Seguici su:

Politica

Il PD chiede la restituzione del cratere attico

Pubblicato

il

All’ indomani della buona notizia sull’apertura pomeridiana delle Mura timoleontee il PD ci ricorda che ci sono tanti altri angoli da smussare in tema di archeologia. Il deputato Giuseppe Arancio tira fuori un problema atavico che attiene alla restituzione dei reparti al Museo di Gela. Ha scritto una interrogazione al Presidente della Regione e all’Assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, per sollecitare la restituzione di un cratere che in questo momento si trova alla mostra di Ulisse e che , misteriosamente, è finito a Caltanissetta come tanti altri reperti provenienti da Gela.

” A partire dagli anni Settanta e fino al 2001, migliaia di reperti del Museo Archeologico di Gela sono stati sottratti al patrimonio archeologico e storico della città e trasferiti  verso il Museo di Caltanissetta senza che sia mai stata chiesta la restituzione – si legge nell’ interrogazione di Arancio – si tratta di reperti archeologici trovati in diversi periodi a Gela e nel suo interland, reperti archeologici tutti inventariati e pertanto riscontrabili nei registri del museo archeologico: si tratta di un numero di reperti archeologici veramente impressionante sottratto al patrimonio archeologico gelese con il risultato di penalizzare sotto molti aspetti, in particolare quelli culturali, economici ed occupazionali, la città di Gela;

nell’attuale mostra del mito di Ulisse a Gela si è esposto anche un cratere attico a campana a figure rosse del V sec. a., raffigurante l’eroe mitico Achille, che negli anni Settanta, pur essendo esposto nelle vetrine del Museo di Gela, è stato portato via e trasferito, assieme a tanti altri, presso il museo di Caltanissetta;

la scheda descrittiva apposta nella vetrina nella quale il cratere è esposto indica il “Museo di Caltanissetta” come luogo di provenienza, laddove è provato in maniera incontrovertibile che il reperto è di proprietà del Museo Archeologico di Gela. Quali iniziative la Regione intende adottare affinché il citato cratere attico torni nella titolarità del Museo archeologico di Gela unitamente a tutti gli altri reperti sottratti negli anni consentendo alla comunità gelese di avvantaggiarsi delle ricadute culturali ed economiche connesse?”

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

Greco propone il patto di responsabilità all’opposizione di centrodestra

Pubblicato

il

Ultimo tentativo del sindaco Lucio Greco  per allargare il consenso attorno alla  sua amministrazione.  Ha pochi  giorni di tempo per esplorare  la volontà delle altre forze di centrodestra di  sostenere il suo governo  di qui alla fine del suo mandato evitando ulteriori traumi alla città in aggiunta a quelli che ha: il bilancio bloccato, il rischio del predissesto, i dirigenti che fuggono  dal palazzo ( per ultimo va via il  comandante dei vigili urbani Giuseppe Montana che  aveva pure l’interim agli Affari legali), il personale tecnico al lumicino con i progetti finanziati che vanno a  rilento.

 Greco dovrebbe al centrodestra che è all’ opposizione un patto di responsabilità per la città e non un appoggio politico alla sua Giunta. Non ci dovrebbe essere dunque la partecipazione diretta  di chi accetta  al governo locale ma un appoggio esterno su  atti e progetti  per la città a cominciare dal  bilancio. 

 Sono in attesa i pro Greco che non accetteranno però soluzioni che prevedano il  dover governare con chi ha firmato la mozione di sfiducia.

Continua a leggere

Politica

Centocinque milioni di euro per le imprese Siciliane

Pubblicato

il

Un pacchetto di misure, per complessivi 105 milioni di euro, destinate dalla Regione Siciliana a incentivare la competitività delle imprese dell’Isola. “Competitività Sicilia” è suddiviso in quattro assi di intervento – “Fare Impresa”, “Ripresa Sicilia”, “Connessioni – Luoghi per l’innovazione”,  “Cluster Sicilia”  –  finanziati con risorse Fsc e Poc. Gli obiettivi sono rafforzare la competitività del sistema imprenditoriale siciliano, favorire lo sviluppo di poli di specializzazione e il riposizionamento di settori produttivi tradizionali, sostenere l’innovazione e la creazione di startup e nuova imprenditorialità da parte di giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni. «Una corposa azione che guarda al futuro del nostro sistema produttivo», l’ha definita il governatore Schifani. Per l’assessore alle Attività produttive Edy Tamajo, che ha presentato il pacchetto alle associazioni di categoria, «ogni avviso sarà concertato, la nostra scommessa è accelerare e snellire le pratiche»

Il vicepresidente della Commissione Attività Produttive dell’ARS on. Giuseppe Catania esprime grande soddisfazione per il pacchetto di misure presentato oggi dal Presidente Schifani e dall’assessore al ramo Edy Tamajo.

Un pacchetto di misure, per complessivi 105 milioni di euro, destinate dalla Regione Siciliana a incentivare la competitività delle imprese dell’Isola. “Competitività Sicilia” è suddiviso in quattro assi di intervento –  

Gli obiettivi sono: rafforzare la competitività del sistema imprenditoriale siciliano, favorire lo sviluppo di poli di specializzazione e il riposizionamento di settori produttivi tradizionali, sostenere l’innovazione e la creazione di startup e nuova imprenditorialità da parte di giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni.

“La sfida dell’innovazione, a mio avviso, rappresenta la strategia più efficace per competere al passo con i tempi rispondendo ai nuovi bisogni dei consumatori”- conclude.

Continua a leggere

Flash news

Vertice di maggioranza domani: azzeramento o cos’altro?

Pubblicato

il

Una giornata cruciale quella di domani. Il sindaco Lucio Greco ha convocato un vertice di maggioranza. Si saprà così come il primo cittadino vuole andare avanti.

Greco azzererà la Giunta per dare un segnale alla nuova Dc e ad eventuali ” responsabili del centrodestra? I margini di manovra sono troppo risicati. Qualunque cosa decida, il sindaco rischia di perdere pezzi.

Una crisi la cui soluzione è un rebus.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852