Seguici su:

Attualità

Gela ha un nuovo sacerdote salesiano. Ordinazione di don Andrea Domenico Palma

Pubblicato

il

Ieri è stato ordinato sacerdote don Andrea Domenico Palma, giovane
salesiano dell’Ispettoria Salesiana Sicula. La celebrazione dell’ordinazione sacerdotale è stata
presieduta da Monsignor Rosario Gisana, Vescovo di Piazza Armerina.

Don Andrea Domenico Palma è nato a Piazza Armerina il 12 aprile del 1990, dove fin da
piccolo ha frequentato l’oratorio delle Figlie di Maria Ausiliatrice, poi in seguito gestito dai
Salesiani Cooperatori Agostino Sella e Cinzia Vella dell’Associazione don Bosco 2000.

«Dopo la cresima – afferma Don Andrea – e aver timbrato il cartellino, mi sono allontanato
dalla fede. Soprattutto mi colpiva che i miei stessi compagni che frequentavano il corso di
catechesi, abbandonavano pian piano la celebrazione domenicale e, sentendomi solo, abbandonai
anche io. Da qui sono iniziati anni in cui ho vissuto una mia fede, un Dio a modo mio, fino a
metterlo da parte».
All’età di 19 anni si riavvicina all’oratorio, e qui sperimenta lo spirito di accoglienza, di
relazione e di famiglia e come ama affermare: «Dio, ha tanta fantasia, e mi ha chiamato così: con un
pallone e la Nutella!»
Percepita la chiamata decide di iniziare un periodo di discernimento con i Salesiani, e
così viene inviato come aspirante nella Casa Salesiana di Ragusa nell’ottobre del 2011, per poi
iniziare il cammino di prenoviziato, nel gennaio 2012 a Catania Salette.

Dopo il primo anno di discernimento, sceglie di vivere l’intenso anno del noviziato, e dal
2012-2013 vive l’esperienza a Genzano di Roma, preparandosi con altri giovani alla prima
professione come Salesiano di Don Bosco, l’8 settembre 2013 nelle mani di don Pascual Chávez
Villanueva, IX successore di don Bosco.

Vive i primi due anni da salesiano presso l’Istituto Salesiano Internazionale “San Tarcisio”,
qui frequenta i corsi di filosofia presso l’Università Pontificia Salesiana, tornando per la esperienze
estive in Sicilia a Pedara (2014) e Palermo Gesù Adolescente (2015).
Nel 2015 rientra in Sicilia, l’Ispettore lo invia come tirocinante presso la casa di Catania
Salette, qui vive la seconda fase della formazione salesiana, sperimentando sempre di più la vita
comunitaria e la missione salesiana.

Dal 2017 al 2020 inizia la terza fase formativa, vivendo a Messina San Tommaso gli studi
della teologia. In questi anni ha dato nuovo impulso alla missione salesiana nel territorio messinese
presso le parrocchie di Madonna della Pace (Villaggio UNRRA) e Sacra Famiglia. Ha ricevuto il
lettorato il 25 aprile 2018 a Riesi, l’accolitato il primo maggio 2019 a Palermo Santa Chiara.
Durante il terzo anno di teologia è stato delegato del MGS (Movimento Giovanile Salesiano) di
Messina. In quest’anno ha emesso la professione perpetua come Salesiano il 20 ottobre 2019 a
Catania Salette, e il 6 giugno 2020 è stato ordinato diacono da Mons. Cesare Di Pietro, Vescovo
Ausiliare di Messina, presso la Cattedrale di Messina. Negli anni degli studi teologici ha vissuto le
esperienze estive nelle case salesiane di Pedara, Marsala e Gela.

Nell’ultimo anno è stato inviato nella Comunità dei diaconi salesiani “San Tommaso”
presso l’Università Pontificia Salesiana a Roma, per il completamento degli studi teologici con
specializzazione in Pastorale Giovanile.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Grosso topo assale bimbo di sei anni in centro storico: le considerazioni della madre ex consigliera

Pubblicato

il

Madre esce dal portone di casa in pieno centro storico con il suo bambino di sei anni e il piccolo viene assalito un topo di “dimensioni mostruose” 

Lo racconta in un post l’ex consigliere comunale Sara Cavallo. L’episodio è avvenuto stamattina. 

“Che amarezza vedere una città degradata priva di pulizia, di derattizzazione dove i cani randagi  fanno da padroni” – commenta Sara Cavallo oggi componente di Fratelli d’Italia.Che aggiunge: ” la paura del bambino è stata tale che dalle grida non ha più voce. Mi auguro che non avrà conseguenze di salute”

“Invito il sindaco e tutta l’amministrazione a dimettersi perché incapaci di garantire l’ordinario soprattutto in termini di pulizia, in una città dove tutto ciò dovrebbe essere normale.Prima o poi si vota!”.

Questo racconto della disavventura del figlioletto dell’ex consigliera affidato ad un post su Facebook ha suscitato reazioni di protesta per le precarie condizioni igieniche in cui versa la città 

Continua a leggere

Attualità

Turismo culturale: in Sicilia + 7,82%

Pubblicato

il

Il patrimonio storico-archeologico siciliano attira. Sono stati 37.237 i visitatori che hanno affollato i parchi archeologici e i musei regionali domenica 14 e lunedì 15 agosto facendo registrare quasi tremila presenze in più, con un incremento del 7,82 per cento, rispetto alle stesse giornate del 2021. Sono questi i numeri forniti dall’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana, in base alla rilevazione degli ingressi in 61 luoghi della cultura siciliana. Nel dettaglio, sono stati 18.405 gli ingressi di domenica 14 e 18.832 quelli nella giornata di Ferragosto. Diecimila le presenze nei siti greci di Agrigento. A Gela meno di 600 persone hanno visitato la Nave arcaica e si canta vittoria.

Continua a leggere

Attualità

…e i morti posteggiati aumentano. Pienone anche al cimitero monumentale

Pubblicato

il

Prima il problema era la camera mortuaria di Farello piena di bare da un mese circa e adesso si è riempita anche la camera mortuaria del cimitero Monumentale. Ecco nella foto la situazione di oggi. Morti sotto l’aria condizionata per evitare complicazioni di natura igienico-sanitaria. E quando si aprono le porte partono le lamentele di chi ha abitazioni o attività sulla via Polizelo.  Si ripropone il problema del gennaio 2021 e febbraio scorso. Non sono bastati i 300 loculi realizzati qualche mese fa con tutti i problemi connessi: liquidi dei feretri, esalazione di cattivi odori. Ad oggi sono tutti occupati e i morti tornano a stazionare nelle camere mortuaria dei cimiteri Farello e monumentale. Ce ne sono parcheggiati poco meno di un centinaio. E si torna al punto di partenza. L’ amministrazione comunale aveva previsto la realizzazione di 830 loculi ed i lavori di un primo lotto sono già iniziati al cimitero di contrada Farello. Entro qualche settimana verranno consegnati 204 loculi. Non basteranno che per qualche settimana ma almeno chi ha esalato l’ultimo respiro di recente troverà il riposo eterno.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852