Seguici su:

Flash news

Melfa’s Gela Basket ancora nel tunnel…

Pubblicato

il

Filotto di sconfitte centrato. Quattro su quattro. La Melfa’s Gela Basket continua a viaggiare nel tunnel.

E dire che dopo oltre metà di gara, contro la capolista Just Mary Messina, la luce in fondo al tunnel sembrava cominciare ad intravedersi. Ed invece, alla fine, è arrivata la quarta battuta d’arresto consecutiva, quinta in appena sette gare giocate.

Tutt’altro che il campionato d’avanguardia che si era pronosticato ad inizio stagione agonistica per una squadra che, adesso appare evidente, abbisogna di decise modifiche nel suo assetto organico. Andato via (pare per motivi di studio) Luca Riferi e “tagliato” per scarso rendimento il pivot croato Petar Madunic, alla società capitanata dal presidente Maurizio Melfa si chiede un deciso ritorno sul mercato per andare a trovare quegli elementi che possano permettere di rialzare la testa nel girone orientale siciliano del torneo di serie C Silver.

Ad un turno dalla fine della fase ascendente della regular-season, che si chiuderà in questo week-end, la Melfa’s Gela Basket non è ultima in classifica sol perchè anche nel turno infrasettimanale giocatosi giovedì sera l’Orlandiona Lab ha ancora perso (i paladini, finora, hanno vinto una sola partita, ossia quella di Gela). PalaLivatino che si conferma terra di conquista.

Da quando, infatti, la stupenda struttura di Contrada Marchitello è stata riaperta la compagine di coach Salvatore Bernardo ha solo raccolto sconfitte non riuscendo ancora a violare lo sfavillante parquet del palazzetto dello sport di proprietà dell’ex Provincia Regionale di Caltanissetta. Giovedì sera, dopo l’Orlandina Lab, è toccato alla Just Mary Messina passare al PalaLivatino.

Non tragga in inganno, però, il risultato finale di 66-79 a favore dei peloritani. Non c’è stato, in campo, un divario tecnico tale da giustificare uno scarto finale simile. Fino a metà terzo quarto, infatti, sono stati i gelesi a guidare il gioco ed il punteggio, portandosi ad avere fino ad un vantaggio massimo di 9 punti. Poi, però, le gambe si sono appesantite e le idee notevolmente annebbiate e pian piano è venuta fuori la classe cristallina della squadra messinese, allenata da Beto Manzo.

Non c’è tempo per ragionare oltre, però, sull’ennesimo boccone amaro mandato giù da capitan Emanuele Caiola e compagni. Già stasera si torna in campo per l’ultima gara del girone di andata e per i gelesi c’è pronto un altro banco di prova terribile. Il quintetto biancorosso sarà di scena a Messina (“palla a due” alle ore 19) sul campo della Fortitudo, squadra d’altissima classifica.


               Franco Gallo

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Antiracket con il punto interrogativo

Pubblicato

il

Si svolgerà oggi alle 18 l’assemblea dei soci dell’associazione antiracket Gaetano Giordano per eleggere il direttivo da cui poi si sceglierà il presidente.

Tredici i candidati. Tre giorni fa il Prefetto di Caltanissetta ha cancellato l’associazione dall’albo prefettizio ma gran parte degli iscritti rimasti ritiene di dover andare avanti lo stesso procedendo con le elezioni per poi presentare ricorso contro il decreto. Pare inoltre che l’ex presidente Renzo Caponetti stia lavorando per fondare una nuova associazione.Una situazione in divenire con risvolti non prevedibili.

L’unico dato certo è che l’immagine di Gela ha subito un grave danno per gli errori e gli scivoloni di un’associazione considerata un modello italiano.

Continua a leggere

Cronaca

Auto rubata e pistola illegale: la Gdf arresta un ventitreenne

Pubblicato

il

Nei giorni scorsi, i Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Gela hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un ventitreenne per il reato di detenzione illegale di un’arma da sparo.


Nel corso di un servizio di controllo economico del territorio, le Fiamme Gialle hanno individuato un’autovettura ferma in sosta lungo una strada isolata dell’agro di Niscemi.

Alla vista della pattuglia, chi era in auto si è dato alla fuga a piedi, cercando di occultarsi in un campo coltivato nelle vicinanze.
I militari hanno proceduto immediatamente ad intimare l’alt e al contestuale inseguimento del giovane che, all’altezza di una vasca per la raccolta delle acque, vi ha lanciato una pistola detenuta nei pantaloni.
Una volta raggiunto, il fuggitivo è stato prontamente bloccato. Poco dopo, è stata recuperata anche l’arma, un revolver marca Smith&Wesson mod. 686, carico con 6 cartucce calibro 357 Magnum.

La successiva perquisizione dell’autovettura, risultata oggetto di furto, ha permesso di rinvenire due maschere in plastica e tessuto, due passamontagna e una tuta da lavoro.
Il giovane è stato recluso nel carcere di Gela.

Continua a leggere

Attualità

Il ministro Salvini: ecco i fondi per la tangenziale di Gela

Pubblicato

il

395milioni di euro per il completamento della tangenziale di Gela.

“I fondi ci sono: la Corte dei conti ha registrato la delibera Cipess del 27 dicembre scorso, con la quale è stato approvato l’aggiornamento 2022 del Contratto di programma Anas del valore di 4,5 mld, rendendo così disponibili le risorse per emanare i bandi. Lo schema di progetto anche. I lavori interesseranno le statali n. 626 e n. 115, relativi ai lotti 7 e 8 di completamento della tangenziale gelese. Un’arteria strategica, che collegherà strade fondamentali per la viabilità locale, aprendo due varchi essenziali verso Catania e Caltanissetta ed il resto della Sicilia. Vogliamo far ripartire i cantieri e sbloccare opere. Non ci fermeremo”. Lo dice il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852