Seguici su:

Attualità

“La sinistra italiana e il dilemma dei porcospini”: il libro verrà presentato l’8 luglio dall’Auser

Pubblicato

il

“La sinistra italiana e il dilemma dei porcospini” è il titolo del libro di Franco Garufi che verrà presentato venerdì 8 luglio nell’ax chiesa San Giovanni alle 18, su iniziativa dell’Auser e con il patrocinio del Comune di Gela. L’introduzione è affidata al presidente dell’Auser Emanuele Scicolone. Dopo i saluti del sindaco di Gela, la presentazione sarà a cura del giornalista e scrittore Salvatore Parlagreco . Sono previsti gli interventi del dirigente in pensione Luciano Vullo e del docente di teologia morale Lillo Buscemi. Coordina il giornalista Franco Infurna. La presentazione avverrà alla presenza dell’autore che si è ispirato alla teoria dei porcospini di Arthur Schopenhauer : alcuni porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini vicini per proteggersi, col calore reciproco, dal morire assiderati. Ben presto però sentirono le spine reciproche e il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro. Quando il bisogno di scaldarsi lo portò di nuovo a stare insiene , si ripetè quell’altro malanno, di modo che venivano sballottati, avanti ed indietro fra i due mali.

E’ trascorso un secolo dal 21 gennaio 1921, giorno in cui la frazione comunista abbandonò il teatro Carlo Goldoni di Livorno e si scisse dal Psi. Cent’anni dopo, l’Unione sovietica non esiste più, il socialismo reale è rimasto sepolto sotto il muro di Berlino. Tuttavia, nel linguaggio degli scontri a sinistra , a volte il palcoscenico sembra quello del teatro livornese, in una contrapposizione fondata su un mondo- quello dei grandi sistemi ideologici – ormai da tempo scomparso. Oggi il capitalismo, dopo l’ubriacatura neoliberista, sembra incapace di far fronte alle crisi da esso stesso generate, ma lo scontro fra le sinistre della politica italiana, continua ad oscillare fra nostalgia e frazionismo. Franco Garufi indaga i motivi per cui, mentre cresce il consenso per le destre sovraniste, la sinistra non riesce a raccogliere le istanze di rinnovamento di una società complessa, impoverita e sempre più corporativa agitata dai destini di donne e uomini segnati dal succerdersi di speranze e delusioni. L’autore tesse i fatti della storia, intrecciandolo con il proprio vissuto di dirigente sindacale, per sollecitare una riflessione collettiva in cui sia possibile scorgere il socialismo in fondo al tunnel.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Il Centro Zuppardo inaugura il nuovo anno sociale

Pubblicato

il

Nuovo anno sociale, nuova esperienza formativa. La cerimonia di apertura dell’Anno sociale 2022 – 2023 del Centro di Cultura “Salvatore Zuppardo”

e dell’Ass. Betania OdV è fissata per

mercoledì 30 novembre 2022 – ore 19,00

presso il Santuario Maria SS. D’Alemanna  Gela .

Sarà presente il Vescovo Mons. Rosario Gisana

Continua a leggere

Attualità

Bollo auto, Mancuso (FI): “Prorogare al 2023 la scadenza”

Pubblicato

il

Palermo: “Domani 30 novembre 2022 è prevista per legge la scadenza dei pagamenti per i bolli auto iscritti a ruolo e notificati attraverso le cartelle di pagamento per gli anni dal 2016 al 2021.  Una scure che si abbatte a ridosso delle festività sulle tasche già vuote dei siciliani. Chiedo pertanto che il Governo e il Parlamento siciliano si impegnino a posticipare la scadenza al 28 febbraio 2023, al fine di evitare sanzioni e interessi come prevede la norma, dando ai siciliani la possibilità di tirare una boccata d’ossigeno”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia al Parlamento siciliano, on. Michele Mancuso.

“Ricordo – continua il Deputato azzurro – che l’art. 28 della L.R. 16/2022 prevede che non si proceda all’applicazione delle sanzioni e degli interessi per i pagamenti della tassa automobilistica la cui scadenza sia stabilita tra 1 gennaio 2016 ed il 31 dicembre 2021, purché il versamento sia effettuato entro il 30 novembre 2022. Credo però che in un momento di profonda crisi economica, in cui numerose famiglie siciliane sono vessate dal caro energia, oltre che da un carovita in continua crescita, sia necessario un intervento tempestivo delle Istituzioni”.

“Evitiamo che migliaia di cittadini trovino sotto l’albero le notifiche di pagamento dei bolli – conclude Mancuso. Sia loro garantito di usufruire delle agevolazioni che prevedono lo scomputo delle sanzioni e degli interessi, così da consentire a tantissime famiglie di risparmiare tra il 25 e il 30% rispetto alla notifica loro recapitata. Il Governo Schifani ha il dovere di cominciare sin da subito con il piede giusto, dando risposte concrete in termini di risparmio e agevolazioni economiche in favore di tanti siciliani”.

Continua a leggere

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. Sanità ma non per tutti

Pubblicato

il

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852