Seguici su:

Attualità

Cos’è un termovalorizzatore?

Pubblicato

il

Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma diceva Antoine Laurent Lavoisier, chimico e fisico francese del ‘700. I corpi di uomini ed animali si trasformano in cenere durante un lungo processo naturale. Oppure c’è la cremazione che accelera questo processo ed evita i problemi delle difficili sepolture. I rifiuti umidi si trasformano più celermente attraverso procedimenti chimici naturali che creano il percolato. Poi ci sono rifiuti solidi più resistenti di difficile eliminazione. Un tempo i rifiuti erano modesti: erano i tempi della fame e non esisteva il consumismo. Poi è arrivato il benessere e i rifiuti la fanno da padrone, almeno nei paesi in cui non sono arrivati i sistemi moderni di smaltimento. In altre realtà ci sono anche italiane ci sono i termovalorizzatori.

Che cosa è il termovalorizzatore? Lo dice la stessa parola: valorizzatore dei rifiuti attraverso l’alta temperatura

Il termovalorizzatore è un inceneritore che converte il calore generato dalla combustione dei rifiuti in energia destinata ad altro uso; può svolgere la funzione di centrali elettriche producendo energia elettrica tramite un impianto costituito da una turbina a vapore alimentata dal vapore scaldato dalla combustione dei rifiuti. Oltre alla produzione di energia elettrica al termovalorizzatore può essere associato un impianto cogenerazione per il teleriscaldamento o un impianto di gassificazione per la produzione del gas di sintesi.

Diamo uno sguardo alla storia:

A Nottingham nel 1874 la società “Manlove, Alliott & Co. Ltd.” su progetto di Alfred Fryer, costruì il primo inceneritore, chiamato destructor. Presto nel Regno Unito molti altri furono costruiti. Anteriormente alla prima guerra mondiale iniziarono ad essere utilizzati per la produzione e la vendita di energia elettrica. La disponibilità di questa energia convinse alcune municipalità di dotarsi di veicoli elettrici per la raccolta dei rifiuti. Il clinker inerte, prodotto finale della combustione era usato per pavimentazione stradale od opere di bonifica.

Nel 1903 a Frederiksberg fu costruito il primo termovalorizzatore danese, dopo che la municipalità aveva esaurito i siti disponibili per la discarica dei rifiuti urbani; l’impianto produceva energia elettrica e calore venduti al vicino ospedale e altri due impianti simili furono costruiti negli anni ’30 a Gentofte e Aarhus; la costruzione si arrestò allo scoppio della seconda guerra mondiale, per riprendere negli anni ’60[3]. Al 2018 il 12% delle abitazioni domestiche danesi è riscaldato da questi impianti[4].

Il primo termovalorizzatore municipale in Cecoslovacchia fu costruito nel 1905 a Brno: era un impianto di incinerazione con sette camere di combustione collegato ad una macchina a vapore Babcock-Wilcox con integrata una turbina per produrre corrente elettrica, inserita in rete tramite una stazione locale a 300 metri dall’impianto. Un secondo termovalorizzatore fu costruito nel 1934 a Praga. Nel 2011 l’impianto di Brno fu completamente rifatto con una capacità annua di trattamento di 248000 tonnellate di rifiuti e una produzione di 8-9.6 MJ/kg.

Eppure nel profondo sud nel 2022 si grida ancora allo scandalo.

L’EPA (Environmental Protection Agency) ha sviluppato una piramide gerarchica di valutazione delle procedure di smaltimento dei rifiuti non pericolosi riconoscendo che un unico approccio metodologico di smaltimento non è valido per tutte le circostanze. Questa gerarchia segue la logica di prediligere la riduzione del materiale che concorre a produrre rifiuti, il riutilizzo del materiale e il riciclo.

