Seguici su:

Attualità

Giornata mondiale della radio, la libertà attraverso un microfono

Pubblicato

il

“Quando son solo in casa

E solo devo restare

Per finire un lavoro o perché ho il raffreddore

C’è qualcosa di molto facile che io posso fare

È accendere la radio e mettermi ad ascoltare…”

Era il 1976, quando Eugenio Finardi decise di comporre un brano dedicato interamente alla radio, inserito nel 45 giri come lato B di “Musica ribelle”, antipasto dell’album “Sugo”.

A distanza di quasi quarant’anni, quelle strofe riecheggiano ancora, accompagnati da un riff di chitarra e l’espansione armonica di un basso. Il titolo non era contorto, complicato, artificioso, lambiccato ma semplice nella sua essenza: La radio. Il brano nacque come jingle di Radio Popolare, l’emittente milanese nata proprio nel 1976, dalla vocazione “libera e indipendente” e presto divenne il simbolo delle radio libere, che in quegli anni stavano prendendo piede in tutta Italia.

Le radio hanno un valore unico, indissolubile. Raggiungono il pubblico più ampio e che attualmente sta assumendo nuove forme grazie anche all’impiego dei moderni e sofisticati dispositivi tecnologici. E proprio oggi, 13 febbraio, l’Unesco celebra la giornata mondiale della radio e contribuisce alle riflessioni sulla sua funzione sociale con l’obiettivo di migliorare la cooperazione internazionale tra le emittenti radiofoniche e incoraggiare chi ha potere di decidere a creare e fornire accesso all’informazione attraverso la radio, comprese le radio comunitarie. Proprio l’Unesco ha incoraggiato tutti i paesi a celebrare questa Giornata intraprendendo attività con diversi partner, come associazioni e organizzazioni di radiodiffusione nazionali, regionali e internazionali, organizzazioni non governative, organizzazioni dei media, organi di stampa e il pubblico in generale. Una data non casuale il 13 febbraio per il World Radio Day, considerato che nello stesso giorno del 1946 venne fondata la radio delle Nazioni Unite, definita – dall’Onu – la piattaforma per eccellenza dove si dialoga democraticamente ed è il mezzo di comunicazione più diffuso al mondo. Nonostante invecchi anno dopo anno, da quel lontano 23 febbraio (giorno del primo servizio radiofonico), la radio rimane e rimarrà sempre giovane, dinamica e senza eguali proprio per la sua immediata accessibilità, anche difronte alla TV e alla costante diffusione di internet.

Chi non ricorda, in termini di componistica, le radio con le manopole di comando esterne (anche se l’estetica lasciava molto a desiderare) o quelle in bachelite, che sostituirono il legno, facilmente adattabili ad ogni ambiente. Poi, fortunatamente, arrivarono le prime radio completamente a transistor e si aprì una nuova era. Così come per gli hi-fi car, la cui antenna somigliava più ad una canna da pesca e la ricezione era costantemente in balia di un fruscio assordante e fastidioso. Il compianto Tommaso Labranca, sagace scrittore, autore ed intellettuale, sosteneva sovente che “ascoltare la radio è la cosa più vicina alla lettura. Come il libro, la radio racconta suggerendo, offre spunti sui quali si mette in gioco la fantasia. È la solita contrapposizione: la radio stimola perché è erotica, la televisione è esplicitamente pornografica.”

