Seguici su:

sport

Il runner tedesco Hans Lachmann vince la II edizione del Sicily Ultra Tour

Pubblicato

il

Si è conclusa con la vittoria del runner tedesco Hans Lachmann la seconda edizione del Sicily Ultra Tour. Gli atleti sono arrivati ieri pomeriggio alle Mura Timoleontee, poi si sono spostati in Piazza Umberto per la cerimonia di premiazione, alla presenza del vicesindaco Terenziano Di Stefano, del Presidente del consiglio comunale Totò Sammito e dell’assessore allo sport Cristian Malluzzo.

Tre i corridori che hanno tagliato il traguardo. Alcuni, infatti, si erano fermati a metà cammino, e Giuseppe Mirenda, il vincitore della prima edizione, si è infortunato e non ha potuto prendere parte alle ultime due tappe. Nel corso della festa in piazza, animata anche dalla banda musicale, gli amministratori hanno fatto dono agli atleti dei simboli della città, un gagliardetto, un libro con la storia di Gela e una moneta, ringraziandoli per l’impegno, la passione e la vetrina che hanno regalato ai siti archeologici della Sicilia.

“Com’era facile immaginare, – ha commentato l’assessore Cristian Malluzzo – la manifestazione sta crescendo e sta assumendo una rilevanza sempre maggiore a livello nazionale e internazionale, malgrado le tantissime difficoltà legate alla pandemia. Già quest’anno, rispetto al 2020, molti più sindaci e assessori hanno accolto gli atleti all’arrivo nelle loro città e si sono detti pronti a fare ancora di più e meglio il prossimo anno. Esattamente come noi. Per il futuro, questa amministrazione comunale vuole garantire un sostegno maggiore e più supporto a tutti i livelli. Un ringraziamento speciale, naturalmente, va a Giuseppe Veletti e ad Antonio Tallarita per l’impegno profuso nell’organizzazione. Questa gara, che parte dalle Mura e alle Mura ritorna, dopo il giro della Sicilia di corsa, ha delle potenzialità immense e non ancora espresse e noi vogliamo che diventi un appuntamento annuale e atteso per tutti i maratoneti di ogni parte del mondo”.  

All’ultima tappa, appunto quella di ieri, con partenza da Mollarella e arrivo alle mura Timolontee e successivamente in piazza Umberto ha partecipato ancora una voltal’ atleta dell’Atletica Gela, Salvo Tilaro così come alla prima tappa, che ormai ci ha preso gusto con le lunghissime distanze. Ancora una volta il nostro Salvo ha dato mostra della sua tenacia percorrendo i quasi 45 km senza mai dare mai un’attimo di cedimento  presentandosi in solitario all’arrivo alle Mure Timolontee. Passerella finale poi dalle Mura fino in piazza Umberto, per la premiazione finale, di tutti gli atleti e organizzatori che hanno partecipato a questo fantastico giro, in primis l’ideatore, promotore e atleta Antonio Tallarita che ringraziamo perché continua con perseveranza a credere nelle potenzialità della nostra regione e città, nonostante lui non viva più a Gela e nonostante le difficoltà che si incontrano nell’ organizzare un’evento del genere. Intanto fervono i preparativi per l’ottava edizione della Maratonina del Golfo prevista per il 28 novembre organizzata dalla nostra società. L’ edizione di quest’anno, che sostituisce quella dell’anno precedente non effettuata causa Covid, continuerà a far parte del gran prix regionale  Fidal di maratonina. Per l’occasione avremo il prestigio di assegnare le maglie di campione regionale, assoluto e di categoria, di maratonina. Ricordiamo che poter partecipare alle gare su strada necessità essere in possesso di green pass oltre ovviamente dell’idoneità medica per attività sportiva agonistica

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sport

Ssd Gela, prime riconferme e grande lavoro per il Melfa’s Gela camp. Rientrate le dimissioni del dg Spadaro

Pubblicato

il

Due riconferme importanti nel giro di 24 ore in casa Ssd Gela, dove prende forma sempre più l’organico che lotterà per raggiungere i vertici del prossimo campionato di Promozione. Prima è arrivato l’annuncio della riconferma del giovane centrocampista classe 2003 Nicolò Di Bartolo, quindi uno dei più attesi: quello del bomber e capitano Davide Ascia, che con i suoi 26 gol ha trascinato quest’anno la squadra biancazzurra. Nel frattempo la società presieduta da Maurizio Melfa ha presentato ufficialmente in conferenza stampa la prima edizione del Melfa’s Gela camp, in programma dal 27 giugno al 1° luglio tra il PalaLivatino e il Centro sportivo di via Recanati.