Il recupero di energia con i termovalorizzatori fa parte di questa piramide, posizionato al di sopra del trattamento dei rifiuti e loro deposito in discarica, questo in quanto la combustione confinata e controllata dei rifiuti urbani decresce il volume dei rifiuti solidi da interrare nei siti di discarica e permette anche di recuperare energia dalla loro combustione, divenendo secondo l’EPA una sorgente di energia rinnovabile che riduce le emissioni di carbonio riducendo sia la richiesta di energia da fonti fossili che le emissioni di metano dalle discariche

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Positivo il primo confronto di Greco e Pizzardi con il manager Asp2 Ficarra

Pubblicato

il

L’Utin, il nuovo pronto soccorso con l’astanteria,la nuova terapia intensiva, l’elipista: questi ed altri temi sono stati al centro di un confronto tra il neo direttore generale dell’Asp 2 dott.Ficarra, il sindaco Greco e l’assessore alla sanità Pizzardi.

Un incontro che i due esponenti del governo locale hanno giudicato come positivo.

“Abbiamo ripreso tutti gli argomenti rimasti in sospeso con il precedente manager e affrontato questioni che necessitano di un’accelerazione- ha detto il sindaco- siamo fiduciosi del fatto che i risultati arriveranno. Il dott.Ficarra conosce bene la realtà provinciale e di Gela per averci lavorato e credo che saprà dare una spinta in più alla sanità del sud della provincia.

Nuovo pronto soccorso pronto ad aprile, terapia intensiva che potrà essere inaugurata entro marzo, un nuovo incontri per l’elipista, il caso dei danni al PalaCossiga da risolvere in via bonaria sono alcuni degli impegni presi nel primo confronto tra le parti.

Continua a leggere

Attualità

“Ti porto con me alla Casa di Paolo”

Pubblicato

il

San Cataldo – Le Agende Rosse – Gruppo di San Cataldo “Antonino e Stefano Saetta” organizzano un evento per ricordare l’impegno del Giudice Borsellino e per riaffermare i valori della legalità e dell’antimafia quali patrimonio condiviso di tutta la società civile. La manifestazione, dal titolo “Ti porto con me alla Casa di Paolo”, si svolgerà il prossimo venerdì 1 marzo alle ore 17.30 presso l’auditorium “G. Saporito” in corso Vittorio Emanuele n.179 a S. Cataldo; il programma prevede momenti di discussione e riflessione – anche alla presenza dei rappresentanti istituzionali – con momenti di partecipazione, interventi artistici.

L’evento ha ottenuto il patrocinio delle locali Amministrazione Comunale e Banca di Credito Cooperativo “G. Toniolo” e San Michele; in programma gli interventi del Sindaco di San Cataldo, Gioacchino Comparato, dell’ex magistrato Ottavio Sferlazza (già Procuratore capo della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria), del cantautore Leonardo Pastorello e dell’attrice Liliana Carletta. Ospite d’onore sarà Roberta Gatani, nipote del giudice Borsellino ed autrice del libro “Cinquantasette giorni – ti porto con me alla Casa di Paolo”.

Il libro racconta dei giorni che separano la strage di Capaci – in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta – dalla strage di via d’Amelio, in cui persero la vita Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Il libro racconta anche della quotidianità alla “Casa di Paolo”, un centro per i ragazzi del quartiere della Kalsa di Palermo nato nel 2015 per volontà di Salvatore Borsellino e diretto da Roberta Gatani.

Sono state invitate le Autorità locali ed è stato curato anche il coinvolgimento degli studenti degli Istituti cittadini e dei giovani sancataldesi in generale; tutta la cittadinanza è invitata a partecipare anche perché è previsto l’intervento da parte del pubblico per un proficuo dibattito sui temi affrontati durante la serata. L’evento, infatti, ha lo scopo di ricordare l’importanza del contributo di ciascun cittadino, nella quotidianità di tutti i giorni, può e deve garantire nella lotta alle mafie e nel contrasto all’illegalità.

Continua a leggere

Attualità

L’ispettore gelese Turco trasferito a Niscemi

Pubblicato

il

Nuovo arrivo al Commissariato di Polizia di Niscemi: si tratta del gelese Michele Turco, proveniente dalla Questura di Enna, che si occuperà dei servizi operativi. L’ispettore, oggi, è stato accolto dal Questore di Caltanissetta Pinuccia Albertina Agnello e dal Dirigente del Commissariato della cittadina niscemese, Vice Questore Alessandro D’Arrigo.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852