Seguici su:

Attualità

A Delia viene ridotta la tassa sui rifiuti

Pubblicato

il

DELIA. “Nel 2022 abbiamo ripreso a ridurre la tassa sui rifiuti (Tari) per le utenze domestiche, così come fatto dal 2014 al 2020.

“Tutti noi dobbiamo ricordare che nel 2013 avevamo ereditato la tassa sui rifiuti ridotto tra le più alte a livello regionale ma da subito l’Amministrazione Bancheri ha cominciato ad alleggerire il tributo sui cittadini in maniera graduale e costante e dal 2014 al 2020 la tassa è stata ridotta del 47 per cento (!!!) diventando di fatto la tassa più bassa della provincia di Caltanissetta e tra le più basse a livello regionale” ha commentato il primo cittadino di Delia.

Nel 2021 l’Ente ha dovuto praticare un lieve aumento della tassa a causa del blocco dei conferimenti dell’umido che di fatto ha portato ad un aumento dei costi dei noli verso le piattaforme autorizzate e per la messa in sicurezza di una discarica gestita dal Comune di Delia negli anni 2000, mai bonificata, per la quale il Comune di Caltanissetta, proprietario dell’area, ha ufficialmente chiesto uno studio sulla salubrità ambientale.

“Come promesso-ha aggiunto il Sindaco Bancheri- nel 2022 la riduzione della tassa sui rifiuti (Tari) ha continuato ad essere posta in essere: per le utenze domestiche con quattro compenti un ulteriore 5% in meno; per le utenze domestiche con 5 o 6 componenti la riduzione arriva anche al 12-15%!!!.Riduzione, ripeto, che va sommata a quella praticata costantemente dal 2014 al 2020. In poche parole ciò significa che, “a saldo”, le utenze domestiche pagheranno sempre meno”.

“E’ l’ennesimo risultato raggiunto dalla mia Amministrazione – ha proseguito il sindaco – un risultato impensabile nel 2013 e tuttora impensabile per quasi tutti i Comuni della Regione Siciliana. La nostra è la politica del bene-stare cioè dello stare bene come comunità e questi risultati ne sono la dimostrazione tangibile”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Ministero della Difesa ed Eni consolidano accordo per la sicurezza del Paese

Pubblicato

il

Ol Ministro della Difesa, Guido Crosetto, e l’Amministratore Delegato di Eni,Claudio
Descalzi, hanno siglato a Roma un Protocollo d’Intesa. L’accordo consolida la collaborazione strategica su security e valutazione dei rischi attraverso la condivisione di esperienze e informazioni, che possano integrare le reciproche
competenze acquisite nelle diverse aree geopolitiche di comune interesse.
In quest’ambito sono inclusi gli scenari relativi alla protezione delle infrastrutture e i siti di importanza strategica per gli interessi nazionali, le attività congiunte di assistenza alle comunità locali, la
promozione della cultura dell’innovazione, con particolare attenzione alle nuove tecnologie e anche agli aspetti organizzativi, formativi e addestrativi.


“La firma di oggi segna un passaggio significativo e consolida la sinergia che c’è da sempre, econtinuerà ad esserci, tra il Ministero della Difesa e l’Eni. Ho voluto fortemente questo accordo che
ci impegnerà in progetti strategici per la sicurezza e l’innovazione. Questa partnership riflette l’impegno condiviso per la Difesa nazionale e il benessere delle comunità locali. Il nostro obiettivo è
costruire un futuro sicuro e innovativo per l’Italia”. Così il Ministro della Difesa Guido Crosetto.
L’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi commenta “L’accordo odierno rafforza lacooperazione già in essere e conferma l’importanza della collaborazione tra pubblico e privato quale efficace strumento di gestione dei rischi a tutela delle attività strategiche e delle iniziative
economiche e industriali nazionali. Come Eni lavoriamo per la sicurezza energetica italiana, abbiamo importanti obiettivi comuni e per questo dobbiamo fare squadra e lavorare insieme per il Paese”.

Continua a leggere

Attualità

Annullato il concorso dei forestali

Pubblicato

il

Tutto da rifare. Il concorso per l’assunzione di 46 agenti forestali, il cui esito aveva sollevato più di un sospetto, verrà annullato. Lo ha annunciato il presidente della Regione Sicilia, Renato Schifani, dopo avere ricevuto la relazione degli ispettori che nominati a novembre. Il concorso aveva visto come vincitore il figlio dell’ex capo della Forestale, Giovanni Salerno. Andato in pensione prima dello svolgimento del concorso, era stato però lo stesso Salerno a nominare il presidente della commissione esaminatrice prima del pensionamento. Al figlio dell’ex dirigente, Alessio Maria Salerno, erano state attribuite come esatte tutte e 60 le domande a risposta multipla del concorso, sebbene una avesse solo opzioni sbagliate. Il quesito era sul numero di deputati all’Assemblea Regionale: le opzioni erano “60, 90, 120” ma all’Ars siedono 70 deputati. Un esito quindi che aveva destato più d un sospetto e che aveva portato il presidente Schifani a istituire il collegio di ispettori: “Il dirigente generale del comando del Corpo forestale dell’epoca, infatti, avrebbe dovuto astenersi dal nominare il presidente della commissione di concorso, trovandosi in conflitto di interessi”, questo emerge dalla relazione sottoscritta dal collegio ispettivo della Regione. Una relazione che è stata già trasmessa al dirigente generale del dipartimento regionale della Funzione pubblica per l’annullamento della prova.