Tecnici importanti del calcio siciliano come Pippo Romano, Pino Rigoli, Pietro Infantino e Fofò Ammirata, coadiuvati dalla presenza dello staff biancazzurro, guideranno le attività teoriche e pratiche delle giovani promesse locali nate tra il 2004 e il 2009 che prenderanno parte all’iniziativa. Un’occasione nella quale è stato lo stesso presidente Melfa a far rientrare il caso delle dimissioni del direttore generale Salvatore Spadaro, che alcuni giorni aveva annunciato di voler fare un passo indietro a causa di presunte divergenze gestionali all’interno della società. «Un plauso ai nostri dirigenti – ha dichiarato Maurizio Melfa –, nello specifico un ringraziamento al direttore generale Salvatore Spadaro e al mister Paolo Bentivegna, che hanno permesso l’organizzazione del Melfa’s Gela Camp, un evento che puntiamo a far diventar una tappa fissa importante negli schemi di crescita del progetto durante i prossimi anni».

«Per alcuni giorni – spiega Spadaro – i fari del grande calcio saranno puntati sui giovani talenti della nostra città e del comprensorio, siamo entusiasti soltanto all’idea di poter ospitare gli osservatori delle migliori cantere nazionali. Squadre come Atalanta, Fiorentina, Sampdoria, Torino e Perugia vengono qui perché conoscono quanto di buono il nostro territorio è in grado di esprimere». «Ci aspettiamo tanta attenzione – conclude Bentivegna – e invitiamo alla partecipazione a tutti i ragazzi nati tra il 2004 ed il 2009 perché ne varrà certamente la pena».

Continua a leggere

sport

Finali nazionali di ginnastica 2022, Gela presente

Pubblicato

il

Oggi hanno inizio le finali Nazionali del campionato federale che per 10 giorni fino al 3 luglio vedranno impegnati più di 25.000 ginnasti di tutta Italia.

Da Gela sono stati convocati 2 Tecnici della Gymnastics Club (Valter Miccichè con funzione di speaker ufficiale delle premiazioni e Luigi Di Tavi come ufficiale di gara).

La società Gymnastics Club porterà 45 ginnasti che si sono qualificati in fase regionale.

“Sarà una grande festa perché ginnasti e genitori insieme alzeremo i colori della nostra gloriosa associazione”. I Tecnici che accompagneranno i ginnasti sono Ester Greco, Jlenia Cosenza, Eleonora Trubia e Antonella Barresi

Le Ginnaste della sezione ritmica
Rebecca Ardore
Aurora Bilardi
Aurora Pirone
Marta Mangiaracina

I Ginnasti del Gymgiocando
Agnese Catalano
Gaia Passafiume
Amalia Mongiovì
Matilde Morello
Rebecca Incorvaia
Rachele Scicolone
Alessandra Aliotta
Matilde Tuccio

Le Ginnaste della sezione artistica
Promogym individuale

Beatrice Tripodo
Alice Cacioppo

Coppa Italia
Irene Scicolone
Alessandra Vella
Elena Pepi
Emma Cariota
Ginevra Biundo
Claudia Nardo
Vittoria Scuvera
Carlotta Pennata
Emma Puci
Giulia Ferrara
Gaia lo Chiano
Diana Matraxia

Promogym a squadre
Aida Di Pietro
Giorgia Grech
Chiara Biliardi
Chiara Scuvera
Giorgia Vittoria
Angelica Di Stefano
Ottavia Nastasi
Eleonora Di Dio
Gloria Gallo

Esmeralda Ruzza
Gloria Giarratana
Giorgia Lo Chiano
Federica Di Dio
Marta Cammalleri
Emma Cappello
Giulia Cammarata

Pre agonistica
Rebecca Incorvaia
Matilde Tuccio

La Summer Editionl presso la fiera di Rimini, si riconferma location ideale per grandi eventi sportivi.

L’ evento è organizzato da Esatour Sport Events e ASD Pesaro Gym, in collaborazione con la Federazione Ginnastica d’Italia.

L’ ultima edizione ha visto numerosi atleti esibirsi alla Fiera di Rimini, confermandosi così come uno degli eventi più attesi e partecipati nel panorama del movimento della ginnastica italiana.
L’evento propone giorni di gare, esibizioni e attività per tutti.

Continua a leggere

sport

Basket, Serie B: il fischietto gelese Antonio Giordano ha diretto due gare della finale playoff  

Pubblicato

il

Una lunga carriera come arbitro in Serie B e finalmente l’approdo meritato alla direzione di un appuntamento importante: la finale playoff tra Rimini e Cremona. Antonio Giordano, 36enne fischietto gelese, ha diretto sia gara 3 a Cremona che gara 4 a Rimini: un doppio appuntamento che vale tanto in termini di riconoscimento del proprio lavoro.

«Arbitrare una finale è sempre una grande soddisfazione personale – racconta Giordano -, ma dopo 8 anni di Serie B raggiungere questo appuntamento e arbitrare in un palazzetto con 3500 persone sugli spalti è stato davvero bello. Un’emozione fortissima, per una tappa a cui tenevo tanto». 

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852