Seguici su:

Lo Scrivo al...

Virologi contro virologi, storici contro storici: il punto di vista dello psichiatra dott. Franco Lauria

Pubblicato

il

Si è scatenata la lotta per accaparrarsi la credibilità. E l’autorità. In ogni campo del sapere nulla è più certo e nessuno è creduto. Sembra di vivere nel caos e nella confusione. La gente è smarrita e disorientata. Fior fiore di scienziati con tanto di curriculum e fasci di carte si scontrano contro altrettanti scienziati titolati. Anche gli storici non scherzano. E così non siamo più certi del nostro passato perché ognuno ce lo racconta in maniera diversa. E tutti sono certissimi che l’altro è in errore, spesso in buona fede, ma a volte anche in malafede. 

Il vaccino è l’unica arma che abbiamo contro il Covid, si grida da una parte. Il vaccino ci controlla e ci uccide, si ribatte dall’altra. Una babele che riemerge dal vecchio testamento. Forse Dio vuole nuovamente confondere gli uomini perché troppo arroganti e presuntuosi? O semplicemente punirli per la loro fede ormai tiepida e scolorita? La crisi dell’autorità si porta dietro la crisi della credibilità. Ed ognuno vede nell’altro un bugiardo e un impostore da combattere con ogni mezzo lecito e qualche volta anche meno lecito. Smarrimento, confusione, disorientamento, delusione.

L’uomo moderno è sempre più in crisi. La politica sta peggio della scienza. I politici senza ideologia e senza anima rincorrono giornalmente l’audience per accrescere la popolarità e guadagnare qualche punto. Se non accetti quello che dico io sei: maschilista, sessista, fobico dicono le femministe, ma soprattutto gli lgbtq. Se non sei di sinistra sei fascista dicono altri per squalificare con un taglio netto e un colpo basso gli avversari politici. Guai se ti becchi l’accusa di essere fascista o sessista. Sei finito. Insomma una lotta all’ultimo sangue per afferrare e tenersi stretta la bandiera dell’autorità credibile. Che altro non è se non una nuova versione, aggiornata, rivista e corretta della lotta per il potere. 

La crisi dell’Occidente è sotto i nostri occhi sgomenti. Più la scienza va avanti e più aumentano le incertezze e le insicurezze. Un paradosso da cui non sappiamo come uscire. La scienza promette comodità e godimento, ma provoca insicurezza e fragilità. Eppure viviamo nell’epoca del trionfo della scienza che nessuno osa mettere in dubbio. La scienza ha preso il posto della religione che a sua volta aveva preso il posto della magia. Il Vaccino ha preso il posto dell’Acqua Santa. Lo scienziato ha preso il posto del vescovo. Le facoltà scientifiche sfornano laureati che trovano lavoro subito e a stipendi più alti, le facoltà umanistiche sfornano disoccupati e sottoccupati precari a vita con stipendi da fame. Il trionfo della scienza è sotto gli occhi di tutti. Criticare la scienza è il nuovo sacrilegio e non bestemmiare Dio. Se vuoi essere credibile devi avere la scienza dalla tua parte e non Dio o la religione. La scienza manda in soffitta Dio e lo mette  fra le cianfrusaglie del passato che non usiamo più. La religione sa di vecchio e di stantio.

La scienza fa moderni e titolati. Ma anche la scienza è divisa e spaccata, anche gli  scienziati sono in guerra fra di loro. E gli storici? Insomma la resistenza fu o non fu una pagina gloriosa ? E Garibaldi, fu un eroe o un venduto agli inglesi? Per adesso mi sa che convive tutto. Siamo in piena contraddizione. E non poteva essere diversamente.  Nietzscheche aveva visto giusto alla fine dell’ottocento con il pazzo che annunciava la morte di Dio nella sua Gaia scienza. Dopo la sua morte si è scatenata la lotta per occupare il posto lasciato vacante da Dio e dai suoi ministri. Tutti sono in pole position. Pronti per la partenza, ognuno vuole arrivare primo e vincere la gara. La posta in palio non è da poco. Il potere, la gestione del potere, attraverso il possesso dell’autorità e della credibilità. L’uomo moderno ateo e edonista ha  creato la scienza che sostituisce la religione e l’etica ormai smorte e asfittiche. E chi gestirà la Tecnica, a lui andrà il potere, l’autorità e la credibilità. Dio e i suoi sacerdoti sono  fuori gioco e loro lo sanno.
Dott.  Franco Lauria

Advertisement
clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Scrivo al...

