Seguici su:

Flash_news

Tutti insieme appassionatamente

Pubblicato

il

Praticamente un governo senza opposizione. Un governo dove sono voluti entrare tutti.

Perché?  Perché ci sono 200 miliardi di euro da dividere. Soldi e Potere, insomma.  E così cade anche l’ultima maschera.  Denaro e potere annullano qualsiasi differenza. Non esistono più ideologie, ma nemmeno ideali e nemmeno idee. Si fa tutto quello che sta bene al postcapitalismo liquido delle banche e della Tecnica. 

Si va ad amministrare ciò che altri, i veri ed assoluti padroni, hanno già deciso. Ed arrivano adesso gli amministratori di condominio. Molti, felici di esserlo.

E così PD, FI, 5 stelleIV e Lega, si ritrovano tutti insieme in una brodaglia indistinta a sgomitare, prima io prima io. Nessun senso del ridicolo, nessuna vergogna, nessun pudore. Parole dell’ottocento.

L’uomo nuovo non conosce né etica, né religione. Dopo avere perso le ideologie e gli ideali ha perso anche se stesso. E da schiavo, felice di esserlo, non si inginocchia più davanti a Dio, non fa la guerra per difendere la Patria  e l’indipendenza, no. Si inginocchia davanti al denaro (200 miliardi di euro) e lotta per distruggere l’indipendenza e la Patria. Insomma fa esattamente il contrario di quello che facevano i nostri nonni. L’uomo nuovo è fatto in serie, tutti uguali, tutti omologati, anche i partiti,  perché così il mercato globale funziona meglio. Non ci possono essere differenze, né originalità. La differenza non è prevista, è un’ anomalia di Sistema e va eliminata. I partiti si adeguano. Tutti uguali, sotto le ali protettive e rassicuranti del Grande Fratello (Draghi).

La società nichilista che ha negato Dio, ma anche tutto il mondo delle emozioni, in nome della ragione, si fida ciecamente della Tecnica e delle sue articolazioni: scienza e medicina. I nuovi VIP della TV sono i tecnici che hanno affiancato i politici. I tecnici sono i nuovi sacerdoti della società atea. Non si possono contraddire.

E chi osa anche solo dubitare o criticare è un pericoloso nemico della società e va emarginato e reso innocuo. Affinché il postcapitalismo possa continuare la sua folle corsa verso il nulla. Senza un senso, senza un perché, senza uno scopo, senza amore, ma solo per dominio e controllo. Che deve essere apatico e totale. L’uomo nuovo di Huxley e Orwell.

Dott. Franco Lauria

Continua a leggere
Advertisement
clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

L’ Hub vaccinale al PalaCossiga

Pubblicato

il

Entro pochissimi giorni il PalaCossiga sarà adibito ad Hub vaccinale.

Ieri la Regione ha inserito la nostra struttura tra i 17 nuovi Hub che in Sicilia andranno a rinforzare ospedali e laboratori che, da settimane, costituiscono la dorsale principale di risposta a questa emergenza sanitaria.


L’amministrazione è già al lavoro per rendere il nostro Palazzetto pronto ad accogliere chi vorrà vaccinarsi, in brevissimo tempo. Con il PalaCossiga a regime, contiamo di dare una svolta alla campagna vaccinale anticovid che, purtroppo, anche in città, in queste settimane, ha avuto una brusca frenata nei numeri delle somministrazioni.

Sono consapevole del fatto che, assieme alla speranza, con i vaccini è arrivata anche la paura, amplificata da quei dolorosi eventi avversi che, purtroppo, hanno colpito al cuore anche la nostra città. I dati scientifici, però, confermano che è ancora il Covid il killer da sconfiggere, e il vaccino è l’unica arma a nostra disposizione.


Ecco perché, come Amministrazione Comunale, facciamo nostre le parole del Presidente della Regione, Nello Musumeci: abbiamo il dovere di non lasciarci vincere dalla paura. Oggi più che mai la vaccinazione è l’unica strada efficace per superare questa pandemia.

I numeri dei contagi di questi ultimi giorni prospettano, per la nostra Regione, ancora una volta, l’incubo di una nuova zona rossa. Una chiusura sarebbe letale per l’economia del nostro territorio e non possiamo permettercela.
Vaccinarsi oggi significa tutelare sé stessi e soprattutto le persone più fragili della nostra comunità.

L’assessore alla Salute, Nadia Gnoffo

Continua a leggere

Attualità

Giornata del mare, gli avvistamenti segnalati con l’App. Video

Pubblicato

il

Istituita dal decreto legislativo 3 novembre 2017, n. 229 di Revisione ed integrazione del Codice della nautica da diporto, l’11 aprile ricorre la “giornata del mare e della cultura marinara”, che vede anche la Guardia Costiera impegnata nell’obiettivo di promuovere e sviluppare presso gli istituti scolastici di ogni ordine e grado la cultura del mare intesa come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico, sostenendo la promozione di iniziative volte a diffonderne la conoscenza, nella consapevolezza che la scuola rappresenti il miglior veicolo per educare i giovani anche in tale ambito.

Proteggere il mare e preservare il suo inestimabile patrimonio ambientale, sociale e culturale a beneficio delle nuove generazioni: fedele alla sua missione istituzionale, la Guardia costiera rinnova l’ormai consolidata collaborazione con il Ministero dell’Istruzione con un nuovo protocollo d’intesa che il Ministro Patrizio Bianchi e il Comandante Generale, l’Ammiraglio Giovanni Pettorino hanno siglato lo scorso 9 aprile a Roma.

