilito dalle norme per i detentori di un’arma.

Tra le armi rottamate, 40 sono state ritirate cautelarmente nei confronti di detentori denunciati per il c.d. “codice rosso”, che ha modificato il codice penale e altre disposizioni relative alla violenza domestica e di genere, o non ritenuti più affidabili a seguito di uso di alcol o sostanze stupefacenti.

Dal 14 settembre 2019, infatti, chi detiene armi deve presentare ogni cinque anni il certificato medico d’idoneità psicofisica alla detenzione; in pratica lo stesso certificato richiesto per il rilascio del nulla osta all’acquisto, previsto dall’art. 35 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

La certificazione dovrà attestare che il richiedente non sia affetto da malattie mentali oppure patologie che ne diminuiscano, anche temporaneamente, la capacità di intendere e di volere ovvero non risulti assumere, anche occasionalmente, sostanze stupefacenti e psicotrope oppure abusare di alcol.

Il certificato medico è rilasciato dall’ufficio medico legale delle A.S.P. o da un medico  militare, della Polizia di Stato o del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il richiedente, sottoponendosi agli accertamenti, è tenuto a presentare un certificato anamnestico, rilasciato dal medico di famiglia, di data non anteriore a tre mesi. Sono esentati dall’obbligo di presentazione i detentori che siano anche titolari di licenza di porto d’armi (caccia, sportivo, porto difesa personale) in corso di validità. In caso di licenza non più rinnovata, i cinque anni decorrono dalla scadenza dell’ultimo rinnovo. Le persone che non consegnano il certificato agli uffici di Polizia (Questura per i residenti a Caltanissetta, Commissariati di P.S. di Gela e Niscemi per i residenti in quei Centri) o alla Stazione dei Carabinieri che avevano ricevuto le denunce di detenzione, riceveranno una diffida per la presentazione del certificato stesso. Se nei successivi 60 giorni la certificazione non sarà presentata, le armi saranno ritirate cautelarmente dalle Forze di Polizia e saranno segnalati al Prefetto per la successiva emissione del divieto detenzione armi.

Nel caso che il detentore non voglia più la disponibilità dell’arma e non trovi una persona munita d’idoneo titolo di polizia cui cederla, anche a titolo gratuito, potrà richiedere agli stessi uffici di Polizia (Ufficio Armi della Questura di Caltanissetta 093479595 / 093479596) o ai Carabinieri il ritiro per la successiva rottamazione.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Ladri di rame nella postazione 118 che resta al buio

Pubblicato

il

Non bastavano i ritardi delle ambulanze che lasciano a terra le persone incidentate, adesso la postazione del servizio sanitario 118 di contrada Brucazzi, è rimasta al buio. Bloccata la centralina di smistamento delle chiamate, il cancello automatico e niente energia elettrica. I ladri di rame hanno colpito ancora e questa volta il settore sanitario già provato da tante defajances. La sede è di proprietà del Comune che è stato allertato. “Abbiamo già contattato la Ghelas- ha detto il vicesindaco Terenziano Di Stefano- che domani provvederà a ripristinare i fili di rame rubati per rimettere in marcia la postazione 118”.

Continua a leggere

Cronaca

Disturbi e schiamazzi notturni, il Questore Ricifari: “il problema è educativo”

Pubblicato

il

Calttanissetta – A seguito degli esposti arrivati in Questura, sul disturbo della quiete pubblica in ore serali e notturne, il Questore Emanuele Ricifari ha emesso nei giorni scorsi un ordinanza per intensificazione i controlli da parte degli equipaggi delle forze dell’ordine deputati al controllo del territorio.

Da sabato scorso le volanti della Polizia di Stato hanno identificato 505 persone, controllato 257 mezzi, tra cui numerosi ciclomotori e motocicli, effettuato 5 perquisizioni personali, elevato 30 sanzioni al codice della strada per varie violazioni (guida senza patente, velocità non commisurata, incauto affidamento), sequestrato un mezzo, elevato 3 sanzioni amministrative per ubriachezza nei confronti di soggetti che disturbavano all’intero di esercizi pubblici. Denunciato 5 persone, a vario titolo, per lesioni personali, guida sotto l’influenza di alcol, porto di armi od oggetti atti ad offendere e resistenza a pubblico ufficiale. 

I controlli sono stati estesi anche ai soggetti sottoposti a misure anticrimine quali sorvegliati speciali, arrestati domiciliari, liberi vigilati; in totale, sono 180 i controlli eseguiti nelle abitazioni dei predetti al fine di accertare eventuali violazioni alle prescrizioni imposte dall’Autorità giudiziaria.

Per questi servizi abbiamo ricevuto l’apprezzamento di amministratori e cittadini. Questo sostegno ci incoraggia, tuttavia – dichiara il Questore Emanuele Ricifari – abbiamo notato sia noi che le altre Forze di Polizia, che stanno facendo lo stesso, che la maggioranza di questi disturbatori sono minori e, in particolare, in centro storico e piazza Umberto I, ragazzini sotto i anni 14. Ciò, da un lato, ci fa pensare che il problema non è solo di Polizia ma educativo e, d’altro canto, che se sarà ripetuta l’identificazione di tali minori, da ora dovremo dedurre l’assenza di controllo familiare e pertanto sarà necessario coinvolgere i servizi sociali e il Tribunale per i minorenni”.

I controlli disposti dal Questore, con l’obiettivo di assicurare e mantenere, attraverso una costante attività di prevenzione e presenza sul territorio, le condizioni di un’autentica tranquillità pubblica, riducendo la percezione di insicurezza dei cittadini, continueranno nei prossimi giorni

Continua a leggere

Cronaca

Scontro fra due auto in zona Falconara

Pubblicato

il

Scontro fra due auto in zona Falconara intorno alle 24. Per motivi ancora al vaglio degli agenti di polizia, una Tiguan Volkswagen ed un Renault sono venute in collisione. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco ed il servizio sanitario per il trasporto dei feriti non gravi , all’ ospedale Vittorio Emanuele dove si trovano attualmente per essere sottoposti alle terapie del caso.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852