La Scienza come Religione: il punto di vita dello psichiatra dott. Franco Lauria

Pubblicato

il

La nuova religione del postcapitalismo, dopo la morte di Dio annunciata da Nietzsche nella Gaia Scienza a fine 800, è la scienza. Cos’è la Scienza? Razionalità. La razionalità esclude l’ affettività e l’irrazionalità che invece costituiscono la specificità della razza umana. Senza emozioni e senza un pizzico di irrazionalità, l’uomo si ammala e muore. Si estingue. Non è più Uomo, ma un malato infelice. Eppure c’è ancora chi dice: più scienza, più ragione. No! Io dico meno Scienza e più sentimento. Meno scienza e più irrazionalità. La felicità è irrazionale, la gioia è irrazionale.

Nessuna scienza mai ci potrà dare felicità e gioia. Forse la Religione si. Le religioni tradizionali avevano capito questa verità e la applicavano. Oggi in assenza di Dio, l’uomo si aggrappa disperatamente alla sua scienza, cioè a se stesso, alla sua logica aristotelica, ai suoi ragionamenti, alla sua Tecnica. Non gli rimane altro. Invece dobbiamo recuperare tutto il mondo dell’irrazionalità che è creatività, follia, trasformazione, crescita, arricchimento spirituale. Senza questo legame fra i due mondi, la ragione si  inaridisce, si ammala. E l’uomo diventa infelice, debole, fragile e muore. Senza le relazioni umane, senza il contatto fisico, senza sentimenti, senza sensi( olfatto, gusto, tatto, vista) cosa rimane dell’uomo moderno? Solo la ragione.

Ma la ragione si appoggia sulla non-ragione. Cresce solo se si mantiene in contatto prolifico con l’irrazionale. Si mantiene in salute solo dialogando con il suo contrario, l’irrazionalità. Ed insieme fanno l’uomo. Ora l’uomo moderno ha la pretesa di estirpare dalla propria natura sentimento e irrazionalità, affidandosi totalmente alla ragione-scienza-tecnica. Niente di più sbagliato. La razionalità da sola mai ci potrà dare quello che ci dà l’irrazionalità, la poesia, la letteratura, il canto, il ballo, la musica, la pittura, il teatro. Questo è il mondo umanistico che valorizzava l’irrazionalità, la spiritualità. Questo mondo oggi è sotto attacco da parte della razionalità apatica ed abulica che ci sta inducendo all’angoscia esistenziale provocata dal vuoto lasciato dopo la morte di Dio e dei valori tradizionali. 

Cosi l’uomo moderno non disponendo più di strumenti antiangoscia si aggrappa alla Scienza come ultimo e definitivo salvataggio. E la scienza gli fornisce gli psicofarmaci al posto della Fede, al posto di Dio. E la scienza gli fornisce la droga al posto di Dio. E la scienza gli fornisce la ludopatia al posto di Dio. Non mi sembra un buon affare. Ed allora? Allora più religione e più sentimento. Più affetto e più relazioni umane. Più poesia e più musica, più danza e più letteratura.

Dott. Franco Lauria 

Continua a leggere

Lo Scrivo al...

Afganistan: droga e capitalismo. Il punto di vista dello psichiatra dott. Franco Lauria

Pubblicato

il

La droga è la fonte economica principale dei talebani. E noi italiani siamo, dopo gli inglesi, il paese che consuma più droga in Europa. Ora la tossicodipendenza è il nuovo male, la nuova patologia mentale dell’Occidente, la colpa non è della droga o dei talebani, ma del capitalismo che rende gli esseri umani vuoti, apatici, inutili e consumatori edonisti e narcisisti.

Non prendiamocela con i talebani, prendiamocela con il nostro modello di sviluppo. I talebani si sono inseriti nel business che fa da supporto economico alla loro visione teocratica, fondamentalista e integralista della vita. E se le cose stanno così non è per niente facile lottare contro i talebani che gestiscono il 90% del mercato internazionale dell’oppio. Che non è solo la base della droga, ma anche dei farmaci antidolorifici e antitossigeni.

Quindi sala operatoria e terapia del dolore. E psicofarmaci. L’Occidente dipende dall’oppio afgano, anche per ragioni mediche oltre che per la tossicodipendenza. Più capitalismo uguale più infelicità che comporta più tossicodipendenza ai fini della sopportazione del vuoto angosciante, provocato da uno sviluppo senza progresso, senza dignità e senza senso. Noi ci siamo concentrati sullo scontro di civiltà, convinti di essere i migliori. Di stare dalla parte giusta. Padroni della Tecnica e della Scienza abbiamo snobbato come medioevali coloro che credono ancora in un Dio, sia esso cristiano o musulmano. Li abbiamo derisi. Ci siamo posti nei loro confronti come un faro storico che guarda verso lo sviluppo e la civiltà mentre loro sono stati presentati come il male assoluto.

