Seguici su:

Attualità

Ecco le regole regionali della “zona arancione”

Pubblicato

il

A partire da lunedì 1 febbraio la Sicilia non sarà più “zona rossa” ma tornerà “arancione”. Le misure saranno valide fino a giorno 15 febbraio compreso, come prevede l’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e disponibile in allegato. Il provvedimento recepisce la normativa nazionale sulla “zona arancione” all’articolo 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 14 gennaio e con le seguenti ulteriori misure aggiuntive. 

SCUOLE
Per le le scuole superiori (attività scolastiche secondarie di secondo grado), fino al 7 febbraiocontinuerà la Didattica a distanza. Sarà possibile svolgere attività in presenza per l’uso di laboratori o per esigenze educative che favoriscano l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali garantendo comunque il collegamento a distanza con gli studenti in Dad. A partire da lunedì 8 febbraio sarà ammesso alla didattica in presenza il 50 per cento degli studenti delle scuole superiori. 
Da lunedì 1 febbraio sarà riattivata la didattica in presenza al 100 per cento anche per gli alunni di seconda e terza media.

ARRIVI NELLA REGIONE
Chi farà ingresso in Sicilia sarà tenuto a registrarsi sulla piattaforma www.siciliacoronavirus.it. Questa misura non è prevista per i pendolari che nei giorni precedenti hanno lasciato l’Isola per un periodo inferiore a quattro giorni. Sulla piattaforma sarà possibile dichiarare di essersi sottoposto al tampone molecolare nelle 48 ore antecedenti l’arrivo. Chi non ha avuto la possibilità di sottoporsi all’esame, sarà tenuto a effettuare il tampone in uno dei drive in disponibili nell’Isola. Chi non intende seguire questa procedura, può effettuare l’esame presso un laboratorio autorizzato. Chi non segue nessuna delle due indicazioni per il tampone, avrà l’obbligo di porsi in isolamento fiduciario per dieci giorni con l’obbligo di comunicarlo al medico di medicina generale, al pediatra di libera scelta o all’Asp.

ULTERIORI MISURE DI DISTANZIAMENTO
I titolari degli esercizi pubblici sono tenuti a comunicare all’Asp il numero massimo dei clienti che possono essere accolti all’interno dei locali con l’affissione di un cartello all’esterno che dia questa indicazione. Ai centri commerciali è richiesto di munirsi di contapersone. I titolari degli esercizi pubblici, in accordo con l’Asp e attraverso le associazioni di categoria, possono disporre settimanalmente e su base volontaria l’esecuzione dei tamponi nei drive in disponibili per i dipendenti che svolgono attività a contatto con il pubblico.

MEDICI DI MEDICINA GENERALE E PEDIATRI
I Medici di medicina generale e i Pediatri di libera scelta supportano le Asp nella gestione dei pazienti Covid-19 effettuando i tamponi antigenici rapidi o altri test a specifiche categorie. Inoltre dispongono il periodo di inizio e fine isolamento sia per i soggetti positivi al Covid-19 sia per i contatti stretti di casi confermati.
Di seguito si riportano alcune delle misure della “zona arancione” previste dalla normativa nazionale:

SPOSTAMENTI
È consentito spostarsi all’interno del proprio Comune, tra le ore 5.00 e le 22.00. Gli spostamenti verso altri Comuni sono consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Dalle 22.00 alle 5.00 sono consentiti solo spostamenti per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.
È possibile visitare amici e parenti all’interno dello stesso Comune, una sola volta al giorno, tra le ore 5.00 e le 22.00, e per un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione che si raggiunge. È possibile portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi.

RISTORAZIONE E ATTIVITÀ COMMERCIALI
Come previsto dalla normativa nazionale, nei ristoranti e nelle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie, etc.) resta il divieto di consumare cibi e bevande all’interno e nelle vicinanze. L’asporto sarà consentito dalle 5.00 alle 18.00 senza restrizioni, mentre dalle 18.00 alle 22.00 sarà vietato alle attività che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina o commercio al dettaglio di bevande. La consegna a domicilio resta consentita senza limiti di orario. Come da normativa nazionale, non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Ampliato il laboratorio di analisi per le acque

Pubblicato

il

Caltanissetta – Un presidio strategico per monitorare costantemente la qualità dell’acqua immessa in rete e, più in generale, dell’intero servizio idrico. Adesso per il Laboratorio acque potabili di Caltaqua, che da due anni ha già ottenuto l’accreditamento alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018, è arrivata l’ulteriore estensione delle prove accreditate che da cinque (Torbidità, Ph, Conducibilità, E. coli, Coliformi totali) passano a sette.L’ampliamento dell’accreditamento riguarda, infatti, anche i Microrganismi vitali a 22°C e 37°C e gli Enterococchi. L’estensione dell’accreditamento, come era già accaduto due anni fa per gli altri parametri, è stata firmata da “Accredia”, l’Ente unico nazionale di accreditamento,  designato dal Governo italiano, che opera sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico. La certificazione di ”Accredia” garantisce gli utenti sulla competenza ed imparzialità dei laboratori accreditati nell’effettuazione delle prove, attraverso verifiche tecniche periodiche, sulle singole prove e non, per il complesso delle attività analitiche del laboratorio. Per tale motivo i rapporti di prova emessi sotto accreditamento sono riconosciuti e accettati a livello internazionale.

