Seguici su:

Flash news

All’esecutivo regionale Uil focus su Argo e Cassiopea e appalti Eni per indotto

Pubblicato

il

“L’avvio e la realizzazione del progetto Enimed Argo-Cassiopea a Gela sono cruciali per assicurare sviluppo e lavoro al nostro territorio, assicurare il rilancio produttivo del settore in Sicilia e affrontare i nodi degli approvvigionamenti di gas nel Paese. Uil e Uiltec sono impegnate nel confronto costante con azienda e istituzioni politiche. Collaborazione e sinergia devono essere punti di riferimento per tutti nel fondamentale percorso verso la transizione energetica, il cambiamento, il rilancio”. Lo ha dichiarato oggi Maurizio Castania, esponente della Uil Area Vasta Palermo-Siracusa-Ragusa-Gela, intervenendo nel corso dell’Esecutivo confederale Uil Sicilia alla presenza del segretario generale Claudio Barone e della segretaria regionale organizzativa con delega all’Area Vasta, Luisella Lionti.

Castania ha ricordato il positivo, recente, incontro con l’amministrazione comunale sulla questione delle autorizzazioni a Enimed. “Non entriamo nel merito delle prescrizioni richieste a Enimed ma sia chiaro – ha detto l’esponente sindacale – che riteniamo irrinunciabile la costruzione della centrale a gas nell’area della Raffineria di Gela, per un investimento di circa 700 milioni di euro e tre anni di lavoro. Un’autentica boccata di ossigeno per i comparti edili, metalmeccanici ed elettrostrumentali a Gela ma non solo. Nessuno, inoltre, può sottovalutare quanto Argo-Cassiopea possa contribuire alla stabilizzazione territoriale del comparto garantendo lavoratrici e lavoratori, anche dell’indotto”. Castania ha concluso sottolineando “la massima attenzione di Uil e Uiltec sull’ormai imminente apertura di gare d’appalto e rinnovi contrattuali nelle società Eni per l’indotto”. “Eventuali passaggi aziendali – ha aggiunto – sono sempre delicati, vanno salvaguardati diritti e livelli occupazionali. Noi saremo sempre vigili accanto a lavoratrici e lavoratori, saremo sempre pronti a collaborare con gli imprenditori che rispettano norme e contratti collettivi”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash news

Rogo alla villa confiscata alla mafia:il sindaco stigmatizza il silenzio della politica

Pubblicato

il

Rogo alla villa confiscata alla mafia: in città non se ne parla.Come se non fosse accaduto nulla. Non ne parla la politica. Per il sindaco Lucio Greco questo silenzio é pesante come un macigno.

“Mi dispiace dover constatare come l’attentato incendiario ai danni della villa confiscata alla mafia e destinata, per fini sociali, all’associazione onlus “Casa Rosetta”, sia stato ignorato da quasi la totalità della classe politica gelese. Non mi sembra, questo, un bel modo di iniziare la nuova competizione elettorale” – esordisce il primo cittadino in una sua nota in cui evidenzia che “la classe politica non può ignorare che la nostra è una città ad alto rischio e non può lanciare il messaggio che certi problemi non riguardano la nostra funzione”.

“In questi giorni di frenetiche consultazioni- sottolinea il primo cittadino- di tutto si è parlato, ma di questo grave episodio, nessuno ha fatto sentire la propria opinione e il proprio sostegno alle forze dell’ordine e alla magistratura. Ci si è comportati, insomma, come se ci trovassimo di fronte a un fatto di ordinaria delinquenza e non invece di fronte ad un fatto inquietante ed emblematico di una certa cultura che spetta a noi respingere e combattere”.

“Non riuscire a cogliere certi preoccupanti segnali di manifesta illegalità, equivale a lanciare messaggi di totale sfiducia nelle istituzioni. Lo Stato c’è e ha dimostrato di esserci; spetta alla politica dimostrare di essere al suo fianco, nella convinzione che certe battaglie si vincono se si marcia tutti dalla stessa parte. Su tutto possiamo dividerci, ma non su questo”- conclude

Continua a leggere

Flash news

Lombardo chiama a raccolta gli autonomisti nisseni a villa Peretti

Pubblicato

il

Rappresentanza e partecipazione politica.Le sfide per il futuro: questo tema è stato dato alla conferenza programmatica del Movimento per l’autonomia nel Nisseno. Il leader degli autonomisti Raffaele Lombardo ha voluto che l’incontro si tenesse a Gela.

Appuntamento sabato 9 marzo alle 16.30 a villa Peretti con amministratori, consiglieri comunali, segretari di partito, sindacalisti. Cosa ci si aspetta da Lombardo? Che giri le carte, sgomberi il campo da ogni ambiguità e indichi ai suoi la via da seguire alla luce del sole per le prossime Amministrative.

Continua a leggere

Cucina

Lo chef Totò Catania propone: L’uovo dello chef versione seconda

Pubblicato

il

Si fa presto a fare un uovo al tegamino, ma a volte basta davvero qualche piccolo accorgimento per trasformare una pietanza ordinaria in qualcosa di straordinario. Partiamo da un paio di spicchi di aglio schiacciati in un tegame per fare insaporire dell’olio. Dopo apposito sfrigolamento tuffate degli spinaci freschi ben lavati ed asciugati, aggiungete un pizzico di sale e fate appassire le foglie col calore vivace, sono sufficienti due o tre minuti.

Strizzate per benino gli spinaci, tritateli a coltello e incorporateli a della freschissima ricotta di bufala, condite ancora con un pizzico di sale, una macinata di pepe nero ed una bella grattugiata di noce moscata. Passiamo all’uovo. In un tegamino facciamo fondere una noce di burro, tuffiamo l’uovo e saliamo leggermente. Con l’ausilio di una sache-a-poche sull’albume che si inizia a rapprendere create dei cerchi attorno al tuorlo con il composto di ricotta e spinaci in modo da ricoprire tutto l’albume. È preferibile tenere la fiamma bassa.

A questo punto spolverate con della tuma persa, formaggio pregiato di cui abbiamo parlato in più occasioni, in alternativa anche del parmigiano reggiano grattugiato va benissimo. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere appena un minuto. Il risultato che vogliamo ottenere è un albume perfettamente cotto, leggermente colorito, ed un tuorlo ancora liquido. Lontano dal fuoco una bella grattugiata di tartufo nero. E poi dicono che l’uovo al tegamino è un piatto banale…

Chef Totò Catania

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852