Ci siamo inventati la guerra santa per giustificare le nostre aggressioni presentate come operazioni di pace finalizzate ad esportare democrazia e civiltà quando erano e sono solo aggressioni imperialiste e globaliste finalizzate ad imporre il nostro modello di sviluppo, il nostro stile di vita e rubando loro ogni ricchezza naturale possibile, dal petrolio al gas ai minerali. E usandoli poi come discarica a cielo aperto dei rifiuti  dell’Occidente. Per fare questo abbiamo corrotto i loro governanti, abbiamo usato il denaro come sterco del diavolo per rubare le coscienze di mezzo mondo. Non ci sono scuse per i talebani fondamentalisti, integralisti e teocratici. Ognuno si assuma la sua responsabilità ad ogni livello. La nostra mentalità europea ed eurocentrica ha distrutto per sempre la civiltà dei nativi americani, ed ha tentato di ripetere lo stesso film in altre parti del mondo: Africa, Asia e medioriente.

Sino ad un certo punto ci è andata bene.  Siamo stati i gendarmi del mondo. Ma ora siamo in crisi. L’Europa non è più da tempo ormai l’ombelico del mondo. Prima gli americani e ora i cinesi sono i nuovi padroni del mondo. I talebani sono diversi da noi, sono estremisti, e sono responsabili del modo disumano di trattare donne e bambini. Ma noi non siamo santi. Non siamo i migliori. Non siamo il bene. Piuttosto dobbiamo riflettere sul nostro modello di sviluppo, sulle sue storture, sulla diffusione delle polidipendenze patologiche. E cercare una via migliore e anticapitalistica dell’esistenza umana sulla  Terra.
Dott. Franco Lauria 

Continua a leggere

Lo Scrivo al...

Più forza esterna, meno forza interna: il punto di vista dello psichiatra dott. Franco Lauria

Pubblicato

il

L’uomo del passato disponeva solo dei suoi muscoli come fonte energetica. La Tecnica non era ancora sviluppata, gli utensili erano semplici e grezzi e per realizzare cose doveva costruirsele da solo con le sue mani e la sua intelligenza. Esercitando mani e mente sopportava dispiaceri e frustrazioni enormi per puro spirito di sopravvivenza. Così fortificava il carattere oltre che il fisico. Molti morivano, i più deboli, ma coloro che sopravvivevano, i più forti, avevano fiducia in sé stessi e in Dio.

Con il passare dei millenni l’uomo costruisce macchine che diventano fonti esterne di energia. Così riesce a fare cose complesse in minore tempo e con l’intervento di un numero ridotto di persone. Questo processo dura migliaia di anni, perlomeno dai 10 mila anni A.C. in poi. E le macchine forniscono fonti energetiche che fanno la vita più comoda e civile. L’uomo usa sempre meno i muscoli e sempre più la mente. Ma ad un certo punto questo processo virtuoso tocca un limite, una soglia, oltre la quale gli svantaggi cominciano ad essere troppi. L’uomo moderno paga un prezzo sempre più alto al progresso. Gli inconvenienti del progresso ed i suoi effetti collaterali si ritorcono contro l’uomo stesso. Il processo avviato all’insegna della razionalità efficiente non può essere fermato.

L’uomo moderno esperisce la frustrazione della dipendenza dalle macchine da lui stesso create.  E sopravvive grazie ad esse. I suoi muscoli sono sempre più deboli. Il suo fisico è sempre più debole. Il suo sistema immunitario è sempre più debole. Grazie al denaro e alle macchine però continua ad imporsi sulla Natura. E grazie ai farmaci, alla sala operatoria,  alla chimica, ai vaccini, prolunga la durata della vita, anzi ne raddoppia la durata.

Ma non  migliora la qualità della vita. La qualità della vita era si migliorata, ma ora sembra avere toccato un punto di non ritorno. Troppa tecnica esterna finisce con l’avvizzire il corpo, lo indebolisce. Troppa tecnica esterna impone una fretta mai conosciuta. In un corpo con un sistema immunitario sempre più debole. L’uomo è sempre più dipendente dalle macchine create da lui per essere al suo servizio ed invece adesso sembra che il rapporto si sia ribaltato. L’uomo è al servizio delle macchine.

Le fonti energetiche adesso sono fuori di lui. E l’uomo moderno è poca cosa rispetto a loro. Frustrazione, rabbia, dipendenza, passività. Perdita del senso della vita. La condizione esistenziale dell’uomo moderno è sempre più insoddisfacente e problematica.

Dott. Franco Lauria

Continua a leggere

Più letti

Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852