Seguici su:

Attualità

Il PRI ricorda la nascita di Giuseppe Mazzini

Pubblicato

il

Il 22 Giugno, il PRI di Sicilia, ricorda il 217° anniversario della nascita di Giuseppe Mazzini (Genova, 1805- Pisa, 1872). La gigantesca figura di Mazzini si lega strettamente alla città di Messina, e quindi alla Sicilia, in quanto fu proprio qui che il suo nome venne scelto come rappresentante al Parlamento di Firenze nelle elezioni del 25 Febbraio. Sebbene per due volte questa elezione fu invalidata dagli organi monarchici, per altrettante volte Messina confermò il suo voto a Mazzini, anche se il genovese giammai scese in riva allo Stretto per farsi propaganda, segno dell’attaccamento dei siciliani ai valori democratici e repubblicani mazziniani. L’importanza del pensiero di Mazzini, sintetizzabile nel binomio “Pensiero ed Azione”, consta appunto nella necessità di applicare politicamente, quindi realmente, i valori essenziali connaturati all’essere umano, quali la giustizia, la solidarietà, la libertà, il lavoro giusto che realizza le facoltà dell’uomo e ne soddisfa le esigenze, la cultura come mezzo di emancipazione personale e sociale. Anche rispetto al concetto di Europa, Mazzini ebbe la sua visione egualitaria di unità di popoli e di cuori e non di livellamento economico, secondo un progetto federativo mai applicato ma che avrebbe invece potuto risolvere molti nodi della politica europea attuale, tenendo conto delle diversità di tutti i popoli pur nella consapevolezza della necessaria fratellanza tra essi. Tutti valori eterni che anche oggi la Politica dovrebbe propugnare e portare avanti, arrancando invece in un’eterna contingenza senza idealità né scelte di lungimiranza. Proprio per questo i Repubblicani, eredi di Mazzini, ricordano all’Italia il nome e la faticosa ed eroica attività di questo purissimo padre della Patria, affinchè i suoi valori possano nuovamente diventare pane quotidiano della sempre più povera scena politica italiana attuale. Da rispolverare potentemente, nell’ideario mazziniano, è anche l’enorme importanza che egli dava al concetto di Dio come elemento lievitante di ogni “popolo nuovo”, anche qui sintetizzata dal binomio “Dio e Popolo”, fonte di morale e di umanità: “Noi cademmo come partito politico. Dobbiamo risorgere come partito religioso. L’elemento religioso è universale, immortale: universalizza e collega. Ogni grande rivoluzione ne serba impronta, e lo rivela nella propria origine o nel fine che si propone. Per esso si fonda l’associazione. Iniziatori d’un nuovo mondo, noi dobbiamo fondare l’unità morale, il cattolicismo Umanitario”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

La Verga di Caltanissetta prima al concorso di comunicazione

Pubblicato

il

Caltanissetta- Si sono classificati primi nel loro girone con uno spot di comunicazione sociale intitolato «La città di tutti … una città per tutti».

Sono cinque tra alunne e alunni della sezione E del primo anno della scuola media Giovanni Verga dell’Istituto Comprensivo Antonino Caponnetto di Caltanissetta.

Superata la fase interregionale dell’edizione 2024 del Digital Changemaking Contest che si è svolta lo scorso marzo al Real Collegio di Lucca, gli alunni della scuola Verga guidata dal Dirigente Maurizio Lomonaco, ritorneranno nella cittadina toscana il 29 e il 30 maggio prossimo per partecipare alla fase nazionale del contest che decreterà i Best Digital Changemakers 2024.

Continua a leggere

Attualità

A Ragusa lutto cittadino per la morte di Leone

Pubblicato

il

Ragusa – Dalle 15:30 alle 16:30 di domani, venerdì 19 aprile, in concomitanza con la celebrazione dei funerali del maestro Giuseppe Leone che si svolgeranno nella Cattedrale di San Giovanni, Ragusa sarà in lutto cittadino. Ad annunciarlo il sindaco Peppe Cassì.

“In segno di rispetto per le esequie, è stato stabilito di esporre le bandiere a mezz’asta in tutti gli edifici pubblici e di sospendere le manifestazioni pubbliche eventualmente in programma in quell’arco di tempo. Invito inoltre tutti i ragusani, le attività commerciali, le organizzazioni di qualsiasi tipo e le scuole attive a sospendere le proprie attività in quella fascia oraria per unirsi simbolicamente in un piccolo momento di raccoglimento”.

Continua a leggere

Attualità

Comune di Butera mette all’asta borgo Guttadauro

Pubblicato

il

Butera – C’è tempo fino al 26 aprile per presentare l’offerta al Comune per acquistare il borgo fantasma.

L’amministrazione municipale, guidata dal sindaco Giovanni Zuccalà,ha messo all’asta con un prezzo di base di 716 mila euro il borgo Guttadauro dedicato ad un capitano fascista gelese.

Il borgo fu costruito nel 1940 ( con la piazza centrale, la chiesa, la scuola,la caserma dei carabinieri e varie strutture) ma è stato subito abbandonato e tutto è un rudere.

Il Comune di Butera ne ha avuto la proprietà nel 1970 ma non ci sono fondi per un intervento massiccio. La decisione presa è di vendere.

 

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852