Diverse le iniziative poste in essere a livello territoriale dalla Guardia Costiera, tra cui i controlli sugli illeciti in materia ambientale perpetrati sul territorio gelese, oltre al lancio a livello nazionale del concorso scolastico dal titolo “La cittadinanza del mare – 2021”, incentrato sul tema della sostenibilità ambientale e dei cambiamenti climatici, giunto ormai alla terza edizione.

Un’importante novità che coinvolge tutti i cittadini: disponibile da oggi la nuova “funzione-avvistamenti” dell’App #PlasticFreeGC – nata nell’ambito dell’omonimo progetto di comunicazione ed educazione ambientale sul contrasto alla dispersione delle microplastiche in mare, lanciato dal Comando generale della Guardia Costiera nel 2019 su diretto mandato dell’allora Ministero dell’Ambiente. Con la nuova funzionalità “avvistamenti”, il cittadino avrà l’opportunità di segnalare in diretta, attraverso il proprio smarthphone, la presenza in mare di particolari specie marine.

Tutte le informazioni confluiranno presso la Centrale operativa nazionale del Comando generale, per essere sottoposte a una verifica di carattere scientifico curata dall’Istituto Tethys Onlus – che si adopera per la conservazione dell’ambiente marino e con il quale la Guardia Costiera ha sottoscritto uno specifico protocollo operativo – e per poi essere condivise con le Istituzioni e con l’intera comunità scientifica.

Infine, In occasione della giornata del mare verrà presentato ufficialmente anche un rinnovato rapporto di collaborazione tra il Comando generale della Guardia Costiera e il Ministero della Cultura, in forza del quale la Guardia Costiera collaborerà con l’Istituto centrale per il patrimonio immateriale, in mirate iniziative per la promozione dei valori legati alla conservazione della memoria sulle tradizioni marittime delle realtà costiere per le quali – oggi come in passato – le Capitanerie di porto rappresentano riferimento imprescindibile nella propria funzione di garante della sicurezza degli usi civili del mare. Ciò, con lo scopo di recuperare e consegnare alle future generazioni quel patrimonio immateriale – rappresentato da tradizioni verbali, racconti legati al mondo del mare, ricordi di pescatori e naviganti – che costituisce identità unitaria e patrimonio collettivo.

Continua a leggere

Attualità

Niente accordo fra Rsu e Asp

Pubblicato

il

Non ha sortito alcun effetto alcun effetto l’incontro fra la Rsu e la direzione dell’Asp. “Definiamo arrogante e assolutamente ingiustificabile – si. legge in una nota – l’atteggiamento assunto in data odierna da parte della direzione generale dell’ASP di Caltanissetta nel corso della delegazione trattante che aveva come ordine del giorno la sottoscrizione definitiva del contratto integrativo aziendale 2016/2018, l’approvazione della piattaforma del contratto integrativo 2019/2021, l’approvazione del regolamento per il conferimento la revoca e graduazione degli incarichi di funzione, il bonus per l’emergenza COVID-19 e i buoni pasto per il personale turnista.


Siamo purtroppo costretti a proferire tali affermazioni perché profondamente delusi (per la seconda
volta) dal comportamento che questa amministrazione riserva alla parte sindacale e alla RSU, perché oggi come allora non soddisfatta della posizione assunta dalla parte sindacale in opposizione alla propria.


Nello specifico abbiamo ritenuto di non sottoscrivere il contratto integrativo aziendale senza avere prima completato la definizione di alcuni istituti. Non siamo vittime dell’ansia da prestazione sottoscrittoria, a differenza di altri, anche se consapevoli dell’importanza di questa firma.
Indispettiti dalla nostra posizione l’Amministrazione come un bambino contrariato al quale sono state
negate le caramelle, ha ritenuto abbandonare il tavolo e il confronto e quindi di non occuparsi di importantissime questioni quali il bonus per l’emergenza COVID-19, la definizione delle procedure per le progressioni orizzontali e dei buoni pasto per personale turnista.


Riteniamo che tali atteggiamenti non possono essere più tollerati perché i lavoratori dell’ASP di
Caltanissetta non meritano tale trattamento hanno il diritto di essere tutelati e salvaguardati e garantiti negli istituti che il Contratto Collettivo gli riconosce.
Pertanto stigmatizziamo l’atteggiamento della Direzione dell’ASP perché assolutamente sprezzante nei
confronti dei propri lavoratori ai quali riserva solo promesse che non riesce a mantenere, dimostrando invero un assoluta mancanza di riconoscenza e di rispetto per tutti loro.


Ed è per dimostrare e rappresentare tutto il nostro rammarico e portare avanti in maniera concreta i
contenuti della nostra contestazione che ci riserviamo di organizzare dei sit in di fronte a tutti i presidi della provincia come segno di protesta nei confronti di un amministrazione assolutamente noncurante nei confronti del proprio personale.


Elaboreremo anche un documento completo puntuale che indirizzeremo all’ assessorato alla salute al
presidente della Regione perché chi ha la responsabilità politica della nostra Regione deve conoscere la reale situazione dell’ASP di Caltanissetta che ad oggi è probabilmente l’unica ASP nella quale dopo il rinnovo contrattuale del 2018 non ha un contratto decentrato.


Questa emergenza ci ha insegnato come sia importante il ruolo di tutti gli operatori sanitari e quale è
stato il grande senso di responsabilità e di abnegazione di questi lavoratori di certo non possiamo dire
altrettanto di questa dirigenza sanitaria.


I Segretari Provinciali RSU Aziendale

Continua a leggere

Più letti

Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852