Per Caltaqua-Acque di Caltanissetta SpA, gestore del servizio idrico integrato per il territorio della provincia di Caltanissetta, si tratta di un altro risultato assai importante maturato lungo la strada di costante crescita della qualità del servizio anche sul versante del potenziamento di tutti gli strumenti messi in campo a tutela della salute pubblica.

Il Laboratorio di Caltaqua esegue circa 1300 analisi/anno sui campioni d’acqua distribuita quotidianamente per il controllo dei parametri, i cui risultati sintetici vengono messi a disposizione dei clienti ogni trimestre, attraverso la pubblicazione sul sito web istituzionale. I campionamenti e quindi le analisi vengono effettuati su punti di prelievo disposti lungo l’intero sistema acquedottistico della provincia, alle fonti di approvvigionamento e lungo tutta la rete di distribuzione fino al punto di consegna.

Il controllo della qualità dell’acqua lungo la rete di distribuzione, secondo un programma predefinito con frequenze e modalità specifiche,  consente di attuare tempestivamente gli interventi necessari a garantire un immediato rientro delle eventuali non conformità riscontrate.

Sia le procedure di campionamento che le procedure analitiche seguono scrupolosamente i metodi di riferimento, relativi alla determinazione dei parametri microbiologici e dei parametri chimico-fisici nelle acque destinate al consumo umano ai sensi del Decreto Legislativo 31/2001

Continua a leggere

Attualità

L’ Area nord 2 dell’Asi è una Zes ma i progetti vengono respinti

Pubblicato

il

Una Zona economica speciale che è una beffa  la  denuncia di Sicindustria è chiara.Da una parte viene istituita un’area Zes, dall’altra i progetti di chi vuole investire vengono respinti al mittente  motivando tale decisione con un paventato e non meglio specificato “effetto cumulo”. 

Se non è una beffa poco ci manca. Tant’è che lo stesso Commissario straordinario della Zes Sicilia orientale, Alessandro Di Graziano, in una nota inviata al Comune di Gela, all’Irsap, all’assessorato regionale delle Attività produttive e a quello del Territorio e Ambiente, ha sottolineato l’impossibilità di svolgere nell’Area Nord 2 “l’attività istituzionale nella suddet Zona economica speciale”. “Questo significa – specifica Sicindustria Caltanissetta – che c’è il concreto rischio di vedere svanire la Zes da Gela, con ciò che questo comporterebbe per lo sviluppo del territorio”

A determinare questo paradosso, la decisione comunicata dal Suap di “improcedibilità con archiviazione del procedimento” della richiesta, presentata nel 2019 ma esitata solo nel 2022, della società Icaro Ecology di avvio dell’attività produttiva in zona industriale Nord 2. Nello specifico, secondo il Suap, “nell’Area oggetto di insediamento sono stati già ospitati altri interventi e l’insieme degli stessi avrebbe determinato ‘un effetto di cumulo’” che ulteriori interventi integrerebbero. Senza specificare, però, così come rileva Di Graziano, “quale sia la soglia di cumulo e se essa sia stata preventivamente individuata dal Comitato tecnico-scientifico che doveva insediarsi presso il Comune di Gela”.

“La semplice ipotesi di una riperimetrazione della Zes del territorio gelese che escluda completamente l’area industriale nord 2 – denuncia Sicindustria Caltanissetta – dovrebbe spingere tutti alla riflessione. Si tratta di una eventualità che il territorio deve scongiurare perché finirebbe col bloccare ogni nuovo investimento produttivo e, al tempo stesso, penalizzare chi già opera in quell’area impedendogli di accedere agli incentivi correlati alla Zona economica speciale”.

Continua a leggere

Attualità

Il manager Caltagirone spiega quanto accaduto all’ ospedale Sant’Elia

Pubblicato

il

Circola in queste ore sui social un post in cui si riportano immagini di un presunto allagamento del blocco operatorio dell’ospedale S. Elia di Caltanissetta. “È opportuno precisare z dice il manager dell’ Asp Alessandro Caltagirone- rassicurando la popolazione, che in alcun modo il blocco operatorio risulta essere interessato.
A causa delle forti piogge un problema tecnico ai piani superiori ha portato acque piovane – “peraltro eliminata in pochi minuti ed asciugata con semplici spugne assorbenti, dichiara il Resopnsabile del Blocco Operatorio, Dott. Giovanni Di Lorenzo” – ad infiltrarsi in un corridoio esterno che non interessa il blocco operatorio. Lo stesso dott. Di Lorenzo dichiara che “le attività chirurgiche sono state garantite senza alcun disservizio”. “L’evento non è assolutamente ascrivibile a quanto accaduto nei mesi scorsi -afferma il Direttore Generale. I tecnici hanno già individuato la causa e stanno risolvendo il problema. Appare quanto mai inopportuno alimentare allarmisti ingiustificati con il solo scopo di fare propaganda politica”.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852