Seguici su:

Lotta alla pandemia

Ospedale: verso la creazione dell’area grigia

Pubblicato

il

L’ospedale di Gela di nuovo in confusione. Riattivato il reparto covid dove confluiscono pazienti dai comuni limitrofi e perfino da Caltanissetta, i pochi posti disponibili sono occupati se si considera anche il reparto di malattie infettive. Stante alla tabella di aggiornamento fornita ieri si parla di 22 posti letto occupati per casi di contagio più i sei in rianimazione. Ventotto per una popolazione di 72.000 abitanti e si grida all’allarme. In effetti la situazione generale crea la confusione a prescindere ed a questo si aggiunge la positività di taluni medici vaccinati che non possono più prestare la loro opera. Per questo la direzione generale ha deciso di creare la zona grigia

La decisione nasce dall’esigenza di dare una risposta agli utenti che non possono accedere al momento ai reparti, dove sono stati temporaneamente sospesi i ricoveri per la presenza di un malato, ricoverato per altre patologie, risultato positivo al tampone dopo che quello in ingresso era risultato negativo.  L’area grigia ha la finalità di dare risposte ai pazienti destinati all’area medica per la quale chiedono assistenza, in attesa che i reparti interessati riprendano la piena operatività dopo l’esito dei tamponi e le eventuali misure che saranno adottate. Nel caso specifico l’area grigia riguarda il reparto di medicina che tradizionalmente è stato trasformato in reparto covid per il quale necessita un ripristino. In fase di completamento anche il pronto soccorso infettivologico dedicato esclusivamente alle malattie che presuppongono contagio.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lotta alla pandemia

“Io sono la vite e voi i tralci”

Pubblicato

il

Rubrica di ispirazione cattolica

Dal Vangelo (Gv 15,1-8): In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me.

Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

«Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia,e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto».

Si potrebbe dire che questo agricoltore taglia sempre, a prescindere dal fatto che la vite porti o non porti frutto! Dal punto di vista esteriore è così.

Cambia tutto, invece, se si considerano le conseguenze del taglio: c’è un taglio che porta alla morte del ramo e un taglio che porta a un frutto più abbondante.

La vita è fatta inesorabilmente di “tagli”, in cui perdiamo a volte ciò che abbiamo di più caro: dai familiari agli amici, dalla salute al lavoro… Ma nel vangelo di oggi Gesù ci vuole aiutare a capire che ci dovremmo preoccupare non tanto del rischio che arrivino dei “tagli” – anche perché non possiamo fare nulla per evitarli! – ma della nostra capacità di mettere in campo la fede quando i tagli arrivano. Ciò che fa la differenza è la nostra FEDE IN GESù!

Se, infatti, abbiamo fede e rimaniamo uniti a Gesù, come il tralcio alla vite, ogni taglio diviene una “potatura” che porterà frutti di amore, letizia e pace. Chi si fida di Gesù sa bene che «tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio» (Rm 8,28) e che “non perdiamo ciò che amiamo in Colui che non si può perdere”, come insegnava sant’Agostino.

È la logica della Pasqua, per cui ciò che sembra una perdita diviene un guadagno e ciò che sembra una disgrazia diviene una grazia più grande. Tutti i “santi”, cioè gli amici di Gesù, hanno vissuto in questa logica. 

Ciò che conta, ciò che è davvero “vitale”, è mantenersi ancorati a Cristo e la via migliore per farlo è la santissima Eucaristia, ricevuta tanto più spesso possiamo. Gesù, infatti, ha detto: «Colui che mangia me vivrà per me» (Gv 6,57)

don Francesco Pedrazzi

https://www.google.com/recaptcha/api2/anchor?ar=1&k=6LcTjA0oAAAAALgqpdBLp8qam8wvilzFA0CeKdMl&co=aHR0cHM6Ly93d3cuc2FudmluY2Vuem9kZXBhb2xpcGFsZXJtby5pdDo0NDM.&hl=it&v=V6_85qpc2Xf2sbe3xTnRte7m&size=normal&cb=kjd3wqcou67bInvia

Continua a leggere

Lotta alla pandemia

Scendono del 21,47% i nuovi positivi al Covid-19

Pubblicato

il

Palermo – Anche questa settimana i dati sono confortanti. Sono scesi del 21,47% i nuovi positivi al Covid-19, rispetto a sette giorni fa, con un’incidenza di 6 casi ogni 100.000 abitanti.

Palermo è la provincia che ha fatto segnare il numero maggiore, 100, quasi un terzo del totale regionale, seguita da Siracusa e Caltanissetta. Tutti i dati di quest’ultima rilevazione sono contenuti nel nuovo bollettino settimanale redatto dal Dasoe, il dipartimento Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato regionale della Salute.

Continua a leggere

Lotta alla pandemia

Covid: in Sicilia 7 casi su 100.000 abitanti

Pubblicato

il

Palermo – Prosegue la discesa delle infezioni da Covid-19 in Sicilia. Nella settimana dal 26 giugno al 2 luglio il sistema sanitario regionale ha registrato 358 nuovi casi di positività al virus, con un lieve decremento rispetto ai sette giorni precedenti (-3,76%). L’incidenza media nella regione si attesta a 7 casi su 100.000 abitanti. Tutti i dati di quest’ultima rilevazione sono contenuti nel nuovo bollettino settimanale redatto dal Dasoe, il dipartimento Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato regionale della Salute.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852