Seguici su:

Politica

Formazione: Chinnici (Pd Sicilia), governo annulli in autotutela assunzioni al Cefpas

Pubblicato

il


Palermo – Intraprendere un’azione ispettiva e annullare in autotutela le procedure di assunzione avviate dal Cefpas il 31/12/2023 a causa di forti dubbi di legittimità. Sono queste le richieste principali avanzate dall’onorevole Valentina Chinnici al Governo Schifani, attraverso un’interrogazione parlamentare di cui è prima firmataria e sottoscritta da tutti i deputati del Partito democratico siciliano.


“Assunzioni – spiega – effettuate in pieno agosto, ripescando una delibera la cui applicazione era stata sospesa in autotutela dall’Ente stesso”.
“Nella relazione prot. n. 20056 del 07.06.2023 – si legge nel documento – il dirigente del Servizio 5 Dasoe, oltre a confermare le pesanti criticità gestionali e i dubbi di legittimità sugli atti adottati, ribadisce che il Cefpas è ‘Ente pubblico regionale, dotato di personalità giuridica, che svolge una funzione complementare rispetto alle competenze dell’Assessorato…’ e che in quanto tale non può essere destinatario di norme speciali, anche in materia di reclutamento del personale, destinate alle aziende sanitarie”.


“Nella stessa relazione – continua l’interrogazione – si confermano i dubbi di legittimità su attività e procedure adottate nonché, in particolare, sulle assunzioni effettuate ai sensi del regolamento dell’ente”.
“Appare singolare – argomenta Chinnici nell’atto – come il Dipartimento regionale per la pianificazione strategica, che dovrebbe svolgere funzioni di organo di controllo, a fronte delle molteplici criticità gestionali e dubbi di legittimità che emergono dagli atti istruttori acquisiti in risposta ad accesso agli atti con nota DPS prot. 42244 del 26.07.2023, abbia invece rimesso alla discrezionalità del direttore dello stesso Ente le valutazioni sulla conferma o sulla revoca dei provvedimenti da egli stesso adottati.

Questa la risposta del Cefpas:

“In riferimento agli articoli di stampa usciti negli ultimi giorni, relativi all’interrogazione parlamentare di cui è prima firmataria l’On. Valentina Chinnici, si rappresenta che, contrariamente a quanto è stato riportato da alcuni organi di stampa, al CEFPAS “nessuna assunzione è stata portata a termine a ridosso di ferragosto” tantomeno alcun contratto di lavoro è stato “firmato a ridosso di ferragosto”.

La delibera adottata lo scorso 4 agosto conclude il procedimento amministrativo avviato con delibera del 31 dicembre 2022 MAI sospesa in autotutela (contrariamente a quanto erroneamente riportato). La delibera del 4 agosto si limita ad approvare le graduatorie relative alle selezioni avviate in esecuzione alla delibera del dicembre 2022 e i cui esiti erano già stati pubblicati nel sito dell’ente il 19 gennaio 2023

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Damante su Ponte: “Salvini smentito dal Ministero”

Pubblicato

il

Palermo – Il Movimento 5 stelle strenuamente contro il ponte perché all’opposizione. “Salvini dovrà rassegnarsi perché, stando alle analisi proprio del suo Ministero, molte delle navi che dovrebbero transitare nello Stretto non potrebbero farlo perché troppo alte”, è quanto scrive in una nota la senatrice M5S in commissione Bilancio Ketty Damante.

“Ancora una volta – aggiunge -, assistiamo a pressappochismo, improvvisazione e mancanza di visione per un’opera che doveva essere il fiore all’occhiello del Ministro Salvini e che, invece, dimostra essere una volta di più propaganda buona solo per le elezioni”.

“Navi da crociera, portacontainer alte più di 65 metri – prosegue – sarebbero impossibilitate a passare nello Stretto e ci chiediamo a questo punto come sia stato realizzato il progetto dell’opera pubblica più cara voluta da questo governo”.

