Seguici su:

Attualità

La Cgil ribadisce la necessità di mantenere il Commissariato

Pubblicato

il

Caltanissetta – La Segretaria generale della Cgil ribadisce la necessità di mantenere il commissariato di Polizia a Niscemi. “Aspettare che le cose accadano o ancora peggio che non possano trovare la giusta soluzione – dice Rosanna Moncada della Cgil  – per la tutela di servizi e per la sicurezza della cittadinanza non ci appartiene ! Pensare che sia possibile smantellare e chiudere il Commissariato di Niscemi è pura follia!
È fondamentale mantenere e sostenere l’azione portata avanti dalla Segreteria Regionale e dalla Segreteria Provinciale SILP CGIL promotrici di una importantissima vertenza contro la chiusura del Commissariato a Niscemi.
Seppur sia fondamentale garantire la sicurezza delle donne e degli uomini di polizia fornendo loro locali sicuri per poter svolgere il proprio lavoro è altrettanto necessario provvedere al più presto a trovare nuovi locali e permettere che si continui quell’azione di tutela , di sicurezza e di servizi sul territorio.
Non possiamo permettere che presidi di legalità cosi importanti per le nostre città possano scomparire nel silenzio o a causa di logiche politiche inerti e inoperose
Oggi Niscemi domani magari un altra città : il territorio va salvaguardato tutto a partire dai piccoli
centri che non possono permettersi di perdere uffici importanti ,sedi di servizi per i cittadini e luoghi
di lotta e di contrasto alla criminalità .
Ed è per questo che non possiamo permettere di alimentare questa politica di abbandono delle
nostre comunità
Il Commissariato a Niscemi deve essere mantenuto, dovrà fruire di locali idonei a ospitare il personale di polizia per continuare a costituire e rappresentare un importante presidio di legalità e di sicurezza”

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Vasto incendio sulla SS 626 in territorio di Butera

Pubblicato

il

Traffico rallentato per visibilità zero sullo scorrimento veloce Gela – Caltanissetta. Non si tratta di nebbia ma di un vasto incendio che ha interessato una collinetta in territorio di Butera. Suo posto, oltre ai vigili del fuoco e alle guardie forestali sono arrivati anche gli agenti della polizia municipale. L’incendio si è verificato a metà mattinata .

Continua a leggere

Attualità

Nursind: niente incentivi per gli infermiei del 118

Pubblicato

il

Niente incentivi da inizio anno per oltre 200 infermieri che prestano attività incentivante sui mezzi di soccorso del 118. La stragrande maggioranza attende da febbraio, a Gela anche da gennaio: denunciano tutti gravi ritardi nell’erogazione degli emolumenti, in media 600-700 euro a lavoratore. Lo segnala il Nursind di Caltanissetta che in una nota ai vertici dell’Asp, alla Regione e alla Prefettura spiega di avere ricevuto “ripetute segnalazioni pervenute presso la nostra segreteria provinciale di Caltanissetta, secondo le quali agli operatori sanitari non è stata corrisposta nessuna mensilità del corrente anno solare. Considerando che tali somme vengono costantemente inviate dall’assessorato alla Sanità regionale, risulta incomprensibile che risorse non giungano regolarmente nelle tasche di chi, con grandi sacrifici, abnegazione e professionalità riconosciuta, soprattutto in questo recente ed ancora attuale periodo di pandemia, opera incessantemente per garantire una risposta sanitaria efficace e concreta, sobbarcandosi di carichi di lavoro, come a voi segnalato in precedenti missive, eccessivi e logoranti”.
Il Nursind, guidato da Giuseppe Provinzano, quindi aggiunge: “Secondo questa segreteria, non può bloccare la retribuzione di questi compensi, la procedura burocratica in seno agli uffici amministrativi dell’Azienda sanitaria provinciale di Caltanissetta, né può essere un motivo plausibile l’assenza di un direttore amministrativo, non possono essere questi i motivi che impediscono la retribuzione di queste somme, somme che in questo periodo storico considerando l’aumento dell’inflazione e del caro-vita, sono indispensabili per i nuclei familiari. Chiediamo e pretendiamo che le mensilità dell’attività infermieristica, svolta presso il 118 da inizio anno per gli infermieri collaboratori professionali sanitari della provincia,  vengano liquidate con la busta paga del mese di luglio. Invitiamo tutti gli enti preposti ad attivarsi celermente per poter restituire dignità a questi operatori definiti pure “eroi”, ma che spesso vengono umiliati e mortificati dalle istituzioni”.

Continua a leggere

Attualità

La corsia d’emergenza che di emergenza non è…

Pubblicato

il

Che ci fa una corsia di emergenza in una strada a doppio senso di circolazione e larga pochi metri? Rientra fra i misteri di Gela. Quest’ anno la Ztl ha regalato questa novità. Sulla carreggiata è contrassegnata come corsia di emergenza ma ci passano i mezzi in doppio senso di circolazione.

La corsia di emergenza o di soccorso è una corsia delle strade a più corsie (ed in particolare delle superstrada  e delle autostrade) destinata alla fermata dei veicoli in avaria o in difficoltà, ed alla circolazione dei veicoli di controllo, assistenza e soccorso. L’art. 3 del codice della strada la definisce: corsia, adiacente alla carreggiata, destinata alle soste di emergenza, al transito dei veicoli di soccorso ed, eccezionalmente, al movimento dei pedoni, nei casi in cui sia ammessa la circolazione degli stessi.

Ne abbiamo parlato con l’ esperto Giuseppe Migliore

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852