Seguici su:

Politica

Di Paola invoca nuova mozione di sfiducia

Pubblicato

il


PALERMO – La guerra delle poltrone è servita. “Una nuova mozione di sfiducia a Musumeci? Il M5S non potrebbe che votare a favore. Già in passato il M5S ha promosso e votato un atto del genere contro il presidente della Regione, che, a più riprese e praticamente in tutti i settori, ha confermato la sua inadeguatezza a rimanere a palazzo d’Orleans. Prima va a casa Musumeci, prima i siciliani cominceranno a respirare”.

Lo afferma il capogruppo del M5S all’Ars, Nuccio Di Paola.

Il M5S critica anche il bando per la cultura. “20 milioni del Pnrr destinati  dal ministero della Cultura alla Sicilia nell’ambito del progetto per la promozione dei borghi storici  sono stati assegnati dalla Regione al Comune di Vizzini, senza bando, né evidenza pubblica. Si tratta di un modus operandi inaccettabile che mortifica la meritocrazia e la sana competitività. La Regione torni sui propri passi, ritiri in autotutela la delibera e proceda ad una consona forma di evidenza pubblica”.
Lo affermano i deputati del M5S all’Ars, Nuccio Di Paola e Salvo Siragusa.
“Il modus operandi della Regione con cui, con la delibera numero 24 del 20 gennaio 2022, sono stati assegnati 20 milioni di euro al Comune di Vizzini per il borgo ‘A Cunziria’  – dicono i due deputati – è inaccettabile.  Non si possono assegnare direttamente delle risorse, provenienti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ad un Comune senza avere fatto nessuna manifestazione di interesse, né avere raccolto candidature di altri comuni eventualmente interessati. Senza nulla  togliere al Borgo ‘A Cunziria’, destinatario dei fondi, ci saremmo aspettati un atteggiamento totalmente diverso, di rispetto verso le procedure di trasparenza e di evidenza pubblica che sono prodromiche al rispetto della legge e della legalità”.
“Ci saremmo anche aspettati  – continuano Di Paola e Siragusa –  una selezione che premiasse il borgo più meritevole, in concorrenza con altri e che non si fosse  affidata la scelta all’interpretazione di un assessore, nella fattispecie Samonà,  o del presidente Musumeci, che si sono limitati a farsi  apprezzare la delibera solo dalla giunta, che probabilmente non conosce o ha sottovalutato i fatti”.
“In altre regioni, come ad esempio la  Lombardia e l’Emilia Romagna – concludono  – si è proceduto attraverso un avviso pubblico alla selezione del Comune destinatario del finanziamento. In Sicilia la giunta Musumeci ha ritenuto, sbagliando,  di fare diversamente. C’è comunque il tempo per rimediare. Si ritiri la delibera e si proceda ad un bando pubblico

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

I centristi dell’Udc pronti alle elezioni di Butera, Niscemi e Sommatino

Pubblicato

il

I centristi dell’Udc concentrati nell’organizzazione delle elezioni Amministrative della parte sud della Provincia. Un’attività che,- secondo quanto riferisce il segretario provinciale Silvio Scichilone- ha messo in evidenza  la  forte capacità attrattiva che ancora ha il partito». L’Udc ha scelto le sue alleanze guardando ai candidati a sindaco e al programma di governo. A Niscemi a fianco di Massimiliano Conti, l’Udc partecipa con una sua lista che sarà capeggiata dal consigliere ed assessore Aldo Allia. A presentarla c’era, ed ha un significato forte, il capogruppo all’Ars dell’Udc Eleonora Lo Curto. A Butera lo scudo crociato sostiene il progetto civico del candidato Pd Giovanni Zuccalà perchè “unisce soggetti esperienti con giovani leve”. Nella lista al consiglio comunale la dott. Elisabetta Pasqualetto moglie di Scichilone e Filippo Chiolo.
«Sia a Butera che a Niscemi – dice il segretario provinciale – in caso di vittoria dei candidati a sindaco che appoggiamo, l’Udc avrà un assessore in Giunta».
A Sommatino la scelta dell’Udc è stata indirizzata sulla proposta civica del candidato Totò Letizia ed in lista ci sarà Liborio Cravotta.  

Continua a leggere

Politica

Finanziaria ’22: il Pd ottiene il finanziamento per le cure oncologiche

Pubblicato

il

Conferenza stampa nel pomeriggio di oggi in casa PD. Il deputato all’Ars Giuseppe Arancio ha annunciato l’ emendamento approvato nell’ ambito della legge finanziaria 2022 che permetterà di ottenere un finanziamento in favore dell’Asp di Caltanissetta. Il segretario provinciale Di Cristina non ha perduto occasione per rimarcare che si tratta del primo passo per mantenere la richiesta nelle prossime manovre di bilancio se, come sicuramente avverrà, il partito otterrà la rappresentanza.

Il deputato Arancio ha spiegato che l’emendamento servirà a permettere ai pazienti di continuare in loco le cure necessarie ad arginare i danni dei carcinomi mammarie ma non solo, e sottolineando le assenze in aula del presidente della Regione.

ecco il testo all’ art 69

Continua a leggere

Politica

Precari ESA, Mancuso (FI): “La garanzia di 180 giornate lavorative sono un risultato storico. Non si torni indietro”

Pubblicato

il

Palermo: “Durante la discussione della Legge di stabilità regionale ho presentato un emendamento per consentire all’Ente di Sviluppo Agricolo (ESA) di offrire garanzie occupazionali ai propri dipendenti assunti a tempo determinato, corrispondendo per l’intero anno solare, un numero di giornate lavorative pari a 180. Una norma che ritengo di buon senso, le cui coperture possono essere garantire grazie anche alle economie dovute ai pensionamenti. Una norma che assolve a una duplice criticità: garantire i livelli occupazionali per i lavoratori impegnati in tale progetto (anche se il fine ultimo è la definitiva stabilizzazione); promuovere l’agricoltura in Sicilia, vero zoccolo duro di una Regione il cui cuore pulsante dell’economia batte proprio dove la terra è più fertile. Ringrazio l’assessore al ramo, Toni Scilla per l’impegno e il confronto costruttivo che hanno permesso di raggiungere il risultato”. Lo afferma in una nota il deputato regionale di Forza Italia, on. Michele Mancuso.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852
Informazioni Pubblicitarie