“Salvini si rassegni, persino il suo Ministero rema contro mettendo nero su bianco che questo ponte non s’ha da fare. Investa, piuttosto, risorse ed energie in progetti più concreti e utili per i cittadini”, conclude Damante

Continua a leggere

Cronaca

Sequestrato carburante non conforme in 2 impianti a Gela e Niscemi

Pubblicato

il

Nell’ambito di un servizio volto al contrasto delle frodi nel settore delle accise e delle altre imposte indirette sulla produzione e sui consumi, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caltanissetta, unitamente a funzionari dell’Agenzia delle Dogane -ADM, in base a quanto stabilito dal Protocollo d’intesa dell’ aprile 2023 che sancisce rapporti di collaborazione tra la due Istituzioni, hanno sequestrato 22.412 litri di gasolio non conforme alla normativa, pronto per essere immesso in consumo da due impianti di distribuzione a Gela e Niscemi. 

Gli accertamenti hanno confermato la non conformità del carburante. In particolare, il punto di infiammabilità del gasolio, che non deve essere inferiore a 55°C in modo da minimizzare il rischio della formazione di miscele infiammabili nei depositi di stoccaggio, è risultato inferiore ai 40°.

 Durante la   campagna di controlli, che ha visto la partecipazione dei militari del Gruppo di Gela e dei funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Porto Empedocle, sono stati controllati  operatori che presentavano  significativi alert di rischio in relazione alle fenomenologie di illecito più diffuse, quali, ad esempio, la miscelazione abusiva di prodotti energetici, al fine di scongiurare la circolazione di carburante adulterato con solventi ovvero mescolato con oli vegetali esausti a danno di automobilisti e autotrasportatori.

Le operazioni si sono svolte tramite il prelievo speditivo di campioni dell’idrocarburo presente nei serbatoi, volto ad accertarne il punto di infiammabilità: per garantire la tempestività del controllo, ci si è avvalsi del supporto del Laboratorio Mobile e del Laboratorio Chimico di Palermo dell’Agenzia delle Dogane, grazie ai quali è stato possibile determinare immediatamente tutte le specifiche fiscali, le caratteristiche merceologiche e ambientali del prodotto prelevato.È emerso subito che quel carburante non era in regola 

Continua a leggere

Flash news

Totò Sammito e Marina Ferrara sosterranno Terenziano Di Stefano

Pubblicato

il

Non tutti gli esponenti di Alleanza per Gela hanno scelto di appoggiare la candidata del centrodestra Grazia Cosentino.

Nella lista Totò Scerra sindaco si distingue la posizione del presidente del consiglio uscente Totò Sammito e dell’avv.Marina Ferrara che hanno deciso di appoggiare Di Stefano. Spiegano così il perchè:

“Abbiamo portato avanti un progetto nel quale abbiamo investito ogni energia, un progetto che trovava il suo centro gravitazionale nel nostro leader, Totò Scerra – dicono Sammito e Ferrara- oggi quella prospettiva è sostituita da una scelta, quella fra i due candidati che hanno conquistato il ballottaggio.Ringraziamo Totò Scerra per avere speso corpo ed anima affinché il nostro comune progetto andasse in porto; nel corso di questa campagna elettorale la già immensa stima nei suoi confronti è esponenzialmente aumentata, insieme all’orgoglio per il risultato raggiunto.Una stima che non muta nemmeno oggi che, nel reciproco rispetto delle rispettive e divergenti decisioni, scegliamo di appoggiare il candidato Terenziano Di Stefano.E’ una scelta determinata da una tanto attenta quanto decisa riflessione politica che, attraverso Terenziano Di Stefano, ci consente di pensare al futuro con la certezza della serenità del confronto politico e democratico.Auguriamo, comunque, a Totò Scerra le gratificazioni che il suo coraggio ed il suo spessore politico meritano”

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852