Chi fa radio, profonde il massimo impegno perché ha voglia di trasmettere emozioni, assieme ad una consistente passione. Innata. E dietro ad un microfono ci sono sempre un uomo, una donna che condividono, comunicando con il pubblico, diverse questioni, a volte anche spinose, affrontandole con compostezza, eleganza, mai sopra le righe. Perché il vero senso della radio è quello di dare la possibilità di mettere davanti ad un microfono la gente che si vuole nei momenti che si vuole. Così come ha fatto, dal 1′ gennaio del 1985 ad oggi, Radio Gela Express, nata dalla passione di cinque giovani che nella musica fondavano i loro principi. Ragazzi che hanno scelto di devolvere la loro quotidianità nel chiuso di un piccolo edificio di via Polizelo, per poi trasferirsi in via Zinchì e stabilirsi definitivamente in via Senatore Damaggio, nel cuore della città. Gaetano Casciana, Gaetano Bizzini, Antonio Pappalardo, Enzo di Giacomo e Crocifisso Cilia, ci hanno sempre creduto, anche quando un lp gracchiava per l’usura di una puntina del giradischi o per una bobina che si inceppava. Alcuni di loro, poi, hanno dovuto lasciare per esigenze lavorative e familiari ma tuttora insiste un forte legame di sana amicizia, per non dire fratellanza. L’identico sentimento che lega gli attuali editori Gaetano Casciana e Francesco Mangione. Radio Gela Express, l’unica emittente radiofonica presente in città e con una notevole estensione del segnale in altre aree del circondario, continua a fornire ogni giorno un ricco palinsesto di programmi, informazione, dibattiti politici intrattenimenti leggeri, senza mai scadere nella faziosità. Perché, in fin dei conti, è il pubblico che decide, nella propria imparzialità. A Radio Gela Express, in tutti questi anni, grazie al prezioso contributo del tecnico Enzo Cusumano, si sono alternate tantissime voci (l’elenco è lunghissimo) ed ognuna di loro ha manifestato una propria emozione, contribuendo notevolmente alla crescita professionale di quel giocattolo, costruito e maneggiato con cura da quasi 8 lustri, con la massima trasparenza e libertà, che nessuno mai riuscirà a rompere… Perché come canticchiava Finardi

“Amo la radio perché arriva dalla gente

Entra nelle case e ci parla direttamente

E se una radio è libera

Ma libera veramente

Mi piace ancor di più

Perché libera la mente

Con la radio si può scrivere, leggere o cucinare

Non c’è da stare immobili, seduti lì a guardare

E’ forse proprio questo che me la fa preferire

È che con la radio non si smette di pensare…”

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Un sorriso e un raggio di sole per i disabili dell’Aias di Borgo Manfria

Pubblicato

il

Un cantante neomelodico gelese Cristian Giuliani con Saveri, un trapper napoletano di Catania, regaleranno con le loro esibizioni musicali un momento di spensieratezza e di gioia agli assistiti dell’Aias di Borgo Manfria.

L’iniziativa a scopo benefico, e quindi assolutamente gratuita, è stata resa possibile grazie al manager Francesco Catania.

Appuntamento, dunque, Venerdi 21 Giugno 2024 ore 10.00, a l’A.I.A.S. di Borgo Manfria-Gela con questa bellissima iniziativa per donare un sorriso e un raggio di sole ai disabili di Gela.

Continua a leggere

Attualità

Finanziato asilo nido per 2,5 milioni

Pubblicato

il

Il sindaco uscente Lucio Greco ha reso noto che Gela si è piazzata in posizione utile nella graduatoria che riguarda il finanziamento di nuovi asili nido.

Il progetto finanziato riguarda la riconversione in asilo nido di un edificio esistente in contrada costa Zampogna.

Il finanziamento ha un importo di 2.520,00 € e l’appalto è previsto entro il prossimo ottobre.

Continua a leggere

Attualità

Ztl, da domani in centro, da giovedì al Lungomare: gli orari

Pubblicato

il


Parte da domani la Ztl in centro storico e da giovedì anche al Lungomare

Domani, mercoledì 19 giugno in Corso Vittorio Emanuele, dalle 18,00 a mezzanotte nel tratto che va dall’incrocio con via Marconi e piazza Martiri della Libertà

Da giovedì 20 giugno a lunedì 30 settembre dalle ore 20,00 alle 02,00 (corso Vittorio Emanuele);

Da giovedì 20 giugno a domenica 15 settembre dalle ore 20,00 alle 02,00 (Lungomare da incrocio tra via Vasile e Bretella Borsellino).

Area pedonale H24 al Lungomare

Riguardo il Lungomare Federico II di Svevia da giovedì 20 giugno e fino al 15 settembre nel tratto tra via Vasile e Bretella Borsellino non si potrà sostare con le auto 24 ore su 24.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852