Seguici su:

La parola della domenica

…il bambino le sussultò nel grembo

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica a cura di Totò Sauna

Lc 1,39-56

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. 
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto». In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.

 Il Vangelo di  Luca si  sofferma sulla nascita di Gesù. Vengono esaltati due momenti o meglio due figure. La prima ci riguarda di persona e coinvolge la nostra Fede. Questo Vangelo può essere considerato un racconto. Un buon inizio. Una buona trama. Una donna , anzi promessa sposa ad un fabbro, resta incinta.  Oggi già è uno scandalo, pensate a quei tempi. Sarebbe potuto diventare un bel film, un bel libro. Quante battuttacce abbiamo raccolto su questo argomento. Cosa fa la differenza tra noi e le battute sciocche ? La nostra Fede. Noi crediamo a Gesù Cristo. La grande differenza sta in questo. Noi abbiamo sperimentato nella nostra vita la venuta di Gesù. Ci sono continue ricerche per collocare storicamente Gesù. In effetti, oggi non si hanno più dubbi sulla presenza storica di Gesù. Gli scritti di Qmran e le ricerche archeologiche danno conferma. Ma è la nostra Fede a dare concretezza alla nascita del Cristo. Io e te fratello o sorella eravamo sbattuti come le canne al vento. Vivevamo come tanti zombie in balia degli eventi. Se oggi piove sono triste, se oggi c’è il sole sono allegro , oggi è presente il collega antipatico non mi va niente. Canne al vento. Da tutti i punti di vista. Abbiamo come tutti cercato qualcosa di solido, di sicuro, di eterno, qualcosa che riempisse il nostro cuore, qualcosa che ci faccia andare al di là di questa vita. Se tutto non ha senso, non una meta, che senso hanno i nostri giorni? Può la vita essere un accumulare ricchezze per gli altri perché comunque lasceremo questa terra? Può essere solo un accumulare preoccupazioni  e crisi? Allora, è venuto Cristo nella nostra vita e tutto e cambiato. Ha dato colore e gioia a tutto. E’ venuto cosi? Sic et sempliciter. No, assolutamente no. Abbiamo fatto un periodo di deserto, cosi chiamato un periodo di riflessione, ci siamo interrogati, abbiamo fatto esperienza di Cristo,abbiamo avuto cadute, ma anche la forza di rialzarci. Abbiamo fatto silenzio. Dentro di noi. Abbiamo ascoltato il nostro cuore. La nostra mente e piano  piano Gesù è nato dentro di noi. Cosa bellissima. E dimora dentro di noi e vive dentro di noi e noi lo testimoniamo, come ? Con la nostra vita. Dovunque e sempre, ed in ogni ambito. Ecco la vera nascita. Ecco, è venuto Gesù. Se poi sia avvenuto, come ci racconta Luca, noi con la Fede ci crediamo. Non ci sono dubbi. Lasciamo spazio a chi, a volte, ci considera ingenui. Ci crediamo perché Cristo è dentro di noi. E’ con noi sempre. Qual è il momento cruciale? Il nostro Si. Il Si di Maria. Da lì cambia tutto e siamo così felici che vogliamo raccontarlo. Come fa Maria ad Elisabetta. E’ il Si di Maria che cambia la nostra vita. Maria è la base della nostra vita. Da duemila anni. Senza di lei, non ci saremmo noi. La seconda figura è quella di Giuseppe. Appare poco nel Vangelo . Lo troviamo in questo brano, in Matteo avrà qualche riga in più, poi si eclissa. Lo vediamo di rado . Non si trova sotto la croce come Maria. Gli evangelisti ci raccontano poco di lui. Ma quello che abbiamo ci basta per capire una cosa importantissima, Giuseppe è l’uomo di Fede. Per eccellenza. Per antonomasia. All’inizio della storia ha qualche dubbio umano. Prevale in lui il sentimento di ciascuno di noi. Ma, poi, nella notte ascolta Dio. Fa l’incontro di Dio. Giuseppe è uno di noi, di me e di voi lettori del Gazzettino,  che fa l’esperienza di Dio. E una volta incontrato Gesù, tutto ha un nuovo significato, tutto è chiaro. Prima tutto era triste, voleva allontanare in silenzio Maria. Poi, tutto diventa luce. Tutto si trasforma, tutto si riempie di bellezza, di gioia. Accetta la storia che Dio vuole fare con lui e Maria. Senza dubbi. Senza perplessità. Si abbandona completamente a Dio e diventa San Giuseppe. Uomo di fede. Silenzioso. Umile. In obbedienza. Un esempio per noi, pronti sempre a prendercela con il Signore. Vorremmo un Dio a nostra immagine e somiglianza. Pronto ad esaudire ogni nostro desiderio. Prendiamo esempio da San Giuseppe. Uomo di Dio

Buona Domenica  

Totò Sauna

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La parola della domenica

L’ira di Dio…

Pubblicato

il

Da Vangelo (Gv 2,13-25): Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà».

Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.

Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

«Non fate della casa del Padre mio un mercato!»Rev. D. Lluís RAVENTÓS i Artés(Tarragona, Spagna)

Oggi, si avvicina la pasqua dei Giudei, ed è successo un fatto insolito nel tempio. Gesù ha cacciato dal tempio il bestiame dei mercanti, ha rovesciato i tavoli dei cambisti e ha detto ai venditori di colombe: «Portate via da qui queste cose e non fate della casa di mio Padre un mercato» (Gv 2,16). E mentre i vitelli e gli arieti correvano per la spianata, i discepoli hanno scoperto un nuovo aspetto dell’anima di Gesù: la gelosia per la casa di suo Padre, per il tempio di Dio.

Il tempio di Dio diventato un mercato! Che barbarie! Dovette cominciare poco a poco. Qualche pastore che saliva per vendere un agnello, una vecchietta che voleva guadagnare qualche moneta vendendo piccioni…, e il globo fu crescendo. Tanto che l’autore del Cantico dei cantici invocava: «Pigliateci le volpi, le volpicine che guastano le vigne, poiché le nostre vigne sono in fiore!» (Cant 2,15). Però chi faceva caso? La spianata del tempio era come un mercato in un giorno di fiera.

—Anch’io sono tempio di Dio. Se non veglio le volpicine, l’orgoglio, la ricchezza, la gola, l’invidia e le tante maschere dell’egoismo, filtrano dentro deteriorandolo tutto. Perciò il Signore ci mette sull’avviso: «Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!». Perché il desiderio non invada la coscienza. «L’incapacità di riconoscere la colpevolezza è la maniera più pericolosa di un inimmaginabile riempimento spirituale, perché fa migliorare l’incapacità delle persone» (Benedetto XVI).

Vegliare? —Cerco di farlo ogni notte. Ho offeso qualcuno? Sono rette le mie intenzioni? Sono disposto a compiere sempre e pienamente la volontà di Dio? Ho ammesso qualche attitudine che dispiaccia al Signore? Però a quest’ora, sono stanco e il sogno mi supera.

—Gesù tu mi conosci a fondo, tu che sai molto bene cosa c’è nell’intimo di ogni uomo, fammi conoscere le colpe, dammi la forza, e un po di questo tuo zelo per cacciare fuori dal tempio tutto quello che mi allontani da te

Continua a leggere

La parola della domenica

La trasfigurazione è il segno della bellezza di Cristo

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica

Dal Vangelo secondo Marco (Mt 9, 2-10)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Come ogni anno, la 2^domenica di quaresima,dopo la meditazione sulle tentazioni di Gesù nel deserto, viene riportata la pagina della trasfigurazione di Nostro Signore Gesù Cristo.
Perché questo evento è importante?
Dio è come se volesse offrire un segno visibile di ciò che sarà il dono, il premio a chi avrà perseverato fino alla fine.
Riprendiamo la 2^ lettura:”Chi condannerà? Cristo Gesù è morto, anzi è risorto, sta alla destra di Dio e intercede per noi!”
Questa parola “Cristo è risorto” è la centralità della nostra fede.
Come vi ripeto spesso: “La fede è il passaggio dal credere in Gesù al Cristo”.
Non basta vivere la fede solo credendo che Gesù sia esistito. Bisogna viverlo come il senso centrale della vita.
La trasfigurazione è il segno della bellezza di Cristo.
La parola del vangelo:”Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!».
Il termine “ascoltare” che già abbiamo sentito domenica del Battesimo di Gesù, significa:”Non solo udire ma mettere in pratica ciò che Lui dice”.
L’uomo è chiamato ad un cammino e mi piace riportare i versetti del vangelo:” Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia».
L’eucarestia che celebriamo è il segno della bellezza di Cristo, poi bisogna comunicarla.
Don Tonino Bello scriveva: “Se l’eucarestia non porta una forza prorompente che cambia il mondo, che dà la voglia dell’inedito, allora sono eucarestia che non dicono niente”.
La trasfigurazione ci stimola a cercare.
Domenica scorsa ai piccoli ricordavo la favola di Biancaneve. Oggi, invece, vi ricordo quella di Pollicino e le sue famose briciole per non perdersi nel bosco.
Dio ci lascia dei segni per seguirlo.
Ai più grandi invece ricordo un pensiero di Paul Heyse:”Non basta credere (che Dio esiste) per essere buoni, il diavolo di sicuro non è ateo”.
Non confondete il venire a Messa quando ci sono funerali o trigesimi, dicendo che lo fate per fede. Venite per l’uomo e non Dio, anzi venite per farvi vedere dall’uomo.

Continua a leggere

Attualità

Domani allerta gialla a Gela

Pubblicato

il

Allerta gialla sul territorio di Gela. Dopo una lunga parentesi di sole, in Sicilia come a Gela, è di nuovo allerta meteo.

Per domani sono previste piogge sul settore occidentale e, in parte, su quello centrale.

La Protezione civile regionale ha diramato un’allerta meteo gialla proprio sulle zone più a rischio.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852