 È stata accertata dal collegio ispettivo nominato dal presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, l’illegittimità degli atti della procedura concorsuale per l’assunzione di 46 agenti forestali. Già ai primi di novembre, a seguito di alcune notizie giornalistiche, la presidenza della Regione si è immediatamente attivata per l’accertamento dei fatti, coinvolgendo i vertici delle strutture amministrative regionali. Il collegio, formato dal segretario generale, dall’avvocato generale e dal suo vice, ha concluso oggi i lavori. Dall’ampia relazione presentata al presidente della Regione emerge che “il dirigente generale del comando del Corpo forestale dell’epoca, infatti, avrebbe dovuto astenersi dal nominare il presidente della commissione di concorso, trovandosi in conflitto di interessi”, afferma una nota della Regione.
    Tale principio ha trovato conferma nella giurisprudenza amministrativa del Tar Sicilia e del Consiglio di giustizia amministrativa.
    La relazione è stata già trasmessa al dirigente generale del dipartimento regionale della Funzione pubblica per i consequenziali adempimenti di legge e l’adozione dei provvedimenti in autotutela. Secondo alcune indiscrezioni, primo classificato al concorso sarebbe il figlio dell’ex dirigente generale del corpo Forestale fino a febbraio 2023. Sarebbe stato proprio quest’ultimo a scegliere i componenti della commissione giudicante del concorso a cui hanno partecipato oltre 20 mila candidati.
    “Rincresce per i tanti giovani che con sacrificio hanno partecipato alle prova del concorso – dice Schifani – ma l’annullamento degli atti, come indicato dal collegio ispettivo e in sintonia con la giurisprudenza amministrativa, è a questo punto l’unica soluzione percorribile per ripristinare la legalità violata e consentire una partecipazione, con pari opportunità, a tutti i concorrenti. Sono certo che in poco tempo saranno selezionati i migliori”. (ANSA).
   

Continua a leggere

Attualità

Alla scoperta del borgo di Santa Caterina Villarmosa

Pubblicato

il


Caltanissetta- Un sabato di inizio dicembre, un piccolo borgo dell’entroterra siciliano e la magia di attraversarne le strade e le piazze sotto il sole tiepido e i primi profumi del Natale.

Così il Fai immagina l’evento che si svolgerà tra le vie del borgo di Santa Caterina Villarmosa il prossimo 9 dicembre.


Per scoprire e raccontare una delle più belle storie di riscatto e coraggio femminile della seconda metà del ‘900: quella delle ricamatrici di Santa Caterina e delle trine siciliane.


Un viaggio tra monumenti ed opere d’arte attraverso un itinerario guidato da Apprendisti Ciceroni ed un palazzo comunale che per un giorno si trasforma ad accogliere turisti e cittadini.


Il piano terra del Palazzo Comunale ospiterà un’esposizione di ricami e lavorazioni artistiche.
Al primo piano dello stesso si terrà per l’intera giornata un workshop di ricamo e tessitura con la
partecipazione degli artisti Giovanna Seminatore e Simone Mezzatesta e il contributo delle ricamatrici Maria la Monica, Maria Frattallone, Maria Pastorello, Rosetta Presti e Maria Grandeppiero.


La sala consiliare al 2° piano alle 11 si riempirà delle voci dell’incontro dibattito dal titolo ‘L’arte del ricamo’. Il valore di una comunità. Aperto dai saluti del sindaco Giuseppe Ippolito e moderato dalla Delegata FAI Rosa Gangi, l’incontro vedrà sul palco numerosi protagonisti.


Fiorella Falci, giornalista e Delegata FAI Cultura per la provincia di Caltanissetta;
Dafne Anastasi, sindacalista; Guia Risari, scrittrice e autrice del libro Il filo della speranza;
Anne Clemence de Grolée, artista francese;
Giovanna Seminatore, artista e titolare del laboratorio 8MANItessuti; Piero Di Pasquale, titolare della start-up MANIMAworld.


La poetessa Antonella La Monica.
Saranno inoltre presenti Pina ed Orsola Rotondo, figlie della ricamatrice Filippa Pantano, fondatrice
della cooperativa La Rosa Rossa.


Tante voci per raccontare una storia della nostra terra. Una festa di paese con la musica dei bambini dell’Istituto Comprensivo Statale Santa Caterina Resuttano e gli artisti locali Maria Carmela Salamone, Claudio Liotta ed Erika Calabrese.


Ed i mercatini di Natale, che un po’ di magia natalizia rende sempre tutto più bello.
L’evento, patrocinato dal Comune di Santa Caterina Villarmosa, si terrà sabato 9 dicembre dalle 10 alle 16.

Sarà poi l’occasione per rivivere i momenti migliori di questo anno che sta per concludersi e dare qualche anticipazione sulle iniziative in cantiere per quello venturo.
L’appuntamento è presso il Palazzo Comunale del borgo.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852