Seguici su:

Attualità

Niente indennità, premi di produttività per il personale Asp

Pubblicato

il


Niente indennità, premi di produttività e buoni pasto. Per i lavoratori dell’Asp di Caltanissetta il post pandemia è un incubo. Il sindacato Nursind, dopo l’ennesimo sollecito ai vertici dell’azienda provinciale, ha dichiarato lo stato di agitazione avviando l’iter che porterà il 27 ottobre a una manifestazione in via Cusmano davanti alla sede dell’Asp e che potrebbe portare a uno sciopero. Mediamente le somme attese dai dipendenti si aggirano sui 4 mila euro ma variano in base alla fascia di appartenenza.
La segreteria provinciale del Nursind, in una nota a firma di Giuseppe Provinzano ricorda le criticità dell’azienda sanitaria provinciale: “La mancata erogazione del sistema premiante relativo agli anni 2019 e 2020, il mancato riconoscimento delle progressioni economiche orizzontali relative all’anno 2020 al personale avente diritto, che ancora dopo quasi 10 mesi aspettano la pubblicazione delle graduatorie e il riconoscimento delle somme spettanti. E ancora, il mancato riconoscimento dei buoni pasto per il personale turnista, così come previsto dalla recente sentenza di Cassazione, e il mancato riconoscimento dell’ indennità di Malattie infettive anche in aggiunta alle altre indennità”. Il Nursind lamenta inoltre “il mancato screening verso tutti gli operatori sanitari vaccinati per Covid-19 attraverso il dosaggio dell’immunoglobulina IgG, specifica anti Sars-Cov-2”.
Da qui il via a una serie di iniziative di protesta e la richiesta di intervento del Prefetto per le procedure di raffreddamento che possano scongiurare lo sciopero. Il Nursind preannuncia assemblee dei lavoratori in orario di servizio presso i vari presidi ospedalieri della provincia che culmineranno con la manifestazione e sit-in nel piazzale antistante la sede dell’Asp il prossimo 27 ottobre.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Buste di veleno per topi a terra alla villetta di Macchitella

Pubblicato

il

Bustine con veleno per topi nella villetta di Macchitella. Sfiorata la tragedia per una famiglia con bambini che si trovava sul posto.Avevano anche il loro cane, un pastore tedesco. A terra vicino alla nota fontanella c’era una bustina che il cane ha ingerito. Solo la tempestiva azione dei proprietari che hanno capito cosa era successi ha evitato al cane la morte.La segnalazione viene dal gruppo Gela Brainstorming che ha reso noto il caso lanciando l’allarme alla popolazione perché in quel guardino, vicino a quella fontanella giocano ogni giorno tanti bambini anche molto piccoli. I genitori li lasciano liberi di giocare e basta una minima distrazione per una tragedia.

Continua a leggere

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Il punto di partenza. Segui su www.radiogelaexpress.it

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Niente royalties per il gasdotto Gela – Malta ma il sindaco non ci sta

Pubblicato

il

Via libera da Roma per il gasdotto Malta-Sicilia. Arriva così alle fasi finali un iter che, a maggio, aveva subito un’accelerazione con la firma del decreto di compatibilità ambientale da parte dei ministri Roberto Cingolani e Dario Franceschini. Il governo italiano, dunque, si è espresso a favore della realizzazione di un’opera del valore di oltre 200 milioni necessaria ad assecondare i bisogni energetici dell’Isola dei Cavalieri. Il gasdotto collegherà Delimara, a sud di Malta, a Gela. Alla luce della normativa attualmente vigente in materia, però, così come per il progetto Argo Cassiopea, ancora una volta il Comune non ha diritto a misure compensative quali le royalties. In sintesi: non ci guadagna nulla, e il Sindaco Lucio Greco proprio non ci sta.
“Tutti passano da Gela e usufruiscono delle nostre risorse, – afferma – ma noi non abbiamo diritto a vederci riconosciuti, per questi servizi, delle somme che potremmo reinvestire sul territorio, per apportarvi benefici tramite la promozione, la valorizzazione e le opere di risanamento ambientale. Sia chiaro che non lo accettiamo e non lo accetteremo mai. Non è possibile che l’Ente non tragga alcun profitto dalla presenza di reti e strutture tanto importanti, e abbiamo intenzione di rivendicare questo diritto. Sul fatto che, ad oggi, non siano previste royalties, Palermo e Roma devono passarsi una mano sulla coscienza e trovare un’intesa, cambiando le carte in tavolo. Lo devono fare a tutela del nostro territorio e come segno di vicinanza e rispetto ad esso, che, come sempre, si presta e si mette generosamente a disposizione. Chiediamo, dunque, l’istituzione di un tavolo ad hoc, per confrontarci in primis con la Regione e avanzare esplicitamente le nostre richieste al Presidente Nello Musumeci e all’assessore Daniela Baglieri. Non staremo alla finestra, semplici spettatori di questo indecoroso spettacolo”.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852