Seguici su:

Politica

Corrao su Avviso 22: “subito indagine sull’ uso dei fondi UE”

Pubblicato

il


Bruxelles
. “L’Avviso 22 ha calpestato i sogni e i diritti di oltre 1700 giovani in Sicilia e dimostrato come i fondi UE per l’inserimento lavorativo vengano in realtà usati per lo sfruttamento lavorativo. Un sistema diabolico. La Commissione avvii immediatamente un’indagine sull’uso dei fondi UE che garantiscono manodopera a costo zero senza alcuna tutela dei diritti dei giovani”. Così commenta Ignazio Corrao l’europarlamentare del gruppo Greens EFA i risultati dell’Avviso 22 denunciati da un’inchiesta del Fatto Quotidiano e dall’associazione che raggruppa i giovani stagisti beneficiari della Misura. 

“La misura “Avviso 22” – spiega Corrao –  emanata dalla Regione Siciliana e finanziata con il FSE 14-20 a partire dal 2018, per un totale di 30 milioni di euro, doveva favorire l’ingresso nel mondo del lavoro con l’obiettivo dell’assunzione. E invece solo 170 su 1700 sono stati assunti dalle aziende dopo il tirocinio, circa il 10%”.  

“Un risultato pessimo – sottolinea ancora l’eurodeputato siciliano – che è dovuto al meccanismo perverso per cui il datore non spende un euro per il tirocinio, dunque non ha alcun incentivo a investire nella formazione. Ma dipende anche dall’uso indiscriminato di molteplici bandi similari (Garanzia Giovani 2, Avviso 33, PNRR) che di fatto assicurano continua manodopera a costo zero alle aziende, determinando di fatto lo sfruttamento lavorativo dei giovani. Un sistema diabolico che ho denunciato alla Commissione UE, alla quale ho chiesto di avviare un’indagine sull’uso distorto del FSE. Gli stessi fondi che dovrebbero garantire l’occupazione stabile, in realtà favoriscono lo sfruttamento lavorativo dei giovani, che da mesi aspettano ancora l’indennità dalla Regione” – conclude Corrao

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash news

Franzone snobba l’appello all’unità lanciato da Di Stefano

Pubblicato

il

L’appello lanciato sabato da Terenziano Di Stefano agli altri due candidati di area Miguel Donegani e Filippo Franzone non ha sortito effetto.

Franzone non ha perso tempo a rispondere e non perché chi tace acconsente. Non acconsente affatto. Il candidato civico puro non rinuncia a dare ai gelesi l’opportunità di scegliere tra chi come lui ha le mani libere e chi ha una storia politica che ne compromette la credibilità, tra chi è ricco di parole e povero di soluzioni e chi come lui delle istanze della gente si è sempre interessato e sa cosa va fatto.

Filippo Franzone continuerà la sua campagna elettorale nei quartieri e al comitato elettorale per gli incontri sul programma. Una sola pausa ieri: la torta in famiglia per festeggiare i suoi 53 anni.

Continua a leggere

Flash news

Si è dimesso il coordinatore provinciale della Lega

Pubblicato

il

Un messaggio di poche righe inviato al commissario regionale sen.Claudio Durigon: Loreto Ognibene ha rassegnato le sue missioni da commissario della Lega nella provincia di Caltanissetta.

Non ci sono spiegazioni sui motivi delle dimissioni nella scarna lettera inviata al luogotenente di Salvini in Sicilia. Ma quello che è avvenuto è sotto gli occhi di tutti.A Gela in particolare c’è stato lo strappo a seguito del sostegno a Grazia Cosentino voluto da Ennio di Pietro e Emanuele Alabiso mentre Spata non era d’accordo e il commissario provinciale non sembra abbia potuto avere voce in capitolo nonostante fosse stato nominato meno di un anno fa per gestire le fasi delle elezioni nel Nisseno. Quello che si percepisce è che la Lega nel Nisseno sarà collegata all’on. Sammartino.

Continua a leggere

Flash news

Di Paola:”assurdo che il PD non sostenga i nostri candidati”

Pubblicato

il

“Condivido quanto affermato oggi dal presidente Giuseppe Conte. Noi appoggiamo quasi dappertutto sindaci uscenti del Pd, ma il Pd non appoggia nessuno dei nostri. Un esempio per tutti? Caltanissetta, dove non c’è ancora l’appoggio per il nostro sindaco uscente Roberto Gambino. È incredibile che a Gela saremo insieme a sostegno dello stesso sindaco e a Caltanissetta, grosso capoluogo di provincia, il Pd non metta nemmeno il simbolo a sostegno di nessun candidato. Stessa storia anche a Castelvetrano, dove corre il nostro sindaco uscente Enzo Alfano senza l’appoggio del Pd. E tutto questo mentre noi negli anni passati abbiamo sempre appoggiato loro proposte. Se la destra continuerà a vincere nei comuni, i siciliani che sperano nell’agognato cambiamento sapranno chi dovranno ringraziare”.

Lo afferma il coordinatore regionale M5S per la Sicilia, Nuccio Di Paola.

C’è da dire che a Gela l’appoggio del PD ad un candidato civico cioè Terenziano scelto da Di Paola è arrivato solo ieri dopo un mese di travaglio ed un dirigente del PD Miguel Donegani si è candidato in contrapposizione

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852