Seguici su:

La parola della domenica

Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica a cura di Totò Sauna


Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’ uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. 
Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. 
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri». Gv 13,31-33a.34-35


Gli ultimi capitoli del Vangelo di Giovanni vengono chiamato il Testamento di Gesù Cristo. Proprio negli ultimi capitoli, Gesù fa tutta una serie di raccomandazioni ai suoi discepoli e a noi, che non troviamo negli altre vangeli. Giovanni conosceva bene i vangeli di Matteo, Luca e Marco, avendo scritto il suo vangelo qualche decennio dopo i tre. Quindi, cerca di sottolineare aspetti e parole che non sono state sviluppate nei primi tre vangeli. Cosa preme molto a Gesù negli ultimi attimi della sua vita? Sa che quelli sono i suoi ultimi attimi passati con i suoi discepoli. Sa che quelle sono le sue ultime parole. Deve misurarle, deve cogliere il centro. Va dritto dritto alla questione. Non può correre il rischio che qualcuno non capisca o qualcuno tergiversi le sue parole. Quindi,non parla per parabole, come invece aveva fatto prima, ma va dritto dritto al cuore. Punta su una cosa. Ti vuoi salvare? Vuoi conquistare il Paradiso ? Vuoi stare alla mia destra? Devi amare il fratello che ti sta vicino. Il fratello che hai accanto. Senza se e senza ma. Sic et sempliciter. Con lamore che, provenendo da Cristo, può riempire il nostro cuore per poi defluire verso il cuore degli altri. Non ci sono categorie esonerate. Non ci sono sconti. Vogliamo seguire Cristo? Dobbiamo amare il fratello. Si, proprio quello antipatico, quello che è odioso, quello che straparla, quello che ci ha tagliato la strada, quello che ci sparla. Si lui. Perché, continua Gesù, vi riconosceranno da questo amore. Guardate come è rivoluzionario Cristo. Non dice che ci riconosceranno e diventeremo cristiani da quanti tesori, da quante processioni, da quante messe, da quanti rosari accumuleremo Ci riconosceranno semplicemente se amiamo il nostro fratello. Da quanto amore semineremo durante la nostra vita terrena. Basta. Non aggiunge altro. Me ne vado in crisi. Si, in crisi. Perché vedete , lo confesso, non sempre ci riesco. Sono lontano da queste parole. Ma so che sono vere. So, che solo amando conquisto la felicità. Ogni volta che non ci riesco, vado via amareggiato. Nervoso, vorrei spaccare il mondo e non trovo la pace. Poi, mi rifugio nella preghiera, nel dialogo con Cristo e piano piano risplende la serenità. Posso continuare cosi? Posso continuare ad avere questa Fede con il sali e scendi? Il Signore è sempre là , fermo che ci aspetta, fino a quando diventeremo maturi. Si perché amare è dare tutto se stesso allaltro. Amare vuol dire fare vuoto dentro di me e di te e riempirlo dellaltro. Ho sempre avuto lidea dellamore come se fossimo, io e laltro mio fratello da amare, due giare, vi ricordate quelle della festa di Cana? Due giare. Se ciascuna giara, che rappresenta ciascuno di noi, è piena fino allorlo, come può un liquido di una essere travasata nellaltra? Impossibile. Stiamo cosi in questo momento. Ognuno di noi è pieno di se. Con le proprie idee, i propri pensieri, le proprie ragioni, i propri orgogli , il proprio io. E non vogliamo retrocedere di un passo. Caschi il mondo, ma io non cedo. Ogni giorno vedo i leader di questa assurda guerra imbruttita dallodio. Le giare piene. Siamo le giare piene. Non vogliamo che qualcuno venga a mettere altro liquido dentro di noi. Venga a mettere se stesso. Stiamo bene cosi. Non abbiamo bisogno di nessuno. Gesù , invece, non la pensa cosi. Anzi. Ci dice vuoi diventare un cristiano? Ama il tuo fratello. Cioè svuota te stesso, manda via il liquido che riempiva la tua giara e fai entrare il liquido dellaltra giara, fai entrare in te tuo fratello. Ascoltalo. Amalo. Iniziamo a fare trascorrere amore dalluna allaltra giara. Travasati. Un pò di liquido mio e un po del tuo. Per farlo dobbiamo svuotarci. Mettere da parte tutto e fare entrare il fratello e diventare una cosa sola. Come dirà Giovanni nel capitolo 17 del suo vangelo. Ecco il miracolo: diventare una cosa sola. Ecco la Chiesa viva e vera. E come facciamo a svuotarci? Con la preghiera. Con il Rosario, con la frequentazione della Messa, con la meditazione silenziosa. Amando.
Buona Domenica
Totò Sauna

