Seguici su:

Flash news

Allenamenti possibili, ma manca il campo. L’incredibile storia del Volley Gela

Pubblicato

il

Come accade per le categorie sportive d’interesse nazionale, le società iscritte al campionato di Serie C di pallavolo potrebbero allenarsi in attesa della partenza del torneo. Anche in zona rossa. Ma per il Volley Gela il problema non si pone: la squadra allenata da Giacomo Tandurella, infatti, non ha una palestra nella quale svolgere le proprie sessioni d’allenamento. Con il PalaCossiga chiuso da tempo immemore e il PalaLivatino oggetto del restyling curato dalla Meic Services, aggiudicataria del bando promosso dall’ex provincia, soltanto una palestra scolastica potrebbe accogliere la società gelese, sulla scia di quanto accaduto negli ultimi anni. Ma le scuole sono chiuse, le lezioni proseguono in Dad e per questioni di sicurezza non sarà per nulla facile – né adesso, né alla ripresa delle lezioni in presenza – ottenere l’utilizzo di una palestra.

Una situazione che rasenta il paradosso. La Fipav ha comunicato ufficialmente due giorni fa il rinvio dei campionati al prossimo 7 marzo, una data comunque incerta e da valutare di volta in volta alla luce della situazione epidemiologica. Per le giovani giocatrici del Volley Gela, che hanno disputato il primo mese di preparazione atletica (tra settembre e ottobre) al PalaItis di Piano Notaro, la prospettiva di un anno tutto in salita non soltanto a causa dell’emergenza pandemica, ma anche per l’indisponibilità di strutture sportive efficienti e sicure. Uno dei tanti problemi di questa città, mai risolto nonostante gli sforzi e i sacrifici di tante squadre locali e dei loro dirigenti e atleti.

Lo spiraglio però c’è. È in corso nelle ultime ore un’interlocuzione tra il Volley Gela e il dott. Maurizio Melfa, ad della Meic Services, sempre sensibile alle tematiche sportive: nel caso in cui la struttura di Marchitello dovesse essere pronta per l’eventuale inizio del campionato, il Volley Gela potrebbe usufruirne.

(Nella foto, la squadra del Volley Gela in un’immagine di qualche stagione fa)

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Pericolo incendi alla macchia mediterranea: «L’amministrazione intervenga» 

Pubblicato

il

Arriva il caldo e torna il pericolo incendi. Nei giorni scorsi ha preso fuoco un tratto della macchia mediterranea nei pressi del lungomare: è il comitato di quartiere di Ospizio marino a segnalare la necessità di intervenire sull’erba incolta, per preservare roghi ben più gravi di quello già registrato e tutelare sia la bellezza del litorale che l’incolumità pubblica.

«Abbiamo anche inviato delle pec all’amministrazione comunale – dice Emanuele Sacco, in rappresentanza del comitato di quartiere –, bisogna provvedere al più presto per evitare guai peggiori. Come comitato di quartiere, assicuriamo all’amministrazione la nostra collaborazione per qualsiasi iniziativa volta a preservare la bellezza del nostro territorio».

Continua a leggere

Attualità

Macchitella, gli atleti dell’Ecoplast volley ripuliscono l’area del tensostatico  

Pubblicato

il

Niente allenamenti, ma un pomeriggio dedicato alla pulizia del luogo concentrandosi sui concetti di bene comune e promozione del territorio. È stata l’iniziativa promossa dalla dirigenza dell’Ecoplast volley Gela rivolta agli atleti del settore giovanile, di età compresa fra 13 e 18 anni. I ragazzi, guidati dai loro tecnici e dirigenti, hanno ripulito le aree d’ingresso del tensostatico di Macchitella raccogliendo un sacco colmo di spazzatura.

Un segnale, certo, ma importante per sottolineare la valenza educativa dello sport e della pratica sportiva, insieme al fondamentale concetto dell’amore e tutela del proprio territorio. La società presieduta da Giovanni Blanco, di concerto con l’azienda Ecoplast che sostiene il progetto sportivo, ribadisce la propria attenzione anche all’aspetto sociale della propria “missione” formativa. 

Continua a leggere

Cronaca

Controlli anti-covid, ispettori della Polizia Municipale minacciati a Niscemi: cinque nei guai

Pubblicato

il

Citazione a giudizio per cinque niscemesi, accusati di minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale. E’ quanto stabilito dalla Procura di Gela. In particolare, gli Ispettori del Comando di Polizia Municipale di Niscemi, durante l’espletamento di un controllo effettuato al Bar Ferrari, mirato al rispetto dell’orario di chiusura degli esercizi commerciali disposto dalla normativa anti-Covid, furono attorniati e minacciati dagli imputati, con fare intimidatorio, al fine di fargli omettere un atto del loro ufficio e offendendo in presenza di più persone, l’onore e il prestigio degli ispettori.Gli esiti delle indagini dirette dalla Procura della Repubblica saranno sottoposte al vaglio del Giudice del Tribunale di Gela.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852
Informazioni Pubblicitarie