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La parola della domenica

La trasfigurazione è il segno della bellezza di Cristo

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica

Dal Vangelo secondo Marco (Mt 9, 2-10)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Come ogni anno, la 2^domenica di quaresima,dopo la meditazione sulle tentazioni di Gesù nel deserto, viene riportata la pagina della trasfigurazione di Nostro Signore Gesù Cristo.
Perché questo evento è importante?
Dio è come se volesse offrire un segno visibile di ciò che sarà il dono, il premio a chi avrà perseverato fino alla fine.
Riprendiamo la 2^ lettura:”Chi condannerà? Cristo Gesù è morto, anzi è risorto, sta alla destra di Dio e intercede per noi!”
Questa parola “Cristo è risorto” è la centralità della nostra fede.
Come vi ripeto spesso: “La fede è il passaggio dal credere in Gesù al Cristo”.
Non basta vivere la fede solo credendo che Gesù sia esistito. Bisogna viverlo come il senso centrale della vita.
La trasfigurazione è il segno della bellezza di Cristo.
La parola del vangelo:”Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!».
Il termine “ascoltare” che già abbiamo sentito domenica del Battesimo di Gesù, significa:”Non solo udire ma mettere in pratica ciò che Lui dice”.
L’uomo è chiamato ad un cammino e mi piace riportare i versetti del vangelo:” Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia».
L’eucarestia che celebriamo è il segno della bellezza di Cristo, poi bisogna comunicarla.
Don Tonino Bello scriveva: “Se l’eucarestia non porta una forza prorompente che cambia il mondo, che dà la voglia dell’inedito, allora sono eucarestia che non dicono niente”.
La trasfigurazione ci stimola a cercare.
Domenica scorsa ai piccoli ricordavo la favola di Biancaneve. Oggi, invece, vi ricordo quella di Pollicino e le sue famose briciole per non perdersi nel bosco.
Dio ci lascia dei segni per seguirlo.
Ai più grandi invece ricordo un pensiero di Paul Heyse:”Non basta credere (che Dio esiste) per essere buoni, il diavolo di sicuro non è ateo”.
Non confondete il venire a Messa quando ci sono funerali o trigesimi, dicendo che lo fate per fede. Venite per l’uomo e non Dio, anzi venite per farvi vedere dall’uomo.

Continua a leggere

Attualità

Domani allerta gialla a Gela

Pubblicato

il

Allerta gialla sul territorio di Gela. Dopo una lunga parentesi di sole, in Sicilia come a Gela, è di nuovo allerta meteo.

Per domani sono previste piogge sul settore occidentale e, in parte, su quello centrale.

La Protezione civile regionale ha diramato un’allerta meteo gialla proprio sulle zone più a rischio.

Continua a leggere

La parola della domenica

Gesù, tentato da satana, è servito dagli angeli

Pubblicato

il

Rubrica di ispirazione cattolica

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 1,12-15

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo»


Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e vi rimase quaranta giorni, tentato da Satana. La tentazione? Una scelta tra due amori, scegliere la stella polare. Le tentazioni non si evitano, si attraversano.
Gesù inizia dal deserto: dalla sete, dalla solitudine, dal silenzio delle interminabili notti. “Que sueno el de la vita: sobre aquel abiso petreo!” Che sogno quello della vita e sopra quale abisso di pietre (Miguel de Unamuno).
In questo luogo simbolico Gesù gioca la partita decisiva, quale vita sognare e vivere. Che Messia sarà? Venuto per prendere, salire, comandare, oppure per scendere, avvicinarsi, donare? Quale volto di Dio annuncerà?
La prima lettura racconta di un Dio che inventa l’arcobaleno, questo abbraccio lucente tra cielo e terra; che fa alleanza – mai revocata e irrevocabile- con ogni essere che vive in ogni carne. Questo Dio non ti lascerà mai. Tu lo puoi lasciare, ma lui no, non ti lascerà mai.
L’arcobaleno, lanciato tra cielo e terra, dopo quaranta giorni di navigazione nel diluvio, prende nuove radici nel deserto, nei quaranta giorni di Gesù. Ne intravvedo i colori nelle parole: stava con le fiere e gli angeli lo servivano. Gesù lavora, nel deserto, all’armonia perduta e anche l’infinito si allinea. E nulla che faccia più paura.
Quelle fiere selvatiche che Gesù incontra, sono anche il simbolo delle nostre parti oscure, gli spazi d’ombra che ci abitano, ciò che non mi permette di essere completamente libero o felice, che mi rallenta, che mi spaventa, che non fiorisce: quelle bestie che un giorno ci hanno graffiato, sbranato, artigliato.
Gesù stava con loro… Impariamo con lui a stare lì, a guardarle in faccia, a nominarle, a far pace con loro. Non le devi né ignorare né temere, non le devi neppure uccidere, ma dar loro un nome, che è come conoscerle, e poi dare loro una direzione: sono la tua parte di caos, ma chi ti sospinge a incontrarle è lo Spirito Santo.
Dio mi raggiunge attraverso la mia debolezza, entra nei miei punti deboli e non i miei punti forti, e la mia parte malata diventa il punto di incontro con il guaritore.
Forse mai i miei problemi saranno del tutto guariti, ma in realtà sono io che devo essere guarito, e sarò maturo quando saprò avviare percorsi, iniziare processi, incalzato dal vento dello Spirito. “L’uomo non è ne angelo né bestia, ma una corda tesa tra i due. E quando vuole essere angelo diventa bestia” (Pascal). Anche il viaggio più lungo comincia dal primo passo.
Dopo che Giovanni fu arrestato Gesù andò nella Galilea proclamando il vangelo di Dio. E diceva: il Regno di Dio è vicino. Proclama Dio come una “bella notizia”. Non era ovvio per niente. Non tutta la bibbia è vangelo; alle volte è minaccia e ingiunzione. Ma la caratteristica originale del rabbi di Nazaret è annunciare vangelo, che equivale a confortare la vita: Dio si è fatto vicino, è un alleato amabile, un abbraccio, un arcobaleno. Questo è l’annuncio che corre lungo le rive del lago di Galilea: Dio è vicino a
te con amore. Padre Ermes Ronchi

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852